Soluzioni e progetti a FORUM PA

Cassa Depositi e Prestiti a FORUM PA 2012

Bilancio positivo per la partecipazione della Cassa depositi e prestiti (CDP) a FORUM PA 2012, con il Presidente, Franco Bassanini, e l’Amministratore delegato, Giovanni Gorno Tempini, presenti all’inaugurazione. Alta è stata l’affluenza del pubblico presso lo stand di Cassa, reso più moderno nell'immagine e più funzionale per offrire un servizio migliore alla clientela. CDP ha organizzato anche due workshop per illustrare sia le ultime novità messe a punto in tema di finanziamenti agli Enti locali, sia le opportunità offerte dal Fondo Kyoto.
Padiglione 8 stand 02A

La scheda di presentazione a cura di Cassa depositi e prestiti. 

CDP ha rinnovato anche per il 2012 la sua partecipazione al Forum della Pubblica Amministrazione, che si è svolto dal 16 al 19 maggio a Roma, evento che rappresenta il principale punto di incontro e confronto sull'innovazione tra soggetti pubblici e privati.

Il Presidente Bassanini, nel suo intervento al Convegno inaugurale “Agenda digitale, sviluppo, semplificazione: la via italiana alla crescita” ha lanciato una “proposta radicale che necessita di coraggio: collocare nel debito pubblico i debiti commerciali togliendo invece gli investimenti, che non sono un vero debito se hanno dei ritorni”. Ha poi sottolineato ancora una volta la necessità primaria per il nostro Paese, “se non riprende la crescita, il pareggio strutturale resta lontano da quello contabile” ed ha rimarcato il suo giudizio positivo per il processo di digitalizzazione della PA, ormai imprescindibile. “la PA diventi driver dell’innovazione – ha concluso Bassanini – perchè investire in servizi significa produrre domanda”.

Nelle giornate del Forum, è stata alta l’affluenza di pubblico allo stand di Cassa, reso più moderno nell'immagine e più funzionale per offrire un servizio migliore alla clientela: sia semplici cittadini che numerosi rappresentanti di amministrazioni pubbliche locali e di associazioni private.

CDP ha organizzato presso lo stand due workshop per illustrare sia le ultime novità messe a punto in tema di finanziamenti agli Enti locali, sia le opportunità offerte dal Fondo Kyoto.

Sul tema della “Gestione dei Residui” nei Prestiti Ordinari, il 17 maggio il team Enti Pubblici di Cassa ha spiegato come risparmiare sulle rate di rimborso dei prestiti, ridurre l’indebitamento e recuperare risorse da reinvestire nel territorio, ma anche ottenere in tempi sempre più brevi il finanziamento richiesto attraverso una serie di interventi che consentono di ottimizzare l’utilizzo finanziario dei residui non erogati sui mutui concessi da Cassa, recuperando risorse e favorendo, quindi, gli investimenti. Un’operazione importante, che ha coinvolto circa 5mila Amministrazioni tra Comuni e Province, per un ammontare complessivo di risorse fino a 1,5 miliardi di euro.

Al Forum, nella mattina del 18 maggio, Cassa ha anche ulteriormente sottolineato la sua sensibilità nei confronti dell’ambiente: i 600 milioni di euro del Fondo Kyoto, istituito presso CDP, finanziano infatti la realizzazione di interventi per la riduzione delle emissioni di gas serra, responsabili del riscaldamento globale, in attuazione del Protocollo di Kyoto. Il Fondo è rivolto direttamente a cittadini, condomini, persone giuridiche private – un “unicum” per CDP – imprese e a soggetti pubblici.

Sempre in tema ambientale, il 18 maggio pomeriggio, Cassa ha partecipato alla tavola rotonda "Efficienza energetica dei patrimoni pubblici".

Un’occasione importante, quindi, il Forum 2012, per il Presidente Bassanini, all’interno della sua keynote dal titolo “La riforma dell’amministrazione: il ruolo della Cassa depositi e prestiti per lo sviluppo e la competitività", ha spaziato dai temi del cambiamento della PA a quelli che attengono al ruolo della "mano pubblica" in economia e si è soffermato su quanto CDP sia attenta e pronta ad intervenire sulle tematiche rilevanti e strategiche dell’attività economica nazionale e internazionale, rimarcando ancora una volta il ruolo centrale della Cassa depositi e prestiti per lo sviluppo di lungo periodo e per la competitività dell’Italia.

Nessun voto