Intervista

La classe dirigente che non c'è. Luca Attias a FORUM PA 2012

Luca Attias, Dirigente Generale della Direzione Generale dei sistemi informativi automatizzati della Corte dei conti, tornerà a parlare di valorizzazione delle persone a FORUM PA 2012: appuntamento mercoledì 16 maggio alle ore 16.00. Un appuntamento imperdibile per tutti i nostri lettori che, in questi ultimi quattro anni, hanno continuato ad animare quella sorta di “forum” spontaneo nato dall’ormai famosa intervista ad Attias, seguita alla sua vittoria nel Premio innovatori del FORUM PA 2008.

Da quella chiacchierata e dai successivi commenti emergeva, anzi si confermava, un ritratto davvero sconfortante della nostra PA e, più in generale, del nostro Paese, in cui meritocrazia e valorizzazione delle competenze erano concetti più unici che rari. Tanto da far sembrare assolutamente rivoluzionario il lavoro di Luca Attias che, da Dirigente dei sistemi informativi della Corte dei Conti, aveva ottenuto grandi risultati in termini di efficienza proprio partendo da un passaggio semplice solo all’apparenza: la riorganizzazione delle attività del suo ufficio in funzione delle attitudini dei singoli collaboratori.

Il prossimo 16 maggio a FORUM PA scopriremo se le riflessioni emerse in quell’occasione sono ancora così attuali…qualche anticipazione Luca Attias ce l’ha data in questa intervista. Parleremo dell’importanza del “buon senso” per un manager che voglia valorizzare i propri collaboratori e dipendenti e di quanto pesi sul nostro Paese l’incancrenirsi di metodi sbagliati per la scelta della classe dirigente. Ma, promette Attias, parleremo anche di cinema, musica, arte… 

Your rating: Nessuno Average: 5 (1434 votes)

Commenti

Visitate il sito di Roger Abravanel

//www.meritocrazia.com/

è il più importante sito sulla meritocrazia esistente in Italia.

Quattro proposte concrete per promuovere la meritocrazia in Italia

•1. Lanciare una delivery unit (“unità di consegna”) simile a quella utilizzata da Tony Blair per “consegnare” ai cittadini miglioramenti concreti e misurabili nella qualità del settore pubblico, grazie a un approccio innovativo per creare una giovane ed eccellente classe dirigente nella Pubblica Amministrazione.
•2. Creare un sistema di testing nazionale standard per misurare la qualità della nostra scuola e il merito di insegnanti, che sono l’unica vera leva per aumentare il merito degli studenti. Gli obbiettivi sono
•a) selezionare qualche università di eccellenza;
•b) aumentare il numero dei laureati triennali che trovano lavoro adeguato;
•c) migliorare drasticamente la qualità della scuola primaria e secondaria, in particolare al Sud.
•3. Introdurre una Authority per i servizi locali (commercio, turismo, trasporti), che sono una parte essenziale dell’economia e che oggi sono vittime di policies anti-concorrenza e produttività perché ladevolution rende le amministrazioni locali sempre più preda delle lobby locali.
•4. Introdurre una normativa o codici di comportamento per i Consigli di Amministrazione delle società quotate simile a quella Norvegese, che impone che il 40 per cento dei membri di un CdA siano donne. Il “soffitto di vetro” nei CdA italiani per le donne è il peggiore in assoluto, e ridurlo è interesse delle imprese, non delle donne, perché abbondanti ricerche dimostrano che imprese con leadership anche femminile crescono e guadagnano di più.

Lo dico con grande rispetto

ma secondo voi in quanti veramente lo prendono sul serio ?

Italy is not a meritocracy It is a highly evolved feudal society

I got a call last week from an Italian friend, an investigative reporter. He had just spoken to an Italian magistrate who wanted to sound out a theory.

My friend quickly and rightly dismissed the theory for what it was: insane. But the fact that it had been advanced by a respectable magistrate tells you almost everything you need to know about how power operates in Italy. It also goes a long way toward explaining the unstoppable success of Mr. Berlusconi, a phenomenon as alien to Americans as conflict-of-interest laws are to Italians.

Americans are forever asking how Italy can keep voting for Mr. Berlusconi, whose legal problems — not to mention his wife’s recent threats of divorce and accusations about her husband’s dalliances with very young women — would have toppled governments elsewhere.

But Italians don’t always see things this way. In Italy, abuse of office is something of a foreign concept, even though an Italian court is now investigating whether Mr. Berlusconi committed it when he used government planes to shuttle guests, including a Neapolitan singer and a flamenco dancer, to gala parties at his villa in Sardinia.

Mr. Berlusconi has brushed this off, as he has all other claims of impropriety, as a campaign against him by left-wing magistrates and journalists. He says they want to discredit his center-right coalition ahead of this weekend’s elections for the European Parliament, which he is still expected to win.

While wildly off target in my case, the magistrate’s Bloomberg theory is not entirely crazy. Mr. Berlusconi last week suggested in an interview that The Times of London had published critical editorials about him because it is owned by Rupert Murdoch, whose Sky is the largest player in the Italian cable television market after Mr. Berlusconi.

In Italy, this is seen as business as usual. The general understanding is that everyone uses the means at his disposal to fight his rivals.

The real issue here is that Italy is not a meritocracy. It is a highly evolved feudal society in which everyone is seen as — and inevitably is — the product of a system, or a patron.

During the postwar years, the American-backed Christian Democrats, Moscow-backed Communists and business-minded Socialists had their own networks of politicians, bankers, lawyers — and their own press organs. That corrupt patronage system collapsed with the end of the cold war and a huge bribery scandal.

Today, there is no ideology and no network; there is only Mr. Berlusconi, and you are either with him or against him. Compared to the old order, Mr. Berlusconi’s political class is seen as a modernizing force. Mr. Berlusconi’s rivals accuse him of being on the wrong side of the law, and he in turn accuses them of being on the wrong side of history. Those two things shouldn’t cancel each other out, but often do.

The members of the Italian left have been infighting since the collapse of the Berlin Wall and are so weak and ineffective today that some in this land of byzantine conspiracy theories believe that Mr. Berlusconi must be paying them off.

Italy is deeply confusing for Americans, who are steeped in notions of speaking truth to power and following the money, raised in the country of “Yes we can,” not “Sorry, Signora, that’s impossible.”

