Articolo

Spese per la scuola: fra i grandi Comuni Italia divisa in due

Quanto spendono le grandi città nell’istruzione? Sul podio Torino, Trieste e Milano, chiudono Messina, Napoli e Palermo.  I 15 Comuni più popolosi spendono mediamente €127 pro capite per la scuola.
Openbilanci.it ci permette di “spulciare” tutti i bilanci degli oltre 8000 Comuni italiani da 10 anni a questa parte. Interessante è confrontare la spesa delle diverse città italiane, specialmente su temi caldi come la scuola a pochi giorni dalle riapertura dopo la pausa estiva.

Per fare una rapida fotografia alla situazione nel nostro Paese abbiamo stilato una classifica delle 15 città più popolose d’Italia. La domanda a cui rispondere è abbastanza semplice: quali sono le amministrazioni comunali che investono di più nell’istruzione? La risposta vede l’Italia divisa in due.

Nel 2012 sul podio vanno tre città del Nord: Milano (€190,57 pro capite) Trieste (€192,13 pro capite) e Torino (€209,24 pro capite). Il capoluogo piemontese, primo in classifica, ha superato sia Trieste che Milano nel 2011, facendo un forte investimento nell’istruzione. Torino è infatti l’unica città che nel 2012 ha superato quota €200, ripetendo l’exploit del 2010, quando superò persino quota €220 pro capite.

Mediamente i grandi Comuni spendono €126,98 per ogni cittadino nella scuola, con il 40% che ne spende meno di 100Fanalino di coda il Sud: Palermo è fermo a €45,77 pro capite, Napoli a €44,50 e Messina, ultima in classifica, a €36,77.

Grandi città: chi spende di più per la scuola?


 

Per approfondimenti:

 


* openbilanci.it è la piattaforma web che rende finalmente pubblici i bilanci negli ultimi dieci anni di tutti i comuni italiani. Una grande quantità di dati grezzi e ufficiali è stata liberata ed è ora pronta per essere scaricata da cittadini, media e ricercatori. Inoltre confronti, classifiche e mappe sono di supporto per addentrarci in un ambito che non sia per i soli addetti ai lavori e che ci permetta di chiedere conto ai nostri politici.

Nessun voto

Contenuti del Dossier