Articolo

Quali soluzioni per rispondere alle sfide urbane a livello locale? Il Bloomberg Mayors Challenge sbarca in Europa.

Una competizione dedicata ai sindaci e alle città che l’anno passato ha visto la partecipazione di oltre 300 città degli USA, con soluzioni che vanno dall’educazione della prima infanzia alla gestione dei rifiuti a livello locale. Quest’anno tocca alle città europee inventare soluzioni e strategie per dare risposta ai problemi del nostro millennio. Vi raccontiamo come si svolge la competition e quali sono le tappe che porteranno all'assegnazione del premio.

155 sindaci di città europee hanno inviato idee innovative per risolvere le sfide urbane del nostro millennio e vincere il Bloomberg Mayor’s Challenge 2013-2014.

La competizione cerca di ispirare le città europee per generare idee innovative in grado di risolvere le grandi sfide e migliorare la vita della città. Il 70 % delle città partecipanti ha proposto idee per affrontare problemi sociali o economici, tra cui la disoccupazione, l'efficienza energetica, l'obesità e l'invecchiamento. Il restante 30 % delle iniziative delle città si è concentrato, invece, sul miglioramento dell'efficacia e dell'efficienza del governo globale. La competizione è stata disegnata sul modello statunitense e assegnerà 5.000.000 € per il vincitore del primo premio e € 1.000.000 per le quattro città che avranno l’idea più creativa e scalabile. Il processo di selezione è ora in corso per determinare i 20 finalisti e il tasso di partecipazione delle città è incredibilmente superiore a quello della concorrenza negli Stati Uniti.

"La risposta alla sfida Sindaci in Europa ha superato anche le nostre aspettative ", ha dichiarato Michael R. Bloomberg , filantropo e sindaco di New York City. “Per il comitato di selezione sarà molto difficile decidere chi vincerà il premio".

Le 155 città candidate provengono da 28 paesi e rappresentano oltre 71 milioni di europei. Città grandi e piccole stanno partecipando al Mayors Challenge: il 49 % ha tra 100.000 e 250.000 abitanti, il 28 % ha tra 250.000 e 500.000 abitanti , e il 23 % ha più di 500.000 residenti.

Le città partecipanti attraversano il continente, con il 35 % dal Sud Europa, il 25% dall'Europa occidentale, il 19 % dall'Europa dell'Est, il 15 % dalle isole britanniche  e il 6 % dal Nord Europa . 19 sono le capitali europee da Stoccolma a Atene , da Parigi a Varsavia.

A gennaio 2014 le città hanno presentato le loro idee. Vediamo un’analisi di come si sono mosse le città nel scegliere il challenge e nel costruire reti e approcci al problema.

Temi scelti

  • 12 % focus su disoccupazione e sviluppo della forza lavoro
  •  9 % focus su efficienza energetica
  •  7 % focus su obesità , inattività , cibo la povertà
  •  5 % focus su mancanza di sostegno e risorse per l'invecchiamento
  •  5 % focus su bassi livelli di capitale sociale

Partners

  • Il 95 % si basano sul coordinamento con altri attori del territorio
  • 75 % si basano su partenariati con il settore privato
  • Il 73 % si basano su partenariato con studiosi e ricercatori
  • Il 50 % si basano su partnership non profit
  • 43 % si basano sull'impegno dei cittadini

Approcci

  • 63 % dei progetti impiega la tecnologia
  • 20% coinvolge il co –design
  • 16% coinvolge i volontari
  • 15 % comporta l’apertura dei dati
  • 14 % coinvolge l’open innovation
  • 12 % usa la gamification

In primavera saranno annunciati i 20 finalisti. Il 29 e il 30 aprile 2014 le idee saranno accelerate in un programma di due giorni a Bruxelles in cui un team di esperti aiuterà le città a rafforzare le loro idee al fine di garantire il massimo impatto. I finalisti riceveranno un coaching personalizzato per preparare la presentazione finale. I vincitori saranno annunciati il prossimo autunno.

Il comitato è composto da esperti di innovazione e di politica urbana. Le città saranno giudicate su quattro criteri: la visione della loro idea e novità,  l'impatto potenziale , la scalabilità, e la qualità dei piani di attuazione .

I membri del comitato di selezione includono:

    Christian Bason, direttore del MindLab (Danimarca )
    Fino Behnke, fondatore di betterplace.org (Germania )
    Ricky Burdett , docente di Urbanistica alla London School of Economics and Political Science e direttore della LSE Cities (Regno Unito )
    Bruno Giussani, direttore europeo di TED (Svizzera)
    Lamia Kamal - Chaoui , Consigliere del Segretario generale ed ex capo del Programma Urbano presso l'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo )
    Christine Leitner, Consigliere politico presso il ministero federale austriaco dell'Economia , della Famiglia e della Gioventù (Austria)
    Maria Manuel Leitão Marques, Professore Ordinario presso la Facoltà di Economia dell'Università di Coimbra e ex Segretario di Stato per la modernizzazione amministrativa (Portogallo)
    Geoff Mulgan, Amministratore Delegato di Nesta (Regno Unito )
    Bertin Nahum, Presidente e CEO di Medtech SA (Francia )
    Carlo Ratti, direttore del MIT Senseable City Lab e fondatore di Carlo Ratti Associati ( Italia )
    Silvija Seres, indipendente investitori e Consigliere e Amministratore Delegato di TechnoRocks (Norvegia)
    Iván Tosics, Amministratore Delegato di Metropolitan Research Institute (Ungheria)

Per visualizzare l' elenco completo delle città partecipanti, guarda qui.

 

Your rating: Nessuno Average: 3.5 (2 votes)