In the topsy-turvy logic of Italy, Mr. Berlusconi’s unrivalled grip on the public and private sectors and media outlets doesn’t make him seem compromised. Instead, his supporters see him as rich enough to be independent. As one working-class Roman told me not long ago, full of admiration, “he’s so rich, he didn’t even need to go into politics.”

In Italy, when journalists ask completely legitimate questions about the legal status and personal life of the leader of a Group of Eight country — or even when they ask why Italy doesn’t seem to care about the answers — they are inevitably accused of insulting the prime minister or of being the pawns of larger interests.

In Italy, the general assumption is that someone is guilty until proven innocent. Trials — in the press and in the courts — are more often about defending personal honor than establishing facts, which are easily manipulated.

Sometimes I wonder what Pope Benedict XVI, who has railed against the “dictatorship of relativism,” in which equating all beliefs leads to nihilism, would make of Italy. Here, information is used less to clarify than to obfuscate.

How else to interpret the barrage of wildly contradictory material that has emerged in the press in recent weeks about how Mr. Berlusconi met Noemi Letizia, whose 18th birthday party he attended in April — an act that so angered his long-estranged wife that in threatening divorce she became de facto opposition leader?

In the absence of a clear, coherent story, the only standard of evidence becomes personal loyalty.

Ms. Letizia said in an interview last week that she was upset that her new boyfriend had auditioned for the reality television show “Big Brother” without asking her permission.

In the reality show that is today’s Italy, Mr. Berlusconi is the clear winner. His rivals are doing little more than throwing tomatoes on stage. The actor is showing signs of fatigue, but the audience is glued to its seats. Après lui, le déluge.

mi permetto di pubblicare questo articolo

apparso su un quotidiano online perchè bisogna partire dalla analisi della cruda realtà prima di poter introdurre qualsiasi modifica.

Giudizi durissimi sull'Italia nel primo report della Commissione Ue sulla corruzione in Europa. Dove si legge che la nuova legge italiana contro la corruzione "lascia irrisolti" vari problemi perché "non modifica la disciplina della prescrizione, la legge sul falso in bilancio e l'autoriciclaggio e non introduce reati per il voto di scambio". Secondo il rapporto, tre quarti dei cittadini europei, e il 97% degli italiani, ritengono che la corruzione sia diffusa nel proprio Paese. E per due europei su tre, e per l'88% degli italiani, le mazzette e l'utilizzo di legami, sono il modo più semplice per ottenere alcuni servizi pubblici.
Corruzione in Italia vale 4% del Pil. Nonostante la "legge anticorruzione" adottata nel novembre 2012 e "gli sforzi notevoli profusi dall'Italia" per combattere il fenomeno, questo "rimane preoccupante" secondo la Commissione Ue, ricordando che il suo valore in Italia è di circa 60 miliardi all'anno, pari a circa il 4% del Pil. Ad aggravare il giudizio sull'Italia è il dato sulla corruzione a livello Ue: 120 miliardi di euro annui, un costo a cui il nostro Paese "contribuisce" per metà dell'intero ammontare.
Legge anticorruzione italiana insufficiente. Bruxelles suggerisce di perfezionare la legge, anche perché "frammenta" le disposizioni sulla concussione e la corruzione, "rischiando di dare adito ad ambiguità nella pratica e limitare ulteriormente la discrezionalità dell'azione penale". Sono inoltre "ancora insufficienti le nuove disposizioni sulla corruzione nel settore privato e sulla tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti.
Leggi ad personam e conflitto d'interessi. Il report Ue sulla corruzione rileva che "i tentativi" di darsi norme per garantire processi efficaci sono stati "più volte ostacolati da leggi ad personam" approvate in Italia "in molte occasioni" per "favorire i politici imputati in procedimenti giudiziari, anche per reati di corruzione". Norme come il lodo Alfano, la ex Cirielli, la depenalizzazione del falso in bilancio, il legittimo impedimento. La Commissione Ue suggerisce all'Italia di rafforzare il quadro giuridico e attuativo sul finanziamento ai partiti politici, soprattutto per quanto riguarda le donazioni, il consolidamento dei conti, il coordinamento, mettere in atto adeguati poteri di controllo e prevedere l'applicazione di sanzioni dissuasive.
Problema prescrizione: il caso Berlusconi-Mills. La prescrizione è un problema "particolarmente serio per la lotta alla corruzione in Italia", secondo Bruxelles, perché termini, regole e metodi di calcolo, sommati alla lunghezza dei processi, "determinano l'estinzione di un gran numero di procedimenti". Come esempio si indica (pur senza fare nomi) il processo Mills, con l'ex premier Berlusconi prosciolto "per scadenza dei termini di prescrizione". L'Ue ribadisce la necessità di colmare le lacune e di dare priorità a procedimenti per corruzione a rischio prescrizione.
Le colpe della politica. La Commissione Ue non è tenera neanche con la classe politica italiana. "In Italia i legami tra politici, criminalità organizzata e imprese, e lo scarso livello di integrità dei titolari di cariche elettive e di governo sono tra gli aspetti più preoccupanti, come testimonia l'alto numero di indagini per corruzione", si afferma nel primo report sulla corruzione in Europa.
La relazione di Bruxelles, nella parte dedicata all'Italia, rileva come "negli ultimi anni sono state portate all'attenzione del pubblico numerose indagini per presunti casi di corruzione, finanziamento illecito ai partiti e rimborsi elettorali indebiti, che hanno visto coinvolte personalità politiche di spicco e titolari di cariche elettive a livello regionale". Scandali che hanno portato a una serie di dimissioni, anche di leader e di alte cariche di partito, a elezioni regionali anticipate in un caso, e hanno spinto il governo a sciogliere alcuni consigli comunali per presunte infiltrazioni mafiose.
Il caso Cosentino. Come caso "degno di nota", il report segnala quello di "un parlamentare indagato per collusione con il clan camorristico dei Casalesi (l'ex coordinatore Pdl in Campania Nicola Cosentino, di cui non viene citato il nome). La relazione evidenzia inoltre come solo nel 2012 sono scattate indagini penali e ordinanze di custodia cautelare nei confronti di esponenti politici locali in circa metà delle 20 Regioni italiane, sono stati sciolti 201 consigli municipali, di cui 28 dal 2010 per presunte infiltrazioni criminali e più di 30 deputati della precedente legislatura sono stati indagati per reati collegati a corruzione o finanziamento illecito ai partiti.
Appalti truccati. C'è poi il problema delle gare d'appalto truccate, quelle in cui la partecipazione è richiesta "pro forma" e il vincitore è in realtà già stato deciso precedentemente a tavolino. Fenomeno che si verifica in oltre il 63% delle violazioni delle regole. Il conflitto di interesse - cioè l'attribuzione a parenti o amici - è "appena" al 23%.
Rafforzare integrità dei politici. La Commissione europea pubblica quindi le raccomandazioni per invertire la tendenza. Al nostro Paese si chiede di "rafforzare l'integrità per i rappresentanti eletti attraverso codici etici", includendo "responsabilità" per i diretti interessati. In tal senso, "tutte le lacune dello statuto del regime di limitazione devono essere affrontate senza indugio".
Estendere poteri Civit. La Commissione raccomanda di "estendere i poteri e sviluppare la capacità dell'autorità nazionale anticorruzione Civit in modo che possa reggere saldamente le redini del coordinamento e svolgere funzioni ispettive e di supervisione efficaci, anche in ambito regionale e locale". Bruxelles evidenzia che la Civit "composta solo da tre membri e con un organico di supporto di appena 30 effettivi, soggetti a frequenti sostituzioni, sembra mancare della necessaria capacità per assolvere efficacemente" ai suoi compiti. E la stessa autorità - si legge nella relazione - "interpreta le proprie funzioni in modo piuttosto ristretto, limitandosi a svolgere un ruolo più reattivo che proattivo e concentrandosi in particolare sulla trasparenza, sulle funzioni consultive e sulla verifica formale dei documenti strategici predisposti dalle amministrazioni".

