News

Protocollo di intesa tra MiSE e ANCI per sviluppo banda larga

Il Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani e il Presidente dell’ANCI Sergio Chiamparino hanno sottoscritto un accordo mirato a favorire il rilancio economico dei Comuni attraverso la realizzazione delle reti in banda larga e ultra larga. Il protocollo d’intesa si inserisce all’interno delle azioni del Piano Nazionale Banda Larga ed Ultra Larga del Governo ed è mirato ad incrementare la collaborazione tra Amministrazione centrale e i Comuni.

In particolare, il protocollo in oggetto ambisce a promuovere l'attuazione delle misure di semplificazione introdotte per la realizzazione delle infrastrutture di TLC, nonché ad ottimizzare gli interventi nelle strade e nel sottosuolo limitando l'impatto ambientale e riducendo i disagi per la circolazione veicolare e pedonale. Un altro importante elemento del protocollo d'intesa siglato tra MISE e ANCI è l'avvio di un tavolo di coordinamento degli stakeholders pubblici e privati con competenze in materia di pubblico servizio, per la realizzazione di un catasto delle infrastrutture.

“La sottoscrizione del protocollo d’intesa fra ANCI e Ministero dello Sviluppo Economico – ha sottolineato il Presidente ANCI Sergio Chiamparino - sancisce la comune volontà di favorire lo sviluppo della banda larga e delle reti di nuova generazione nelle nostre città, che consideriamo infrastrutture strategiche per il rilancio della competitività dei territori. Il nostro obiettivo è quello di individuare le forme migliori per favorire gli investimenti in tal senso garantendo un ruolo ai Comuni nel Piano Nazionale Banda Larga e Ultra Larga". "I Comuni sono i veri protagonisti del nostro Piano – ha aggiunto Roberto Sambuco, Capo dipartimento per le Comunicazioni del Ministero per lo sviluppo economico che ha presentato oggi il protocollo - e solo coordinandoci in un progetto di sistema renderemo l'Italia leader nelle Tlc raggiungendo gli obiettivi della strategia EU2020".

"L'importanza strategica del protocollo con i Comuni – ha sottolineato Sambuco – è legata alla recente firma dell'accordo per le reti di nuova generazione, fra Governo e operatori. L’80% dei costi di queste reti sono infatti per opere civili nel territorio comunale. Una maggiore sinergia e semplificazione è fondamentale".

"Una prima applicazione concreta di questo protocollo – ha sottolineato ancora Chiamparino – è rappresentata oggi dalla sottoscrizione di una serie di accordi con i grandi operatori nazionali tlc. Come ANCI ci siamo presi l’impegno di avviare un’azione di sistema che coinvolga tutti i soggetti, pubblici e privati, che hanno competenza in materia nella definizione di interventi basati su modelli operativi il più possibile condivisi e replicabili.”

Per il Presidente della Italian Association for Trenchless Technology (IATT), dott Trombetti, il protocollo "avvia finalmente in forma concreta e sistemica le azioni di sviluppo e ammodernamento delle reti dei sottoservizi ed in particolare di quelle in fibra ottica, del catasto reti e delle infrastrutture del sottosuolo, che le imprese italiane attendevano da tempo.

Si tratta di una scelta strategica voluta dal Ministro e dal Governo, in accordo con gli Enti Locali, che è destinata a portare grandi cambiamenti e vantaggi al Paese, in una logica di partnership pubblico-privata, con investimenti congiunti ed allo scopo di mettere a disposizione delle imprese e dei cittadini strumenti più moderni per lo sviluppo, la competitività ed i servizi di governance.

Scarica il protocollo MISE-ANCI

FONTE: Ministero per lo Sviluppo Economico

Your rating: Nessuno Average: 3 (1 vote)