Scheda

Il benessere organizzativo a Roma TRE

Amministrazione
Università degli studi Roma TRE
Sito web istituzionale
www.uniroma3.it
Referente del progetto
Maria Rosaria Cagnazzo, Coordinatrice del progetto

ASPETTI GENERALI

Area di intervento del progetto
Favorire la flessibilità di orario e di organizzazione del lavoro

Destinatari del progetto
Dipendenti della pubblica amministrazione

Descrizione sintetica del progetto
Il progetto intende realizzare una migliore organizzazione del lavoro; è stata presentata la proposta di un gruppo di lavoro costituito da:

  1. il coordinatore del gruppo

  2. un rappresentante della Direzione Amministrativa

  3. un rappresentante dell’Area del Personale – gestione Risorse Umane e Formazione

  4. un rappresentante del CPO

  5. un rappresentante delle RSU

  6. esperti interni e/o esterni di metodologia e statistica

  7. esperti interni e/o esterni di psicologia del lavoro.

Gli esperti esterni previsti sono ricercatori e docenti della facoltà di Psicologia2 dell’Università di Roma “La Sapienza” che già hanno collaborato con il laboratorio Benessere Organizzativo del Programma Cantieri del Dipartimento della Funzione Pubblica nei primi anni di questo millennio.
Uno dei primi lavori di questo gruppo sarà la creazione di un focus group sull’argomento per la predisposizione di un questionario da somministrare a tutto il personale tecnico-amministrativo e bibliotecario che permetta di rilevare la percezione del benessere organizzativo; successivamente si elaboreranno i risultati i quali saranno comunicati ai responsabili dell’organizzazione, ai lavoratori e, ove necessari, saranno predisposti i cambiamenti atti rimuovere gli ostacoli che si frappongono ad una situazione ottimale di benessere organizzzativo

Esigenze affrontate dal progetto
Il progetto si propone di rimuovere ostacoli che si possano incontrare per una buona conciliazione dei tempi di cura e di lavoro e per una migliore organizzazione del lavoro che porti ad una piena soddisfazione e partecipazione del lavoratore.

Obiettivi del progetto
Segue una lista di obiettivi che non ha priorità:
Realizzare
Una partecipazione alla propria attività lavorativa con la maggiore consapevolezza e soddisfazione possibile
Migliore sfruttamento delle proprie competenze
Maggiore aggiornamento professionale
Migliore conciliazione dei tempi di cura e dei tempi di lavoro

Risultati attesi
Segue una lista di risultati che non ha priorità:
aumentato benessere del lavoratore;
miglioramento dell’organizzazione del lavoro;
maggiore efficienza ed efficacia dell’azione;
maggiore produttività.

Risultati conseguiti
Non è possibile indicare risultati conseguiti poiché si è ancora alla fase di idea progettuale

ASPETTI SPECIFICI

Partnership con altri soggetti, istituzionali o privati
Università

Costo del progetto
10,000 euro

Modalità di finanziamento
Fondi interni all'ente

Professionalità coinvolte nel progetto e il ruolo svolto
Analisti di progetto con il compito di predisporre l’analisi e di avviare la sperimentazione del progetto;
Docenti universitari con il compito di: guidare le attività di un focus group; predisporre strumenti di indagine e valutare i risultati della loro somministrazione
Coordinatore delle attività con il compito di approntare e predisporre tutto quanto è necessario per la realizzazione del progetto.

Descrizione soluzioni/cambiamenti organizzativi adottati
Il progetto come già detto è nello stato di elaborazione; pertanto possiamo dire che potrebbe comportare nuove modalità organizzative che potrebbero riguardare il flusso delle attività e modalità di erogazione dei servizi

Azioni specifiche di formazione del personale
Si. Si possono prevedere interventi formativi che potrebbero riguardare tra gli altri aspetti:
psicologia e sociologia del lavoro; benessere organizzativo; aggiornamento tecnologico.

Utilizzo di tecnologie innovative nella realizzazione del progetto
Sì, strumentali alla gestione del progetto

Descrizione sintetica delle tecnologie adottate e il valore aggiunto rispetto agli obiettivi del progetto
Le tecnologie adottate riguardano: trasmissione dati e facilitazioni correlate; e-learning; telefonia mobile; ….

Principali difficoltà affrontate nella realizzazione del progetto
Non è possibile prevedere in questa fase quali saranno le difficoltà a cui andremo incontro; crediamo sia possibile solo verificarle e affrontarle in fase di realizzazione.

 

Your rating: Nessuno Average: 4.5 (2 votes)

Contenuti del Dossier