Non si vede cambiamento all'orizzonte

sui numeri, sparati spesso a casaccio, si possono avere anche dei dubbi, ma sul fatto che l'Italia sia il Paese di gran lunga più corrotto d'Europa ci sono solo certezze. Il dolore più grande è che non si vede alcun cambiamento all'orizzonte.

Bufale

In questi giorni si è parlato molto del primo rapporto sulla corruzione diffuso dalla Commissione Europea. Tra i numerosi dati che conteneva, la stampa italiana si è concentrata in particolare sul costo totale della corruzione in Italia. Secondo la Commissione Europea, la Corte dei Conti italiana avrebbe stimato il costo totale della corruzione nel nostro paese in 60 miliardi, cioè la metà dei 120 miliardi del costo della corruzione in tutta Europa. Ieri avevo scritto che si tratta di una cifra inventata e smentita più volte da numerose istituzioni, tra cui la stessa Corte dei Conti.
La prima novità su questo caso non è nemmeno una vera e propria novità. Nel pomeriggio di lunedì 3 febbraio (cioè già ieri) la Commissione Europea ha fatto sapere tramite un comunicato diffuso dall’ANSA (e che non è stato ripreso quasi da nessuna testata) che i 60 miliardi della supposta corruzione italiana non sono comparabili con i 120 miliardi stimati dalla Corte Europea come totale del costo della corruzione perché calcolati in maniera differente. In altre parole, non si può dire che la corruzione italiana è la metà del totale europeo.
Un portavoce della Commissione, però, ha confermato il dato dei 60 miliardi, sostenendo che proviene dalla Corte dei Conti italiana e che quindi spetterebbe alla Corte dei Conti smentirlo. Il problema è che non si riescono a trovare ricerche fatte dalla Corte dei Conti che contengano questo dato. La Commissione Europea ha preferito non spiegare quali fonti abbia utilizzato per attribuire alla Corte dei Conti la stima dei 60 miliardi di corruzione, sottolineando che le note presenti nel rapporto pubblicato ieri contengono tutte le informazioni necessarie. Non è così: le note rimandano a documenti che non contengono la stima. Qui potete leggere le note (si trovano a pagina 4), qui e qui potete leggere i documenti a cui rimandano: da nessuna parte si parla di 60 miliardi.
Il documento in cui la Corte dei Conti per la prima volta ha parlato della stima dei 60 miliardi: si tratta della memoria scritta dal procuratore generale della Corte dei Conti Furio Pasqualucci, pubblicata nel giugno del 2009 (cinque anni fa). Ecco cosa si dice dei famosi miliardi di corruzione:
[...] le stime effettuate dal SaeT (Servizio Anticorruzione e Trasparenza del Ministero della P.A. e dell’innovazione) nella misura prossima a 50/60 miliardi di euro all’anno, costituenti una vera e propria “tassa immorale ed occulta pagata con i soldi prelevati dalle tasche dei cittadini”.
Quindi, se anche il dato fosse corretto, si tratterebbe di una stima elaborata dal SAET, un nuovo ente che era stato creato proprio quell’anno, e non dalla Corte dei Conti, come dice la Commissione Europea. Il problema è che il SAET non ha mai fatto questa stima. Ecco cosa dice il SAET nel rapporto citato da Pasqualucci e pubblicato nel febbraio 2009 (in alto, pagina 10):
Le stime che si fanno sulla corruzione, 50-60 miliardi all’anno, senza un modello scientifico diventano opinioni da prendere come tali ma che, complice a volte la superficialità dei commentatori e dei media, aumentano la confusione ed anestetizzano qualsiasi slancio di indignazione e contrasto.
In altre parole Pasqualucci aveva citato dei dati che lo stesso SAET considerava “opinioni”. Fonti interne alla Corte dei Conti sottolineano che in nessun altro documento ufficiale e in nessuna ricerca della Corte compare la stima dei 60 miliardi. A questo proposito, il presidente della Corte Raffale Squitieri ha dichiarato: «Riguardo ai dati sull’incidenza della corruzione, va precisato che non sussistono criteri univoci sulla base dei quali elaborare stime quantitative; a maggior ragione risulta arduo esprimersi con riguardo alle dinamiche del fenomeno».
Ricapitolando: il 27 febbraio 2009 il SAET appena fondato consegna al parlamento un rapporto in cui parla di “stime che si fanno” (cioè stime che girano, non frutto di studi del SAET) e le definisce “opinioni”. Nel giugno del 2009, cioè pochi mesi dopo, il procuratore generale della Corte dei Conti Furio Pasqualucci attribuisce al SAET le stime fatte da non si sa chi e trasforma le opinioni in un’approssimazione credibile. Pasqualucci viene smentito dal SAET nella relazione 2010 (in cui addirittura definisce il dato una “bufala”), dalla stessa Corte dei Conti nel 2012 e da quasi tutti gli altri uffici della pubblica amministrazione che hanno utilizzato questa stima. Nonostante tutto questo la Commissione Europea ha deciso di utilizzare questa “stima” nel suo rapporto e di attribuirla erroneamente alla Corte dei Conti.

