Articolo

Ecco l’Agenzia per l’Italia Digitale. Via DigtPa, Dipartimento digitalizzazione e Agenzia dell'innovazione

Il Decreto Sviluppo approvato oggi dal Consiglio dei Ministri contiene una norma importante per il tema della digitalizzazione della PA e del Paese che punta ad accelerare lo sviluppo dell'Agenda Digitale del nostro Paese. Nello specifico il documento istituisce l’Agenzia per l’Italia Digitale, alla quale vengono attribuite tutte le funzioni in materia di innovazione tecnologica svolte finora da tre diversi enti – DigitPa, Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione, Dipartimento per la digitalizzazione della PA della Presidenza del Consiglio - che vengono soppressi o riorganizzati.

Alla nuova Agenzia quindi spettano compiti di ordine politico (coordinare le politiche e le strategie di diffusione delle nuove tecnologie), tecnico (come quello di assicurare la piena interoperabilità dei sistemi informatici della Pubblica Amministrazione, secondo i parametri comunitari) e funzionale (razionalizzazione della spesa pubblica informatica, coordinando la gestione dei dati dell’Amministrazione statale, regionale e locale).

In questo modo si vuole superare il problema della frammentazione delle competenze e porre le basi per una programmazione unitaria e coordinata delle risorse sul fondamentale fronte dell’innovazione.

Scarica il documento "SCHEMA DI DECRETO LEGGE - MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE” (le parti che interessano la nuova agenzia sono gli art. 18-22 - da pagina 16)

Your rating: Nessuno Average: 3.9 (7 votes)

Commenti

Proposta

Per evitare di ricadere nei precedenti fallimenti quali il CNIPA e, ancora peggio, Digit PA, per non parlare del dipartimento dell'innovazione, perchè non si prova a mettere qualcuno competente a capo dell'Agenzia e non il solito politico che di informatica non capisce nulla. Io un nome ce l'avrei, Luca Attias che dal punto di vista della competenza e delle capacità manageriali metterebbe d'accordo tutti. Se non avete capito di chi sto parlando andatevi a vedere le sue inteviste al forum PA e i commenti che ne sono seguiti.

Sei una sognatrice

Non succederà mai. In Italia un posto così importante non verrà mai assegnato sulla base delle competenze e del curriculum.

io sono fiducioso del fatto

io sono fiducioso del fatto che si stà avanzando sempre più verso un futuro più smart per quanto riguarda le nuove tecnologie applicate al modo di fare politica e soprattutto applicate alla p.a., con l'applicazione delle ITC alla P.A. l'Italia cambierà passo più velocemente ed emergeranno i veri talenti, rassicuratevi, se la politica non l'ha ancora capito e pensa di sbrigare le cose alla vecchia maniera non avrà ancora molto tempo per cambiare, spero e sono sicuro non ci sarà in futuro una classe politica fatta di personaggi che sanno solo mostrarsi e promettere chiacchiere, ma solo di persone più oneste e aperte al nuovo coinvolgendo comunque la gente sulle questioni importanti
.