News

Lavorare sulle specializzazioni dei territori per far crescere la competitività delle aziende sui mercati esteri

Alleanze fra il pubblico e il privato per supportare l’internazionalizzazione delle imprese. questo il tema dell'evento di questa mattina a FORUM PA 2014. Il quadro tratteggiato da ISTAT è tutt’altro che incoraggiante, dal momento che mostra come il nostro Paese non solo abbia una domanda interna ormai da anni drammaticamente debole, ma evidenzia anche una recente dinamica di preoccupante decremento del contributo della domanda estera a sostegno del PIL. L’export italiano è fatto al 50 per cento dalle PMI, che lamentano costi di produzione non comprimibili e cronica difficoltà di accesso al credito e scontano insufficienze dimensionali e carenze di ordine manageriale. 

L’azione di governo punta a far crescere il numero delle imprese esportatrici, ad attrarre investimenti esteri e ad attrarre talenti, mentre le imprese chiedono di ridurre la frammentazione degli interventi e di rafforzare il ruolo centrale dell’ICE nelle azioni di promozione del sistema Italia nei mercati esteri.

Dalle esperienze sul campo condotte dalle regioni, emerge la necessità di attribuire pari rilievo alla competitività delle imprese e a quella dei territori, di lavorare in modo accurato sulla programmazione, di valorizzare le specializzazioni territoriali e di offrire alle imprese servizi di accompagnamento ad alto valore aggiunto, tesi a rafforzare la loro capacità di presidiare i mercati internazionali in modo stabile e continuativo.

Qui le slide di Roberto Monducci - Istat

Your rating: Nessuno Average: 4 (1 vote)