non sai più a chi e a cosa

non sai più a chi e a cosa credere

60 miliardi "spesi" per la

60 miliardi "spesi" per la corruzione e che sono a carico di chi paga le tasse perchè il corruttore deve "rientrare dall'investimento" aumentando il costo dell'opera per pagare le mazzette ai collusi, significano che i beneficiari sono una enorme moltitudine. Ecco perchè tanti sono "antieuropeisti" dal momento che la UE ci sferza sui tanti mali irrisolti. Basterebbero leggi severe per i corrotti e corruttori. Galera certa e pene inasprite, licenziamento in tronco per gli infedeli della PA e l'interdizione a vita dai pubblici uffici, confisca di tutti i beni familiari . Per le aziende impossibilità reale a ricevere appalti per 99 anni dalla PA. Non sempre la pena è un deterrente ma almeno questi malfattori non potrebbero riperpetuare i reati.

corruzione

ma la corruzione non sarebbe venuta meno con la cancellazione delle preferenze nel momento elettorale??? purtroppo in questo paese la corruzione si annida in qualsiasi concentrazione di potere anche minima, forse perchè non si è in grado di scindere la carica con la persona che la riveste.. c'è anche da dire che esistono i corrotti e i corruttori i quali sono parte fondamentale del fenomeno della corruzione

Per una volta che siamo i

Per una volta che siamo i primi in qualcosa subito a lamentarci.

c'è veramente poco da ridere

c'è veramente poco da ridere

Allucinante

Quanto c'è scritto in questo articolo è allucinante, anche se forse lo sapevamo tutti.

Anche i più testardi sono costretti ad arrendersi

Non amo chi si lamenta, chi piange, chi vede solo gli aspetti negativi, chi sritica. Prefeisco le persone che si rimboccano le maniche e cercano di cambiare ciò che non va.
Tuttavia mi rendo conto che ad oggi è veramente difficile mantenere questo spirito in un Paese che se fosse composto da una parte consistente di persone civili sarebbe alla guerra civile ma ciò purtroppo non è.

Bel post Alessandra

Bel post Alessandra !!!!!!!!!!!!!!!!

L'Europa ci dovrebbe escludere dalla UE a causa della corruzione

Non so se gli italiani capiscono il senso profondo di una notizia come questa ma non credo. L'Europa ci dovrebbe escludere dalla UE a causa della corruzione.

NO HOPE

Secondo me e' inutile che facciamo tutti questi discorsi, noi Italiani abbiamo qualche cosa che non va nel nostro DNA, pertanto tutti noi che scriviamo suggerimenti in queste pagine se ci trovassimo al posto dei corrotti e dei corruttori faremmo la stessa cosa. Lo abbiamo nel sangue pertanto non c'e' rimedio.

inserimento appropriato !

inserimento appropriato !

no che non lo sapessi già, ma

no che non lo sapessi già, ma ogni volta che lo sento mi viene da piangere.

tremendamente vero !

tremendamente vero !

Accordo CORTE DEI CONTI e CNEL

Dal punto di vista simbolico, manageriale, culturale, informatico, economico eccetera eccetera l'accordo di cui all'oggetto è importantissimo per il nostro Paese. Questa esperienza va divulgata e replicata il più possibile.

Caro Babbo Natale - desiderio 5

Caro Babbo Natale fai si che tra qualche anno queste non siano notizie straordinarie ma la normalità. Fa si che persone come Luca Attias rappresentino nel futuro il tipico elemento della classe dirigente italiana e non l'eccezione eccezionale eccezionalmente rara.

Riflettevo

Un manager con una competenza tecnico informatica di livello internazionale assoluto, considerato uno dei massimi esperti in tutta la Pubblica Amministrazione nella gestione delle risorse umane e nella valorizzazione delle competenze, con capacità comunicative e una propensione all'innovazione, direi, senza eguali:

COSA CAVOLO LO TENIAMO A FARE IL DIRIGENTE GENERALE ALLA CORTE DEI CONTI

Anche io riflettevo

ma dove sono andati a finire tutti buoni propositi di Brunetta e di altri Ministri finti-innovativi. Non solo fannulloni, premi, incentivi, meritocrazia, valutazioni. Mi sembra che 20 anni fa l'Amministrazione fosse in uno stato di salute migliore rispetto ad oggi, e probabilmente fosse addirittura più meritocratica. Questo è forse l'unico spazio di tutto il web dove veramente si dicono le cose come stanno e sarà frequentato massimo da qualche centinaio di illusi come me.

Sodoma e Gomorra

dalle parti mie, in Scandinavia già è così e in molte altre parti del mondo le cose stanno andando nella giusta direzione. Mi dispiace ma almeno per i prossimi 500 anni non sono previsti cambiamenti sostanziali per l'Italia, i miracoli non si possono fare senza la collaborazione della popolazione e la popolazione italiana non ha alcuna intenzione di collaborare in questo senso. Purtroppo ciò che vorresti lo puoi trovare soltanto cambiando nazionalità.

Forza Italia

Credo che dobbiamo smetterla di evidenziare tutta una serie di difetti degli italiani che a mio avviso rappresentano in molti casi dei punti di forza che per esempio hanno condotto un paese come l’Italia a far parte dell’elite mondiale.
Siamo sicuri che l’individualismo, la scaltrezza, l’ingegno magari non sempre utilizzato con grande trasparenza e onestà, il lobbysmo siano proprio degli aspetti negativi e non sia ciò che ci ha consentito di arrivare dove siamo arrivati ?

Credo che dobbiamo smetterla

Credo che dobbiamo smetterla di dire idiozie !

