News

Risparmi auto blu, l’esempio virtuoso della Giunta regionale del Veneto

Auto blu: come si fa in concreto a risparmiare? Il tema è stato affrontato in un incontro nella sede di Formez PA, a Roma, fra i vertici dell’Istituto - erano presenti il direttore generale Marco Villani e il consigliere di amministrazione Angelo Raffaele Dinardo - e una delegazione della Regione Veneto guidata dal vicepresidente Marino Zorzato.

Guarda la sintesi video dell'incontro

Formez PA svolge infatti dal 2010 il monitoraggio nazionale del parco auto pubblico e dei relativi costi, fornendo così al Governo quegli elementi conoscitivi che sono serviti ad emanare una puntuale normativa tesa al contenimento dei costi (che oggi sono di circa 1 miliardo e 200 milioni annui su scala nazionale).

La Giunta Regionale del Veneto è un esempio di ente locale “virtuoso”, che ha realizzato in due anni un risparmio del 29% sulle spese di gestione e acquisizione del parco auto. La “buona pratica” della Regione Veneto, che ha superato anche le indicazioni del Governo di un risparmio nel 2011 del 20% sulle spese sostenute nel 2009, si è imperniata soprattutto sulla dismissione di vetture di grossa cilindrata e sulla riduzione del numero di personale adibito al servizio, che è stato reimpiegato in altre funzioni. Attualmente le auto blu con autista in dotazione alla Giunta sono 7, cui si aggiungono altre 13 a disposizione degli uffici nonché 269 auto “grigie”, cioè senza autista e adibite a servizi e attività operative (ad esempio, pronto intervento protezione civile e servizi forestali).

 

Il direttore Villani ha sottolineato l’intenzione di Formez PA di proseguire ad incontrare gli enti che hanno realizzato validi percorsi di risparmio, considerato che i risultati finora ottenuti a livello nazionale sono stati giudicati dallo stesso Ministro della PA Filippo Patroni Griffi ancora al di sotto delle attese. Il vicepresidente Zorzatoha aggiunto che l’impegno della Regione Veneto è destinato ad intensificarsi, e già con il prossimo 30 novembre sarà del tutto rispettata la norma che vieta l’uso di auto di cilindrata superiore ai 1600.

Nessun voto