Articolo

La trasparenza viaggia sul web a FORUM PA 2011

Sono stati premiati oggi a FORUM PA 2011 i Comuni che più di tutti hanno migliorato la loro comunicazione on line sulla base delle Linee Guida per i siti web della PA. Il Premio “TrasparenzaPA” ha preso in esame i 313 siti comunali che hanno concluso il procedimento di iscrizione al dominio "gov.it".

Servizi on line chiari e fruibili, pubblicità sui siti delle decisioni e delle delibere (compresi atti delicati come l’assegnazione degli appalti), accesso ai dati delle amministrazioni; in poche parole: comunicazione in rete chiara per una PA più trasparente e vicina al cittadino. A quasi un anno dalla pubblicazione delle Linee Guida per i siti web della Pubblica Amministrazione, il Premio TrasparenzaPA riconosce l’impegno dei Comuni che più di tutti hanno fatto un salto di qualità nella comunicazione on line e nell’utilizzo del web come strumento per la trasparenza dell’azione amministrativa.

La rilevazione, promossa dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione in collaborazione con FORUM PA, ha preso in esame esclusivamente i siti web dei Comuni che hanno già acquisito il dominio “gov.it”, ovvero che si sono adeguati alla condizione minima richiesta dalle linee guida. I migliori sono stati premiati oggi nell’ambito della XXII edizione di FORUM PA (Nuova Fiera di Roma, lunedì 9-giovedì 12 maggio). 

I siti comunali valutati sono 313. Si tratta prevalentemente di comuni piccoli (217) e medi (80), a fronte di pochissimi comuni medio-grandi (16)[2], concentrati soprattutto in Campania e Calabria (i siti comunali delle due regioni iscritti al dominio gov.it, sono infatti rispettivamente 151 e 64).

Per la valutazione sono stati presi in esame 64 indicatori organizzati in cinque dimensioni che rappresentano la rispondenza di un sito alle diverse categorie di requisiti relativamente alla trasparenza e ai contenuti minimi: Organizzazione dell’Ente,Trasparenza, Valutazione e Merito, Procedimenti Amministrativi, Pubblicità legale e bandi di gara, Servizi on line. Attraverso i punteggi assegnati per ciascun indicatore, sono stati individuati i migliori siti in assoluto e i migliori per ogni dimensione.

Il quadro che emerge dalla valutazione è per certi versi incoraggiante: è significativo il numero dei Comuni che hanno strutturato, o ristrutturato, la propria presenza sul web secondo quanto prescritto nelle Linee Guida. Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare; complessivamente, infatti, sono solo 32 su 313 i Comuni che raggiungono la sufficienza nella classifica complessiva (che comprende tutti gli indicatori esaminati), mentre per gli altri è ancora lontano il traguardo che porta all’amministrazione digitale.

In particolare, emerge un dato: molti Comuni si sono limitati a una modifica “formale” del sito, ad esempio adeguando la struttura della home page o i menu di navigazione, ma non hanno fatto cambiamenti sostanziali in grado di aiutare davvero il cittadino a orientarsi con semplicità, a trovare informazioni e servizi, a interagire con le amministrazioni.

 

I primi classificati nel rating generale

Piccoli comuni         

1. Comune di Cividate Camuno (Brescia)

2. Comune di Capralba (Cremona)

3. Comune di Santa Domenica Vittoria (Messina)

Diploma di ecellenza: Comune di Aquilonia (Avellino)

Diploma di ecellenza: Comune di Pentone (Catanzaro)

 

Comuni di medie dimensioni       

1. Comune di Darfo Boario Terme (Brescia)

2. Comune di Statte (Taranto)

3. Comune di Parabiago (Milano)

Diploma di ecellenza: Comune di Cassina Dè Pecchi (Milano)

Diploma di ecellenza: Comune di San Giovanni Teatino (Chieti)

 

Comuni medio-grandi       

1. Comune di Modena

2. Comune di Cesano Maderno (Monza e Brianza)

3. Comune di Cuneo

Diploma di eccellenza: Comune di Salerno

Diploma di eccellenza: Comune di Aprilia (Latina)

 

I riconoscimenti settoriali

Albo Pretorio e policy

Comuni di medie dimensioni: Comune di Alba Adriatica (Teramo)

Piccoli comuni: Comune di Santa Domenica Vittoria (Messina)

Comuni medio-grandi: Comune di Salerno

 

Organizzazione dell'ente e PEC

Comuni medio-grandi: Comune di Modica (Ragusa)

Comuni di medie dimensioni: Comune di Albaredo d'Adige (Verona)

Piccoli comuni: Comune di Capralba (Cremona)

 

Procedimenti amministrativi

Comuni medio-grandi: Comune di Cesano Maderno (Monza e Brianza)

Comuni di medie dimensioni: Comune di Darfo Boario Terme (Brescia)

Piccoli comuni: Comune di Tonara (Nuoro)

 

Servizi on line

Comuni medio-grandi: Comune di Modena

Comuni di medie dimensioni: Comune di Samarate (Varese)

Piccoli comuni: Comune di Roccabascerana (Avellino)

 

Trasparenza

Comuni medio-grandi: Comune di Ragusa

Comuni di medie dimensioni: Comune di Busca (Cuneo)

Piccoli comuni: Comune di Pomaretto (Torino)

Per scaricare la ricerca completa clicca qui

Per guardare le foto della premiazione clicca qui


[1] 25 siti sono risultati non rilevabili (NR) poiché, nonostante l’iscrizione al dominio “gov.it”, non è stata ancora effettuata la migrazione del sito istituzionale, tranne due casi particolari (Catania e Marino) che sono risultati non rilevabili in quanto il sito iscritto era solo il portale dei servizi dell’Ente e non il sito istituzionale.
[2] Sono stati definiti
·         Comuni piccoli: <5000 abitanti
·         Comuni medi: 5000-30000 abitanti
·         Comuni medio-grandi: >30000 abitanti

 

 

Your rating: Nessuno Average: 5 (2 votes)