La questione morale

Siamo un gruppo di cittadini interessati a tenere desta l'attenzione degli italiani su quello che, a nostro avviso, è il problema principale dell'Italia, la "questione morale". Dai tempi di Enrico Berlinguer e in misura purtroppo sempre crescente, la "questione morale" avvolge il nostro Paese, impoverendolo anche culturalmente ed impedendone un sano sviluppo. Di fronte a questa ormai endemica patologia, intendiamo dare un nostro contributo per analizzarne le radici, affrontarne tutti gli aspetti e lottare per invertire questa deriva.

//www.laquestionemorale.it/

Riflessione

Ho la sensazione che di iniziative come questa in giro ce ne siano parecchie. L'intento per carità è sempre lodevole ed esprimono anche una forte insofferenza verso l'immobilismo e la corruzione presente nel Paese, ma ho anche l'impressione che oltre ad essere tutte iniziative separate e non coordinate tra loro non incidano affatto nel cambiamento del Paese. Mi sembra che come nascono si spengono senza che quasi nessuno si sia accorto della loro esistenza.

L'Italia siamo noi

L'Italia siamo noi - noi che scriviamo indignati dando la colpa ad altri. Noi che urliamo la colpa della politica mentre la sosteniamo ad assecondiamo attraverso un voto che mette nella stanza dei bottoni chi non teme ostracismo politico in caso di inadempienza programmatica. Da tempo chi è al potere applica, da ottimi allievi della tecnica socio-politica della Roma Imperiale, la strategia del "divide et impera" colorando di ideali simboli più o meno improbabili, al fine di frammentare la vera Italia che cerca il cambiamento. Noi siamo quasi 60 milioni eppure siamo assoggettati ai soliti noti che non vogliono lasciare il timone. Non siamo ipocriti. Abbiamo l'Italia che ci meritiamo, altrimenti con i numeri riusciremmo a sovvertire il potere in maniera democratica. Quello che temo è che se non lo facciamo in fretta, creiamo le condizioni favorevoli a che la storia si ripeta, colmando l'indignazione e la stasi politica con ideologie e movimenti molto poco democratici.

bravo Marco, affermare che la

bravo Marco, affermare che la colpa è tutta della classe politica è una emerita baggianata !

Bravo Babbo Natale !

Bravo Babbo Natale !

Dubbi sulla replica

ne hanno parlato tutti, complimentandosi, ma ci fosse uno che ha avuto il coraggio del CNEL !

Gli dovrebbero fare un monumento

il CNEL ha fatto una operazione eticamente non italiana. Ha rinunciato a qualcosa che era solo formale per ottenere di più da un punto di vista sostanziale, ma chi è che farebbe una cosa del genere in Italia.

Best practice

Speriamo veramente che questa volta qualcuno segua la best prectice. Eliminare le ridondanze infrastrutturali del Paese è un passo fondamentale per riportare ad unità le applicazioni e i servizi. Sembra che nessuno voglia rinunciare al proprio feudo personale, come ben rappresentato da Attias all'ultimo Forum PA. Ho seguito recentemente un intervento di un collaboratore del dott. Attias ad un convegno e ho veramente l'impressione che quello della Corte dei conti sia il modello che tutti dovrebbero seguire. Mi piacerebbe in ogni caso saperne di più, forse per il tramite del Forum PA ........

Dalla home page del sito dell'Agenzia per l'Italia digitale

La Corte dei conti ha fatto il colpaccio anche questa volta.

AGID, CNEL e Corte dei conti per la riduzione dei data center

In pochi mesi AGID, CNEL e Corte dei conti sono passate dal disegno alle fasi attuative di un progetto che si inquadra nel contesto di una delle principali linee d’azione indicate dall’ Agenzia stessa: la drastica riduzione dei data center della PA e il conseguente innalzamento tecnico-qualitativo degli stessi.
Con questo accordo i due Istituti intendono condividere le rispettive esperienze nella gestione delle infrastrutture ITC e avviare un'azione congiunta finalizzata alla razionalizzazione dei costi di gestione e all'ottimizzazione delle risorse, intervenendo sulle strutture di erogazione dei servizi sulla base di un cronoprogramma già condiviso e che sarà attuato completamente nel corso del 2014.
Si tratta del primo caso in Italia per quanto riguarda le Pubbliche Amministrazioni Centrali, a riprova della dinamicità dei due Organi di rilievo costituzionale e di fatto aprono uno scenario di grande interesse nazionale nell'ambito della cooperazione tecnologica inter-istituzionale che condurrà a risparmi certi per la finanza pubblica e ad un efficientamento delle infrastrutture.
L’Agenzia per l'Italia Digitale ritiene che l’accordo sottoscritto dal CNEL e dalla Corte dei Conti rappresenti un modello di grande importanza per il Paese, sia per il ruolo istituzionale dei due organi, sia per la strada che l’accordo indica.
Dalle parole ai fatti: innalzamento qualitativo dei servizi erogati dalla PA, attuazione delle disposizioni contenute nel CAD riguardo il disaster recovery e, infine, accorpamento dei due data center presso la sede della Corte dei conti.

di certo

se tutti seguissero l'esempio della Corte dei conti e del CNEL immaginate quanti soldi si potrebbero risparmiare e quanto aumenterebbe l'efficienza.

Domanda per chiunque possa rispondere

Ma che senso ha che la Corte dei conti sia un gioiello informatico e tutto il resto un mezzo disastro ? perchè non sfruttiamo le capacità informatiche di questo ente per risolvere i problemi di tutti ? Perchè non prendiamo Attias e alcuni dei suoi e gli diamo obiettivi più ambiziosi ?

La carriera in PA

Se non era per il Forum PA nessuno si sarebbe mai accorto di una persona in gamba come l'in. Attias. Nelle Amministrazioni è pieno di persone così ma non sono loro a far carriera. La carriera si fa per via politica e sindacale e dedicando la maggior parte del proprio tempo a fare carriera invece che a lavorare.Mi ricordo l'ultima parte dell'intevento al Forum PA di due anni fa di Luca Attias che era incentrata proprio su questo problema, se non ricordo male la definiva una forma di corruzione nascosta e praticamente imbattibile.

in qualche raro caso la clesse dirigente c'è !

In questo caso la clesse dirigente c'è !

Firma di Ragosa

Ho visto che l'accordo è stato firmato anche dal direttore generale dell'Agenzia per l'Italia digitale il che da una valenza molto maggiore alla cosa.

fonti ispiratrici

secono me una delle principali fonti a cui si ispira l'ing. Attias è Curzio Maltese. Provate a leggere ogni tanto i "contromano" che appaiono sul venerdì di Repubblica e capirete cosa voglio dire.

