Articolo

Mobilità dei dipendenti pubblici: ecco cosa cambia con il maxiemendamento per il 2012

Mentre si diffondono in rete numerose copie del maxiemendamento al disegno di legge di stabilità per il 2012 che il Parlamento si appresta ad approvare tra venerdì 11 e sabato 12 novembre, una cosa è certa: cambieranno le norme in materia di mobilità e collocamento in disponibilità dei dipendenti pubblici in esubero.

Abbiamo analizzato il testo dell’emendamento per capire bene cosa cambierà, ma in sostanza si legge che se in un’amministrazione i dipendenti pubblici verranno considerati in eccedenza potranno essere posti in mobilità. Se, poi, l’amministrazione non riuscisse a ricollocarli nella stessa organizzazione o in altre amministrazioni della stessa Regione entro novanta giorni, gli stessi dipendenti dovranno essere dichiarati “a riposo” oppure “in disponibilità” (per 24 mesi) con una retribuzione rispettivamente del 50% e dell’80%, con esclusione di qualunque altro compenso accessorio. Lo stesso trattamento potrà essere riservato ai dipendenti delle amministrazioni messe in liquidazione.

Articolo 33 del decreto legislativo 165 del 31 marzo 2011 (testo unico sul pubblico impiego)
 
Testo originale
Testo modificato
Cosa cambia
titolo
Eccedenze di personale e mobilità collettiva
Disposizioni in tema di mobilità e collocamento in disponibilità dei dipendenti pubblici
 
