News

Dati su non profit, PA e imprese: come riusarli? La sfida dell'Istat aperta fino al 2 maggio

C'è tempo fino al 2 maggio 2014 per partecipare al contest sul riuso dei dati raccolti e diffusi con il Censimento. In squadra o come singoli, la sfida è presentare visualizzazioni e applicazioni utili e innovative, usando i dati su imprese, PA e non  profit (ma non solo quelli).

 

 

La  competizione è aperta a singoli o squadre che abbiano al loro interno i più diversi profili: studenti, universitari e ricercatori, data journalist, data designer, sociologi ed esperti tematici, statistici, policymaker, sviluppatori, gruppi della società civile, organizzazioni e cittadini attivi (…).

Per partecipare basta registrarsi attraverso apposito form e inviare il proprio lavoro entro il 2 maggio 2014, secondo le modalità stabilite nel Regolamento.

I dati del  9° Censimento generale dell’Industria e dei Servizi e Censimento delle Istituzioni non profit 2011 sono accessibili in diversi formati nel data warehouse e, per la durata del contest, è attivo un helpdesk dedicato che offre supporto ai partecipanti registrati. Ai fini della competizione i dataset del Censimento possono essere liberamente elaborati e incrociati con ogni altro dataset diffuso dall’Istituto o da altri soggetti pubblici e privati.

premi per le prime tre posizioni corrispondono a 3000 euro per il primo classificato; 2000 euro per il secondo classificato; 1000 euro per il terzo classificato. La Giuria potrà decidere di assegnare una o più menzioni speciali. A tutti i lavori sarà data visibilità sul sito del Censimento.

La premiazione si svolge a maggio, durante FORUM PA 2014 (Roma, 27 – 29 maggio).

Le informazioni necessarie per partecipare si trovano nella pagina dedicata all’iniziativa. Per rispondere a ogni ulteriore questione è attivo l’account datachallenge@istat.it

 

Su twitter #censimenti #datachallenge

Leggi il Regolamento

Registrati per partecipare alla #Censimenti Data Challenge

Fonte: www.censimentoindustriaeservizi.istat.it

 

Nessun voto