Commento

Bel titolo, intervista molto intelligente !

e anche qua

non a caso stiamo parlando di uno dei giornalisti più dotati culturalmente e onesti (perchè di giornalisti disonesti in giro ce ne sono tanti !) che ci sono in giro.

la classe dirigente

e che ne dite del caso Cancellieri-Ligresti e del penoso teatrino interno al PD. IL nostro settantaduesimo posto tra i paesi meno corrotti è un dato sin troppo ottimistico e destinato a peggiorare. Come dice l'ing. Attias, finchè non prenderemo coscienza e ci diremo con drammatica lucidità, franchezza e pubblicamente che quasi tutti noi ci saremmo comportati come la Cancellieri (al limite avremmo evitato di usare il cellulare) e che questo comportamento è un comportamento sbagliato che sta portando il Paese alla rovina non ne usciremmo mai.

a proposito di fonti ispiratrici e di grandi articoli

leggetevi l'ultimo editoriale di Carlo Mochi Sismondi, ne vale veramente la pena

//saperi.forumpa.it/story/74808/necrofilia-amministrativa#comment-25054

Necrofilo amministrativo

Costruiamo la provocatoria definizione di necrofilo amministrativo.

Prima vediamo quale è la sintomatologia dei necrofili che ci circondano.
Spesso il necrofilo si riconosce da una mania fobica per la pulizia:
lo vedi con lo straccetto imbevuto d'alcol che sterilizza dovunque si poggi.
non è una sana attenzione all'igiene, piuttosto il terrore di qualsiasi contaminazione;
difficilmente vi stringe la mano e, se lo fa, poi va di corsa a disinfettarsi.
D'altronde, si sa, in obitorio tutto è asettico.
Uso questa interpretazione del necrofilo per dare una paradossale descrizione della stragrande maggioranza dei dirigenti pubblici.
Ne ho conosciuti parecchi di dirigenti pubblici, potrei elencare molti nomi e cognomi di quelli, la maggioranza, che, per traslato, chiamo necrofili amministrativi.

Necrofilia amministrativa – Paura della responsabilità
Il necrofilo amministrativo, che di questa sindrome è un caso di specie interessante, si riconosce invece dalla costante paura della responsabilità.
Dal conseguente tentativo di sterilizzare qualsiasi scelta, facendola diventare un adempimento obbligatorio, dettato da leggi esterne, che svincoli il vertice amministrativo da qualsiasi contaminazione.
Il necrofilo amministrativo aborre:
qualsiasi scelta soggettiva,
qualsiasi attribuzione di valore che non derivi da un algoritmo.
Nella gestione delle persone preferisce gli avanzamenti automatici, alla scelta di chi promuovere basata sull'intuito personale.
Il necrofilo amministrativo:
si trova a proprio agio tra la ceralacca e i bizantinismi delle gare piuttosto che nell'impegno della valutazione;
pulisce con cura qualsiasi atto amministrativo dall'impura presenza di un rischio.

Tutto condivisibile ma

ma qualcuno lo sa che in tutti i centinaia di corsi che si fanno sull'anticorruzione, sulla trasparenza e sulla contrattualistica INSEGNANO AD ESSERE NECROFILI ?!
I miei personali complimenti al dott. Sismondi che come Attias è nato nel Paese sbagliato.

evoluzione della specie

finchè non si potranno licenziare i dipendenti pubblici certe problematiche non verranno mai risolte

Grazie del consiglio

Una lettura che definirei importante

Comunisti brutta gente

Comunisti brutta gente

Lo dico da anticomunita convinta

niente può essere peggio di quello che vedo oggi, neppure il comunismo.

Certe stupidaggini dovresti evitarle

Non mi sembra tra l'altro che Luca Attias abbia il fisico di uno che mangia i bambini :-)

non mi stupirebbe e se fosse

non mi stupirebbe e se fosse vero lo stimerei ancora di più.

La classe dirigente che non c'è, un ottimo articolo

Seguo con interesse gli articoli di fondo che Ernesto Galli della Loggia pubblica sul “giornale della borghesia”. Nel suo fondo del 20 ottobre 2013, compie un’analisi della situazione del Paese che sembra un articolo di Luca Attias – la definirei rassegnata – nella quale esprime il proprio giudizio, netto e negativo, sull’Amministrazione pubblica, sul capitalismo privato e sulle banche. Quindi “non” – o meglio – non solo la Pubblica amministrazione come palla al piede dello sviluppo del nostro Paese, ma, diremmo, tutto ciò che è “alta classe dirigente”, pubblica o privata che sia. Il pregio di accomunare i tre plessi di funzioni nella stessa valutazione negativa ci sembra risiedere tutto nell’idea che tutti e tre partecipano e contribuiscono a una crisi che, prima di essere economica, è di etica, di morale. In tutti e tre i “plessi” – complessivamente considerati – di cui parla Della Loggia sono prevalse, soprattutto negli ultimi due decenni, spinte corporative, egoistiche, personalistiche, infingarde, miopi: il nostro Paese non potrà salvarsi senza l’affermarsi di una prevalenza dei parametri di moralità nelle scelte piccole e grandi che compirà la sua classe dirigente.

IL POTERE VUOTO DI UN PAESE FERMO
L’Italia non sta precipitando nell’abisso. Più semplicemente si sta perdendo, sta lentamente disfacendosi. Parole forti: ma quali altre si possono usare per intendere come realmente stanno le cose? E soprattutto che la routine in cui sembriamo adagiati ci sta uccidendo?

Sopraggiunta dopo anni e anni di paralisi, la crisi è lo specchio di tutti i nostri errori passati così come delle nostre debolezze e incapacità presenti. Siamo abituati a pensare che essa sia essenzialmente una crisi economica, ma non è così. L’economia è l’aspetto più evidente ma solo perché è quello più facilmente misurabile. In realtà si tratta di qualcosa di più vasto e profondo. Dalla giustizia all’istruzione, alla burocrazia, sono principalmente tutte le nostre istituzioni che appaiono arcaiche, organizzate per favorire soprattutto chi ci lavora e non i cittadini, estranee al criterio del merito: dominate da lobby sindacali o da cricche interne, dall’anzianità, dal formalismo, dalla tortuosità demenziale delle procedure, dalla demagogia che in realtà copre l’interesse personale.