1.
Le pubbliche amministrazioni che rilevino eccedenze di personale sono tenute ad informare preventivamente Le organizzazioni sindacali di cui al comma 3 e ad osservare le procedure previste dal presente articolo. Si applicano, salvo quanto previsto dal presente articolo, le disposizioni di cui alla legge 23 luglio 1991, n. 223, ed in particolare l'articolo 4, comma 11 e l'articolo 5, commi 1 e 2, e successive modificazioni ed integrazioni.
Le pubbliche amministrazioni che hanno situazioni di soprannumero o rilevino comunque eccedenze di personale, in relazione alle esigenze funzionali o alla situazione finanziaria, anche in sede di ricognizione annuale prevista dall’articolo 6, comma 1, terzo e quarto periodo, sono tenute ad osservare le procedure previste dal presente articolo, dandone immediata comunicazione al Dipartimento della Funzione Pubblica.
a - Oltre all’eccedenza di personale di parla anche di soprannumero dovuto a scarsità di risorse o esigenze funzionali.
b - Si ammorbidisce il ruolo del sindacato. L’informativa alle associazioni sindacali (che rimane al comma 4) viene affiancata ad una comunicazione formale al dipartimento della Funzione Pubblica
2.
Il presente articolo trova applicazione quando l'eccedenza rilevata riguardi almeno dieci dipendenti. Il numero di dieci unità si intende raggiunto anche in caso di dichiarazioni di eccedenza distinte nell'arco di un anno. In caso di eccedenze per un numero inferiore a 10 unità agli interessati si applicano le disposizioni previste dai commi 7 e 8.
Le amministrazioni pubbliche che non adempiono alla ricognizione annuale di cui al comma 1 non possono effettuare assunzioni o instaurare rapporti di lavoro con qualunque tipologia di contratto pena la nullità degli atti posti in essere.
a – Scompare il riferimento alla quantità di dipendenti
b – Si inserisce il blocco di qualunque contratto di lavoro per chi non esegue la comunicazione
3.
La comunicazione preventiva di cui all'articolo 4, comma 2, della legge 23 luglio 1991, n. 223, viene fatta alle rappresentanze unitarie del personale e alle organizzazioni sindacali firmatarie del contratto collettivo nazionale del comparto o area. La comunicazione deve contenere l'indicazione dei motivi che determinano la situazione di eccedenza; dei motivi tecnici e organizzativi per i quali si ritiene di non poter adottare misure idonee a riassorbire le eccedenze all'interno della medesima amministrazione; del numero, della collocazione, delle qualifiche de personale eccedente, nonché del personale abitualmente impiegato, delle eventuali proposte per risolvere la situazione di eccedenza e dei relativi tempi di attuazione, delle eventuali misure programmate per fronteggiare le conseguenze sul piano sociale dell'attuazione delle proposte medesime.
La mancata attivazione delle procedure di cui al presente articolo da parte del dirigente responsabile è valutabile ai fini della responsabilità disciplinare.
a – Scompare il riferimento alla motivazione che ha determinato l’eccedenza;
b – Viene inserita la responsabilità per il dirigente inadempiente
4.
Entro dieci giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 1, a richiesta delle organizzazioni sindacali di cui al comma 3, si procede all'esame delle cause che hanno contribuito a determinare l'eccedenza del personale e delle possibilità di diversa utilizzazione del personale eccedente, o di una sua parte. L'esame è diretto a verificare le possibilità di pervenire ad un accordo sulla ricollocazione totale o parziale del personale eccedente, o nell'ambito della stessa amministrazione, anche mediante il ricorso a forme flessibili di gestione del tempo di lavoro o a contratti di solidarietà, ovvero presso altre amministrazioni comprese nell'ambito della Provincia è in quello diverso determinato ai sensi del comma 6. Le organizzazioni sindacali che partecipano all'esame hanno diritto di ricevere, in relazione a quanto comunicato dall'amministrazione, le informazioni necessarie ad un utile confronto.
Nei casi previsti dal comma 1 del presente articolo il dirigente responsabile deve dare un’informativa preventiva alle rappresentanze unitarie del personale e alle organizzazioni sindacali firmatarie del contratto collettivo nazionale del comparto o area.
a – Scompare la fase dell’esame delle cause da parte del sindacato
5.
La procedura si conclude decorsi quarantacinque giorni dalla data del ricevimento della comunicazione di cui al comma 3, o con l'accordo o con apposito verbale nel quale sono riportate le diverse posizioni delle parti. In caso di disaccordo, le organizzazioni sindacali possono richiedere che il confronto prosegua, per le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, e gli enti pubblici nazionali, presso il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, con L'assistenza dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni - ARAN, e per le altre amministrazioni, ai sensi degli articoli 3 e 4 del decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469, e successive modificazioni ed integrazioni. La procedura si conclude in ogni caso entro sessanta giorni dalla comunicazione di cui al comma 1.
Trascorsi dieci giorni dalla comunicazione di cui al comma 4, l’amministrazione applica l’articolo 72, comma 11, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, in subordine, verifica la ricollocazione totale o parziale del personale in situazione di soprannumero o di eccedenza nell'ambito della stessa amministrazione, anche mediante il ricorso a forme flessibili di gestione del tempo di lavoro o a contratti di solidarietà, ovvero presso altre amministrazioni comprese nell'ambito della Regione tenuto anche conto di quanto previsto dall’articolo 1, comma 29, del decreto-legge 13 agosto 2011, n- 138, convertito dalla legge del 14 settembre 2011, n. 148, nonché del comma 6.
a – si introduce la possibilità di “messa a riposo” del dipendente (50% del salario), il ricollocamento avviene in subordine
b – si passa da una mobilità provinciale ad una regionale
6.
I contratti collettivi nazionali possono stabilire criteri generali e procedure per consentire, tenuto conto delle caratteristiche del comparto, la gestione delle eccedenze di personale attraverso il passaggio diretto ad altre amministrazioni nell'ambito della provincia o in quello diverso che, in relazione alla distribuzione territoriale delle amministrazioni o alla situazione del mercato del lavoro, sia stabilito dai contratti collettivi nazionali. Si applicano le disposizioni dell'articolo 30.
I contratti collettivi nazionali possono stabilire criteri generali e procedure per consentire, tenuto conto delle caratteristiche del comparto, la gestione delle eccedenze di personale attraverso il passaggio diretto ad altre amministrazioni nell'ambito della provincia o in quello diverso che, in relazione alla distribuzione territoriale delle amministrazioni o alla situazione del mercato del lavoro, sia stabilito dai contratti collettivi nazionali. Si applicano le disposizioni dell'articolo 30.
 
