Articolo

Messaggio in bottiglia da Zurigo: “Ci vediamo al ristorante per uno Stammtisch sugli Open Data!”

Il secondo racconto ci viene riportato da Micha Rieser dalla Città di Zurigo, dove un gruppo molto motivato sta lavorando da tempo per portare la città ai massimi livelli di innovazione in Europa.

Quello di Zurigo è il portale open data principale fra le città della Svizzera, nonostante la piattaforma ed il quadro di regolamentazione siano stati sviluppati in un tempo brevissimo:

http://www.srf.ch/player/tv/10vor10/video/open-data-staat-ohne-geheimnisse?id=d9d437d1-bbef-4f9d-924f-3c52347a2131.

I nostri colleghi svizzeri ci raccontano di aver presto scoperto che “pubblicare soltanto i dati nella piattaforma non è sufficiente per promuovere il movimento open data a Zurigo”.

Pertanto, hanno avviato da subito una forte relazione con la comunità di utilizzatori in Svizzera, e al tempo stesso con i titolari dei dati nei diversi Dipartimenti dell’Amministrazione cittadina.

Dunque, anche qui a Zurigo la parte “umana” degli open data sembra essere il più importante punto di attenzione.

Sono stati realizzati diversi casi di successo con i cittadini di Zurigo: a neanche un mese dal lancio del portale è stata sviluppata la prima app che ne usava i dati. La app – ci dice Micha - serve a gestire lo smaltimento dei rifiuti in diverse aree della città (http://www.bretscherhochstrasser.ch/entsorgungzuerichapp.html) ed è tuttora piuttosto utilizzata dai cittadini. Un altro esempio interessante è la visualizzazione del bilancio della Città di Zurigo (http://zurich.budget.opendata.ch/), realizzato nello scorso Marzo 2013 durante gli ultimi Hackdays Make.Opendata.ch a Berna (http://make.opendata.ch/wiki/event:2013-03 ).

Anche a Zurigo, l’organizzazione di incontri e hackdays è la forma di coinvolgimento che ha funzionato meglio con i cittadini.

Per quanto riguarda le startup, esse sono state coinvolte direttamente nell’organizzazione delle hacknights e degli eventi, oppure sono stati prodotti dataset ad-hoc per soddisfare specifiche necessità di business (come ad esempio una piccola azienda che ha sviluppato un calendario web-based che raccoglie tutti gli eventi per bambini).

La Città di Zurigo – ci dice Micha – ha deciso di unire eventi più grandi come i classici hackathons, che saranno implementati durante tre “hacknights” in questo Autunno 2013 http://make.opendata.ch/wiki/event:2013-10 organizzati con Opendata.ch e Mingle.io, a incontri più regolari e informali, i cosiddetti “Stammtisch”, tenuti in un ristorante di Zurigo con una determinata frequenza. Questo è il curioso invito a uno di questi Stammtisch:

"… Ti invitiamo a questo secondo incontro. Durante questo Stammtisch parleremo delle questioni più rilevanti sui dati aperti della PA, berremo birra (o qualcos altro), e forse mangeremo anche qualcosa (bevande e pasti sono a carico dei partecipanti). Saranno presenti anche membri del gruppo open data della Città di Zurigo, ascolteranno i tuoi progetti, i tuoi problemi sui dati pubblicati, e le tue aspettative di ulteriori dati da pubblicare”.

Per l’Amministrazione – ci dice Micha – questi eventi sono una grande opportunità di entrare in contatto diretto con la comunità, per raccogliere idee e riscontri di cosa gli utenti avrebbero fatto diversamente, o quali dati effettivamente vorrebbero vedere sul portale. La stessa idea di organizzare le Hacknights (distribuite su tre notti in un mese anziché in un'unica giornata o weekend) è venuta ad uno Stammtisch, così come l’argomento (trovami il locale o negozio giusto per quello che vorrei) e la definizione dei co-organizzatori dell’evento.

Durante uno Stammtisch il gruppo di colleghi open data della Città è stato invitato da un gruppo di ricerca del politecnico ETH a partecipare ad un seminario sulla mappatura di aree di crisi in Svizzera.

Si tratta in ogni caso di occasioni di condivisione e, soprattutto, di incontrare persone dal vivo, non virtualmente su Twitter, email o altro.

La piattaforma Open Government di Zurigo è gestita soprattutto dall’Ufficio Statistica e non direttamente dalla sola componente IT, come accade tipicamente, ma sono comunque coinvolti molti altri dipartimenti dell’Amministrazione. Un primo forte contributo viene dall’ufficio dei Sistemi Informativi Territoriali, con cui sono stati co-organizzati gli eventi. Altri uffici hanno poi partecipato agli hackathon, come lo Sviluppo Economico, la gestione Aree Verdi della Città, e recentemente anche un componente dell’ufficio Comunicazione del dipartimento presidenziale.

Agli Stammtisch sono poi intervenuti anche colleghi di altri uffici, come il Trasporto Pubblico (VBZ), che ha partecipato all’Urban Data Challenge 2013 (http://urbanprototyping.org/prototype/challenges/urban-data-challenge-zurich-sf-geneva/).

Il gruppo open data di Zurigo sta coinvolgendo sempre più anche le Public Utilities, che trovano dati utili al loro lavoro quotidiano, e sono anche in procinto di aggiungere loro dataset alla piattaforma cittadina.

Come ci dice il nostro amico Micha “il ricevere dati dalle Public Utilities non è più una questione di SE, ma solo di QUANDO li riceveremo”.

Carta di identità

Zurich Open Data

http://data.stadt-zuerich.ch/content/portal/de/index/ogd.html

Persona di riferimento

Micha Rieser

Pubblicazione della piattaforma

28 Giugno 2012

Numero di dataset (ad oggi)

155

Numero di dataset geo-referenziati

63

Numero di dataset disponibili tramite API o Web Service OGC

60

Caratteristiche della piattaforma Open Data

In arrivo a fine 2013 il nuovo portale con CKAN

Numero di dataset in formati Linked Data

Non ancora

 

 

Your rating: Nessuno Average: 2 (1 vote)

Contenuti del Dossier