Articolo

Il dialogo competitivo: uno strumento procedurale innovativo per gli appalti di servizi integrati

Un articolo di Paola Conio e Luca Leone, estratto dalla Rivista "FMI - Facility Management Italia".

Pur non essendovi obbligato, il nostro paese ha scelto di cogliere l'opportunità fornita dalla Direttiva Europea 2004/18/CE, introducendo nel Codice degli Appalti il nuovo e flessibile strumento del ''dialogo competitivo'' come possibile risposta alla crescente complessità delle esigenze delle Pubbliche Amministrazioni. Tuttavia, il timore da parte di queste ultime di non riuscire a governare questo strumento procedurale innovativo ha di fatto finora costituito un freno alle notevoli potenzialità e opportunità che lo stesso strumento può fornire, specie per un settore complesso e non ancora del tutto consolidato come quello degli appalti di servizi integrati per la gestione e la valorizzazione dei patrimoni immobiliari e urbani pubblici. Proprio questo ambito particolare di appalti potrebbe essere un campo privilegiato di sperimentazione ed applicazione per l'operatività del dialogo competitivo, ma a differenza di quanto sta avvenendo in altri paesi europei, l'Italia parrebbe non essersene ancora accorta.

Vai all'articolo completo (in formato pdf)

 

Nessun voto