Del sistema politico è inutile dire perché ormai è stato già detto tutto mille volte. I risultati complessivi si vedono. Tutte le reti del Paese (autostrade, porti, aeroporti, telecomunicazioni, acquedotti) sono logorate e insufficienti quando non cadono a pezzi. Come cade a pezzi tutto il nostro sistema culturale: dalle biblioteche ai musei ai siti archeologici. Siamo ai vertici di quasi tutte le classifiche negative europee: della pressione fiscale, dell’evasione delle tasse, dell’abbandono scolastico, del numero dei detenuti in attesa di giudizio, della durata dei processi così come della durata delle pratiche per fare qualunque cosa. E naturalmente ormai rassegnati all’idea che le cose non possano che andare così, visto che nessuno ormai più neppure ci prova a farle andare diversamente. Anche il tessuto unitario del Paese si va progressivamente logorando, eroso da un regionalismo suicida che ha mancato tutte le promesse e accresciuto tutte le spese.

Mai come oggi il Nord e il Sud appaiono come due Nazioniimmensamente lontane. Entrambe abitate perlopiù da anziani: parti separate di un’Italia dove in pratica sta cessando di esistere anche qualunque mobilità sociale; dove circa un terzo dei nati dopo gli anni ‘80 ha visto peggiorare la propria condizione lavorativa rispetto a quella del proprio padre. Quale futuro può esserci per un Paese così? Popolato da moltissimi anziani e da pochi giovani incolti senza prospettive?
Certo, in tutto questo c’entra la politica, i politici, eccome. Una volta tanto, però, bisognerà pur parlare di che cosa è stato, e di che cosa è, il capitalismo italiano. Di coloro che negli ultimi vent’anni hanno avuto nelle proprie mani le sorti dell’industria e della finanza del Paese. Quale capacità imprenditoriale, che coraggio nell’innovare, che fiuto per gli investimenti, hanno in complesso mostrato di possedere? La risposta sta nel numero delle fabbriche comprate dagli stranieri, dei settori produttivi dai quali siamo stati virtualmente espulsi a opera della concorrenza internazionale, nel numero delle aziende pubbliche che i suddetti hanno acquistato dallo Stato, perlopiù a prezzo di saldo, e che sotto la loro illuminata guida hanno condotto al disastro. Naturalmente senza mai rimetterci un soldo del proprio. Né meglio si può dire delle banche: organismi che invece di essere un volano per l’economia nazionale si rivelano ogni giorno di più una palla al piede: troppo spesso territorio di caccia per dirigenti vegliardi, professionalmente incapaci, mai sazi di emolumenti vertiginosi, troppo spesso collusi con il sottobosco politico e pronti a dare quattrini solo agli amici degli amici .

Questa è l’Italia di oggi. Un Paese la cui cosiddetta società civile è immersa nella modernità di facciata dei suoi 161 telefoni cellulari ogni cento abitanti, ma che naturalmente non legge un libro neppure a spararle (neanche un italiano su due ne legge uno all’anno), e detiene il record europeo delle ore passate ogni giorno davanti alla televisione (poco meno di 4 a testa, assicurano le statistiche). Di tutte queste cose insieme è fatta la nostra crisi. E di tutte queste cose si nutre lo scoraggiamento generale che guadagna sempre più terreno, il sentimento di sfiducia che oggi risuona in innumerevoli conversazioni di ogni tipo, nei più minuti commenti quotidiani e tra gli interlocutori più diversi. Mentre comincia a serpeggiare sempre più insistente l’idea che per l’Italia non ci sia più speranza. Mentre sempre più si diffonde una singolare sensazione: che ormai siamo arrivati al termine di una corsa cominciata tanto tempo fa tra mille speranze, ma che adesso sta finendo nel nulla: quasi la conferma - per i più pessimisti (o i più consapevoli) - di una nostra segreta incapacità di reggere sulla distanza alle prove della storia. E in un certo senso è proprio così.

L’Italia è davvero a una prova storica. Lo è dal 1991-1994, quando cominciò la paralisi che doveva preludere al nostro declino. Essa è ancora bloccata a quel triennio fatale: allorché finì non già la Prima Repubblica ma la nazione del Novecento: con i suoi partiti, le sue culture politiche originali e la Costituzione che ne era il riassunto, allorché finì la nazione della modernizzazione/industrializzazione da ultimi arrivati, la nazione del pervadente statalismo. Ma da allora nessuno è riuscito a immaginare quale altra potesse prenderne il posto.
Ecco a che cosa dovrebbe servire quella classe dirigente che tanto drammaticamente ci manca: a immaginare una simile realtà. A ripensare l’Italia, dal momento che la nostra crisi è nella sua essenza una crisi d’identità. Da vent’anni non riusciamo a trovare una formula politica, non siamo capaci d’azione e di decisione, perché in un senso profondo non sappiamo più chi siamo, che cosa sia l’Italia. Non sappiamo come il nostro passato si leghi al presente e come esso possa legarsi positivamente ad un futuro.

Non sappiamo se l’Italia serva ancora a qualcosa, oltre a dare il nome a una nazionale di calcio e a pagare gli interessi del debito pubblico. Abbiamo dunque bisogno di una classe dirigente che - messa da parte la favola bella della fine degli Stati nazionali e l’alibi europeista, che negli ultimi vent’anni è perlopiù servito solo a riempire il vuoto ideale e l’inettitudine politica di tanti - si compenetri della necessità di un nuovo inizio. Ripensi un ruolo per questo Paese fissando obiettivi, stabilendo priorità e regole nuove: diverse, assai diverse dal passato. Mai come oggi, infatti, abbiamo bisogno di segni coraggiosi di discontinuità, di scommesse audaci sul cambiamento, di gesti di mutamento radicale.