7.
Conclusa la procedura di cui ai commi 3, 4 e 5, l'amministrazione colloca in disponibilità il personale che non sia possibile impiegare diversamente nell'ambito della medesima amministrazione e che non possa essere ricollocato presso altre amministrazioni, ovvero che non abbia preso servizio presso la diversa amministrazione che, secondo gli accordi intervenuti ai sensi dei commi precedenti, ne avrebbe consentito la ricollocazione.
Trascorsi novanta giorni dalla comunicazione di cui al comma 4 l’amministrazione colloca in disponibilità il personale che non sia stato possibile impiegare diversamente nell’ambito della medesima amministrazione e che non possa essere ricollocato presso altre amministrazioni nell’ambito regionale, ovvero che non abbia preso servizio presso la diversa amministrazione secondo gli accordi di mobilità.
a – si passa dal massimo di 70 giorni ai minimo di 90 per la collocazione in disponibilità
8.
Dalla data di collocamento in disponibilità restano sospese tutte le obbligazioni inerenti al rapporto di lavoro e il Lavoratore ha diritto ad un'indennità pari all'80 per cento dello stipendio e dell'indennità integrativa speciale, con esclusione di qualsiasi altro emolumento retributivo comunque denominato, per la durata massima di ventiquattro mesi. I periodi di godimento dell'indennità sono riconosciuti ai fini della determinazione dei requisiti di accesso alla pensione e della misura della stessa. È riconosciuto altresì il diritto all'assegno per il nucleo familiare di cui all'articolo 2 del decreto-legge 13 marzo 1988, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 maggio 1988, n. 153, e successive modificazioni ed integrazioni.
Dalla data di collocamento in disponibilità restano sospese tutte le obbligazioni inerenti al rapporto di lavoro e il Lavoratore ha diritto ad un'indennità pari all'80 per cento dello stipendio e dell'indennità integrativa speciale, con esclusione di qualsiasi altro emolumento retributivo comunque denominato, per la durata massima di ventiquattro mesi. I periodi di godimento dell'indennità sono riconosciuti ai fini della determinazione dei requisiti di accesso alla pensione e della misura della stessa. È riconosciuto altresì il diritto all'assegno per il nucleo familiare di cui all'articolo 2 del decreto-legge 13 marzo 1988, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 maggio 1988, n. 153, e successive modificazioni ed integrazioni.
 
 

 

Your rating: Nessuno Average: 4.8 (4 votes)

Commenti

BOTTE PIENA E MOGLIE UBRIACA

Io per entrare nella PA ho dovuto superare un SIGNOR concorso, una selezione molto ma molto più difficle di quello (colloquio e presentazione del curriculum) che tanti miei colleghi universitari hanno sostenuto per collocarsi nel mondo del lavoro "privato" (in aziende di eccellenza come Accentur, IBM, Motorola etc). Loro avevano trovato un bello stipendio, benefit e prospettive di carriera, io un posto di lavoro più stabile, anche se con uno stipendio neanche minimamente paragonabile al loro. Allora, se adesso diventa "facile" liquidare le "alte professionalità" del settore pubblico, deve necesariamente diventare più appetibile l'ingresso nella PA (ed il sacrosanto superamento della difficile selezione concorsale) con qualche altro tipo di strumento motivante. Sarebbe, allora, equo parificare gli stipendi, gli accessori, i benefit e le prospettive di carriera, cose attualmente inesistenti nel pubblico impiego.

Grazie 1000.

problem solving?

Scusate ma il problema è l'esubero o mettere "le persone giuste al posto giusto"?
Ma quale teorie delle risorse umane si scelgono TALVOLTA... il libro dei sogni? :-)
Se scegliamo di posizionare le persone giuste al posto giusto si implementerebbe "più occupazione per tutti"?
O meglio continuare ad implementare la "fuga dei cervelli" ed i "giochi di potere di gruppi di interesse"... così possiamo continuare a lamentarci es. esuberi, disoccupazione... (ad esempio)?

Ci facciamo un esame di coscienza?

Not easy... problem solving, ... what?

Perdonatemi per queste domande.
Ad maiora