Soluzioni e progetti a FORUM PA

Emc a FORUM PA 2012

La partecipazione a FORUM PA conferma la volontà di EMC di presidiare attivamente il mercato della Pubblica Amministrazione con un approccio integrato e personalizzato, anche grazie al supporto dei propri partner, fondamentali per operare in un mercato strategico e complesso come questo. Si tratta di aziende che offrono tecnologie e servizi che completano lo scenario delle più recenti innovazioni tecnologiche EMC dei Big Data e dell’IT Transformation, che possono contribuire significativamente ad una rivoluzione della PA, nell’ottica di una apertura sempre maggiore verso i cittadini e le realtà produttive. EMC si riconferma infatti in prima linea nel rendere il rapporto tra istituzioni e cittadini realmente più diretto, con una gamma d’offerta senza confronti, che permette di coprire ogni aspetto della gestione del dato, e dove la differenza non è data in realtà solo dall’uso della tecnologia.
Padiglione 8 stand 5A

La scheda di presentazione a cura di Emc
 

Il Forum PA è un appuntamento irrinunciabile per chi opera insieme al mondo della Pubblica Amministrazione mettendo a disposizione di enti e agenzie le competenze, le tecnologie e le soluzioni che consentano di rendere il rapporto tra istituzioni e cittadini realmente più diretto ed appagante.
EMC si conferma ancora una volta in prima linea in questo, con una gamma d’offerta realmente senza confronti, che consente di coprire ogni aspetto della gestione del dato, dalla sua acquisizione all’immagazzinamento, dalla gestione fino alla protezione ed alla distribuzione controllata. Non sono solo le tecnologie a fare la differenza: la grande esperienza di EMC permette all’azienda di offrire un approccio realmente omnicomprensivo, in  grado cioè di considerare ogni elemento a disposizione come una tessera del mosaico di informazioni complessivo che una realtà – pubblica o privata non fa differenza – si trova a dover gestire.

In ambito PA, questo risulta particolarmente importante perché le informazioni che gli enti e le agenzie si trovano a gestire sono spesso sensibili, e perché ad essi devono poter accedere i cittadini, con modalità controllate ma sempre più differenziate – pensiamo solo agli e-service, o alla possibilità di ottenere informazioni e di ricevere certificati tramite accessi in mobilità.

La quantità di informazioni nella PA continua a crescere, rappresentando un duplice problema di costi e di qualità dei servizi. Ma non tutte le informazioni e documenti hanno lo stesso valore e, soprattutto, non lo mantengono inalterato nel tempo: nuove normative si aggiungono chiedendo il mantenimento sicuro delle informazioni nel tempo, mentre nuove modalità operative all’interno dell’amministrazione e nei rapporti tra l’amministrazione e terzi concorrono ad aumentare i flussi di informazione digitale. Alcune informazioni devono essere immediatamente disponibili, altre richiedono un tempo di accesso più lungo, a fronte di una garanzia assoluta di conservazione. I tempi richiesti di accesso ovviamente influiscono sui costi complessivi del sistema.

Per realizzare un’infrastruttura cloud computing realmente efficace non si può prescindere da una serie di elementi: una tecnologia storage efficiente ed affidabile, la sicurezza dei dati e delle applicazioni, un software di virtualizzazione potente. Di fondamentale importanza è l’adozione di un approccio che consenta di considerare anche la sicurezza come parte integrante di ogni progetto. Si parla di sicurezza dei dati e delle informazioni, spesso sensibili, interessati dai workflow e che devono essere protetti durante ogni passaggio. Ma anche conformità alle normative che sempre più spesso vengono promulgate e che richiedono una tracciabilità delle informazioni oltre alla possibilità di ritracciare in ogni momento il percorso, la situazione e le attività effettuate su di esse. Cloud computing, storage e sicurezza sono quindi elementi strettamente legati tra loro e di fatto inscindibili.

“Se la Pubblica Amministrazione  è considerata un segmento di mercato di “follower” anziché “early adopter” soprattutto a causa di cicli di vendita particolarmente lunghi, in realtà oggi siamo in presenza di una situazione disomogenea, nella quale le eccellenze significative non mancano -  spiega Alessandro Starita, responsabile Emc per il mercato della Pubblica amministrazione - . E se nel confronto con le Pubbliche Amministrazioni europee, a parte alcune eccezioni, la presenza IT segna ancora uno svantaggio italiano dal punto di vista delle risorse economiche, la grande attenzione ora dedicata al tema e il nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale hanno dato un impulso significativo all’innovazione della PA italiana. EMC è sicuramente pronta a dare il proprio contributo e cogliere fattivamente questa grande opportunità per l’intero sistema paese.”

Per contribuire a realizzare tutto questo, EMC punta ancora una volta sull’efficienza dei processi, e sostiene l’adozione di tecnologie che possano abilitare e rendere possibile un nuovo volto della Pubblica Amministrazione.

L’area espositiva di EMC sarà collocata presso il padiglione 8, stand 5/A, ed ospiterà 6 partner di rilievo: Cisco e VMware – partner tecnologici – R1, Infocert, Infordata e Lutech che offrono tecnologie e servizi che completano lo scenario delle più recenti innovazioni tecnologiche EMC dei Big Data e dell’IT Transformation, che possono contribuire significativamente ad una rivoluzione della PA, nell’ottica di una apertura sempre maggiore verso i cittadini e le realtà produttive. Le soluzioni e le tecnologie EMC permettono infatti di ottimizzare gli investimenti e realizzare infrastrutture IT sempre più flessibili ed affidabili consentendo di rendere più snelli ed efficienti i processi oltre a sviluppare parallelamente servizi innovativi.

La partecipazione al Forum PA conferma la volontà di EMC di presidiare attivamente il mercato della Pubblica Amministrazione con un approccio integrato e personalizzato, anche grazie al supporto dei propri partner, fondamentali per operare in un mercato strategico e complesso come questo.

Nessun voto