Mai come oggi, cioè, abbiamo bisogno proprio di quei segni e di quelle scommesse che però, - al di là della personale intelligenza o inclinazione stilistica di questo o quel suo esponente - dai governi delle «larghe intese» non siamo riusciti ad avere. Governi simili funzionano solo in due casi, infatti: o quando c’è un obiettivo supremo su cui non si discute, in attesa di raggiungere il quale lo scontro politico è sospeso: come quando si tratta di combattere e vincere una guerra; ovvero quando tutte le parti, nessuna delle quali ha prevalso alle elezioni, giudicano più conveniente, anziché andare nuovamente alle urne, accordarsi sulla base di un accurato elenco di reciproche concessioni per sospendere le ostilità e governare insieme. Ma nessuno di questi due casi è quello dell’Italia: dove sia il conflitto interno al Pd e al Pdl che quello tra entrambi è ancora e sempre indomabile, e costituisce il tratto politico assolutamente dominante. La ragione delle «larghe intese» ha così finito per divenire, qui da noi, unicamente quella puramente estrinseca che si governa insieme perché nessuno ha vinto le elezioni, e per varie ragioni non se ne vogliono fare di nuove a breve scadenza.
Certo, due anni fa, quando tutto ebbe inizio con il governo Monti, le intenzioni del presidente della Repubblica miravano, e tuttora mirano, a ben altro. Ma dopo due anni di esperimento è giocoforza ammettere che quelle intenzioni, sebbene abbiano conseguito risultati importanti sul piano del contenimento dei danni, appaiono ben lontane dal divenire quella realtà di cui l’Italia ha bisogno.

Con le «larghe intese», sfortunatamente, non si diminuisce il debito, non si raddoppia la Salerno-Reggio Calabria, non si diminuiscono né le tasse né la spesa pubblica, non si elimina la camorra dal traffico dei rifiuti, non si fanno pagare le tasse universitarie ai figli dei ricchi, non si fa ripartire l’economia, non si separano le carriere dei magistrati, non si costruiscono le carceri, non si aboliscono le Province, non si introduce la meritocrazia nei mille luoghi dove è necessario, non si disbosca la foresta delle leggi, non si cancellano le incrostazioni oligarchiche in tutto l’apparato statale e parastatale; e, come è sotto gli occhi di tutti, anche con le «larghe intese» chissà quando si riuscirà a varare una nuova legge elettorale, seppure ci si riuscirà mai. Si tira a campare, con le «larghe intese», questo sì: ma a forza di tirare a campare alla fine si può anche morire .

Queste cose si poteva

Queste cose si poteva cominciare a scriverle anche venti anni fa dopo che era fallita la spinta al rinnovamento derivante da mani pulite, invece si è appoggiata la peggiore restaurazione o per lo meno si è fatto finta di non vedere. Quando anche gli intellettuali abbandonano il carro del (ex) vincitore vuol proprio dire che siamo alla fine di un epoca, ma non è ancora detto che non possa esserci una nuova restaurazione, siamo maestri in questo e quelli che adesso criticano saranno pronti a salire sul nuovo carro

Tagli

Ma dove può andare un PAese dove hanno tagliato soprattutto scuola, sanità e ricerca.

ora ci pensa Cottarelli

"Ci dovranno essere dei modi per premiare chi va bene e penalizzare chi non va bene", sai che novità, ma davvero pensa che qualcuno ci crede, finora in Italia è successo più o meno il contrario e perchè questo andazzo dovrebbe cambiare secondo Cottarelli ? quali sono i segnali di inversione di tendenza ?
Intendiamoci è quello che gli italiani vogliono e si meritano se è vero che ii sondaggi danno Forza Italia in forte ripresa e primo partito.

L'informatica è un investimento non una spesa

L'informatica, e in particolare gli strumenti digitali, non vengono posti in primo piano, per motivi purtroppo dipendenti dalla non corretta formazione e informazione imprenditoriale. E in un momento come quello attuale di crisi congiunturale è tanto più vero se, come si evince da una ricerca del Politecnico di Milano sugli investimenti in ICT delle aziende italiane per il 2013, metà delle aziende mette come prima voce investire in sviluppo di gestionali e ERP e solo un quarto delle aziende decide di essere social e cloud. Da ciò si comprende bene come la pmi dimostri la sua obsolescenza mentale e di processo.

segnalazione, "la nostra classe dirigente è così"

//saperi.forumpa.it/story/74923/la-strategia-dellignoranza#.UphS-SfiGSo

Analisi impeccabile, questo

Analisi impeccabile, questo articolo dovrebbe essere il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica. Come dice sempre il dott. Attias se non si parte da una presa di coscienza di ciò che siamo non potremo mai cambiare e finora questa presa di coscienza non c'è stata.

l'attuale classe dirigente deve sparire

se ne devono andare tutti e lasciare il posto ad altre persone più competenti e intellettualmente più oneste.

con che spirito di può andare a votare

e anche con che coraggio. Io, per esempio, ho sempre votato a sinistra PCI, DS, PD e simili, ma veramente oggi come oggi ho serie difficoltà a rifarlo. Non avrei neppure problemi a votare da altre parti ma tutto ciò che vedo è decisamente peggio del PD che a sua volta fa pena. Sottolinerei che al top del peggio personalmente non vedo neppure Berlusconi ma i grillini e la lega e con questo ho detto tutto.

Concordo in tutto e per tutto con te

io infatti non ci vado più da diversi anni

Complimenti

Un articolo veramente molto bello. In un certo senso due delle nuove slide che il dott. Attias ha presentato al convegno del 9 ottobre, rappresentano proprio questa situazione in tutta la sua drammaticità da una parte e nella unica possibilità di uscita dall'altra, una radicale discontinuità.

Proposta per il Presidente

Come dice l'ingegnere, il Presidente della Repubblica nel discorso di fine anno dovrebbe dare un segno di radicale discontinuità, ad es. potrebbe leggere questo articolo che delinea con grande realismo la tragica situazione del Paese.

L'Italia è paese con un cancro allo stadio terminale

Veramente un bell'articolo. Il centro di tutto (il cancro) è l'individualismo e la totale mancanza di senso etico che stanno avvicinando questa nazione al baratro senza alcuna possibilità di salvezza

e si farà l'amore ognuno come gli va .................

finalmente un segnale di speranza per il Paese: Forza Italia è di nuovo un riferimento per tutti noi ! eheheheheheh ...........

che tristezza, gli italiani

che tristezza, gli italiani non imapreranno mai !

Siamo un esempio per tutti

//video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/scuola-piu-corrotta-del-parlamento-italiano-i-simpson-ironizzano-sull-italia/146479/144997

I miei complimenti

Analisi lucida e tremenda.