Scheda

Strumenti di benessere e conciliazione al Politecnico di Torino: baby-parking policino, baby-sitting a domicilio, servizio di supporto nella gestione dei familiari anziani

Amministrazione
POLITECNICO DI TORINO
Sito web istituzionale
www.polito.it
Indirizzo web
www.swa.polito.it/services/cpo/
Referente del progetto
Paola Vigliani, Responsabile Servizio Risorse Umane e Organizzazione - Referente del Rettore per le Pari Opportunità

ASPETTI GENERALI

Area di intervento del progetto
Facilitare la gestione di momenti critici legati alla disponibilità di servizi per l’infanzia

Destinatari del progetto
Dipendenti della pubblica amministrazione (Per tutte le componenti d'Ateneo (personale tecnico-amministrativo, personale docente, assegnisti, dottorandi)

Descrizione sintetica del progetto
Il Politecnico di Torino ha fortemente investito in azioni positive per la promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.
Nel 2005 attraverso la realizzazione del baby-parking Pomicino, l'Ateneo ha dato una prima risposta ai bisogni organizzativi e personali dei dipendenti.
Il baby-parking è un servizio socio – educativo - ricreativo in grado di fornire risposte flessibili e differenziate in relazione alle esigenze delle famiglie, attraverso la disponibilità di spazi organizzati e attrezzati per consentire ai minori opportunità educative, di socialità e di comunicazione con i propri coetanei.
Il baby-parking è aperto a tutte le componenti, compresi gli studenti e le studentesse e possono accedervi bambini dai 13 mesi ai 6 anni.
Nel 2006 attraverso il progetto Polifamily, finanziato dalla Regione Piemonte attraverso il Fondo Sociale Europeo, l'Ateneo ha sperimentato altri servizi di conciliazione. I due servizi più richiesti (servizio di baby-sitting a domicilio e servizio di supporto per la gestione dei familiari anziani) sono continuati con fondi dell'amministrazione dopo la fine del progetto.
I servizi sono offerti in regime di co-finanziamento degli stessi: attualmente la quota a carico degli/delle utenti è del 30% per il servizio di assistenza anziani e del 40% per il servizio di baby-sitting.
Il baby-sitting a domicilio è offerto a tutte le mamme e i papà con bambini in età 0-13 mesi, che non possono usufruire del baby-parking Policino.
Il servizio di supporto nella gestione dei familiari anziani, offre un servizio di assistenza domiciliare e/o di accompagnamento/disbrigo commissioni tramite assistenti in possesso di attestato O.S.S. (Operatore Socio-Sanitario) ed è rivolto alle lavoratrici e ai lavoratori che si prendono cura di madri e padri anziani.
I servizi sono monitorati da personale dedicato, che raccoglie le richieste, fa da tramite tra gli/le utenti e le cooperative che gestiscono i servizi e si occupa della valutazione attraverso la somministrazione di un questionario di soddisfazione.

Esigenze affrontate dal progetto
Il baby-parking Policino nasce in considerazione della forte percentuale di lavoratrici madri e di orari di lavoro diversificati.
I servizi di baby-sitting a domicilio e di supporto nella gestione dei familiari anziani sono stati progettati a seguito di un'indagine interna sulle esigenze del personale in materia di conciliazione vita-lavoro. In particolare il servizio di baby-sitting agevola il periodo di rientro dalla maternità.

Obiettivi del progetto
Il Politecnico di Torino si è recentemente dotato di un Piano Strategico, nella convinzione che ad una rinnovata e virtuosa centralità del sistema universitario sono affidate le speranze volte ad un nuovo modello di società fondato sulla economia della conoscenza, nel quale si possano realizzare gli ideali di uguaglianza, tolleranza e progresso. Una delle azioni della Linea 7 del Piano Strategico (“La centralità del capitale umano e la qualità di vita nell’Ateneo”) è dedicata al miglioramento della qualità della vita nell’Ateneo, attraverso iniziative di potenziamento dei servizi rivolti a chi nell’Ateneo opera. Tale linea del Piano Strategico concretizza una sensibilità da anni presente in Ateneo, che ha permesso l’attivazione di numerose iniziative a sostegno delle esigenze e dei tempi della famiglia. Le azioni intraprese costituiscono un autentico “progetto di welfare aziendale” da parte di una istituzione che aspira ad essere sempre più “family friendly”, attraverso una strategia di azione globale ed integrata che – partendo da una cultura lavorativa che ritiene essenziale il benessere delle risorse umane – fornisca servizi/benefits concreti, progettati e attuati in base alle esigenze degli usufruitori.

Risultati attesi
Raggiungimento di un migliore equilibrio tra i tempi di vita e di lavoro per i/le dipendenti del Politecnico di Torino, con particolare attenzione al superamento di periodi di criticità e al momento del rientro dalla maternità.

Risultati conseguiti
Nel periodo 2008-2010 quasi 43.000 ore erogate. Miglioramento delle possibilità di conciliare carichi di cura e impegno professionale, con particolare riguardo al superamento di momenti di criticità e al periodo del rientro dalla maternità.

ASPETTI SPECIFICI

Descrizione comunicazioni avviate
Azioni di comunicazione interne: sito internet, e-mail.
Azioni di comunicazione rivolte all'esterno: convegni, seminari. Pubblicazione di un cd-rom divulgativo sul progetto "Polifamily". L’ente è stato inserito nella pubblicazione della Consigliera di Parità della Provincia di Torino “L’azienda amica delle mamme e dei papà” quale esempio di ente che ha attivato buone prassi in materia di conciliazione e la Regione Piemonte ha inserito il progetto “Polifamily” nell’elenco delle buone prassi attuate nell’ambito dei progetti FSE 2000-2006.
L’impegno dell’Ateneo si è inoltre aggiudicato una menzione speciale, un premio di 30.000 euro e il titolo di "Ente Amico della Famiglia" nell’ambito del bando della Presidenza del Consigli dei Ministri per la selezione di progetti a sostegno delle politiche della famiglia.

Costo del progetto
Nel solo periodo 2008-2010: 350.000 euro

Modalità di finanziamento
Fondi interni all'ente

Professionalità coinvolte nel progetto e il ruolo svolto
Il progetto ha coinvolto principalmente il Servizio Risorse Umane e Organizzazione, l'Ufficio Formazione e Benessere aziendale, il Comitato Pari Opportunità d'Ateneo, personale dedicato e specializzato, nonché le cooperative esterne a cui è affidata la gestione dei servizi.

Descrizione soluzioni/cambiamenti organizzativi adottati
Il progetto ha contribuito alla promozione di una nuova cultura orientata al benessere organizzativo e alle pari opportunità.

Utilizzo di tecnologie innovative nella realizzazione del progetto
Sì, strumentali alla gestione del progetto.

Nessun voto

Contenuti del Dossier