Scheda

Centro Estivo anno 2010 destinato ai figli dei dipendenti della Regione Marche

Amministrazione
Regione Marche
Sito web istituzionale
www.regione.marche.it
Indirizzo web
www.pariopportunita.regione.marche.it
Referente del progetto
Maria Luisa Baroni, Dirigente

ASPETTI GENERALI

Area di intervento del progetto
Facilitare la gestione di momenti critici legati alla disponibilità di servizi per l’infanzia.

Destinatari del progetto
Dipendenti della pubblica amministrazione (dipendenti maschi e femmine con figli minori da 3 a 11).

Descrizione sintetica del progetto
Il Comitato per le Pari Opportunità della Giunta e del Consiglio della Regione Marche, preso atto dei buoni risultati ottenuti dal centro estivo organizzato nel 2009, che ha permesso ai dipendenti regionali di disporre di un servizio di accoglienza per i propri figli vicino al proprio posto di lavoro, nella seduta del 23 marzo 2010 ha deciso il rifinanziamento dello stesso, anche per l’annualità 2010.
Con la sopradetta convenzione il Comune di Ancona si è impegnato a realizzare un centro estivo dedicato ai figli dei dipendenti della Regione Marche, da effettuarsi presso la scuola Giulio Verne in via Tiziano 48 – Ancona, fino a un massimo di 50 (cinquanta) bambini di età compresa tra i 4 e i 10 anni, e presso la scuola Carlo Antognini via Bramante 7 Ancona, per un massimo di 20 (venti ) ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 14 anni .
L’orario di entrambi i centri sarà dalle 8 alle 14.30 e la frequenza comprenderà anche il servizio mensa.
Ove non si raggiungesse un numero adeguato di iscritti al Centro Estivo Giulio Verne, appositamente dedicato, il Comune di Ancona si riserva di inserire i ragazzi richiedenti in centri estivi limitrofi già previsti.
L’entità del beneficio per il dipendente regionale consiste in un contributo sul costo della retta per ogni mese di centro estivo usufruito da ciascun figlio, come sotto indicato:
1. € 280,00 per i dipendenti non residenti nella città di Ancona .
Il costo a carico del dipendente è pertanto pari a € 150,00 per ogni mese di centro estivo usufruito da ciascun figlio.
La P.F. Pari Opportunità provvederà al pagamento a favore del Comune di Ancona dell’intera retta; la quota a carico del dipendente sarà successivamente recuperata dalla P.F. Organizzazione ed Amministrazione del personale, mediante una trattenuta effettuata sulla busta paga.
Inoltre la risoluzione 34 ribadisce che “l’esclusione dalla tassazione opera anche nell’ipotesi in cui detti servizi siano messi a disposizione dei dipendenti tramite il ricorso a strutture esterne all’Ente” quindi tramite convenzioni.
In considerazione di quanto sopra, con il presente atto si intendono approvare i criteri e le modalità per la presentazione della domanda, relativa alla richiesta di partecipazione al centro estivo per i figli dei dipendenti della Regione Marche, con minori in età compresa tra 4 e 14 anni, secondo, rispettivamente i moduli “A” e “B” allegati, che fanno parte integrante e sostanziale del presente atto.
La domanda dovrà essere presentata entro il 15° giorno successivo alla data di pubblicazione nel BURM del presente atto presso la P.F. Pari Opportunità della Regione Marche.
L’istruttoria delle domande sarà espletata dalla P.F. Pari Opportunità che redigerà la graduatoria secondo i seguenti criteri:
La Dirigente della P.F. Pari Opportunità trasmette al Comune di Ancona l’elenco dei beneficiari, suddivisi per luogo di residenza. Contestualmente, provvede al pagamento del saldo relativo all’importo totale delle rette per il servizio di Centro Estivo attivato per i figli dei dipendenti della Regione Marche, al netto dell’anticipo di € 10.000,00 già erogato con il presente atto.
L’onere del presente provvedimento pari ad Euro 30.000,00 deriva dal costo presumibile complessivo della retta per la partecipazione massima di n°70 bambini (figli di dipendenti residenti e non residenti nel Comune di Ancona) per i mesi di Luglio e Agosto 2010 e fa carico sul capitolo 32003104 / 2010 del Comitato Pari Opportunità della Regione Marche.
€ 300,00 mensili per ogni bambino residente nel Comune di Ancona;
€ 430,00 mensili per ogni bambino non residente nel Comune di Ancona.
Tutto ciò premesso si conviene quanto segue:
La premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente bando ed ha per oggetto la realizzazione del servizio di Centro Estivo, appositamente dedicato ai figli dei dipendenti regionali che ne faranno richiesta, per il periodo 1° luglio - 31 agosto 2010.
Può fare domanda la/il dipendente della Giunta regionale, del Consiglio regionale e dell’ASSAM a tempo indeterminato – determinato e comandato presso altre amministrazioni, con figli di età da 4 a 14 anni alla data del 30 Giugno 2010.
La domanda può essere presentata da un solo genitore:
• posta, alla Dirigente della P.F. Pari Opportunità della Regione Marche Via Tiziano n. 44 – 60125 Ancona;
La graduatoria verrà eseguita dalla P.F. Pari Opportunità mediante i seguenti criteri:
Il beneficio consiste in un contributo per ogni mese di centro estivo usufruito da ciascun figlio del/la dipendente regionale come di seguito indicato:
La Dirigente, con proprio decreto approva la graduatoria finale ed elenca le domande non ammesse indicandone i motivi dell’esclusione.
La Dirigente della P.F. Pari Opportunità trasmette con lettera al Comune di Ancona l’elenco dei beneficiari, suddivisi per luogo di residenza.
La Dirigente della P.F. Organizzazione ed Amministrazione del personale provvede a trattenere nella busta paga dei dipendenti beneficiari, la quota di retta a loro carico, pari a € 150,00 per ogni mese di centro estivo usufruito da ciascun figlio.
Fax simile per la presentazione della domanda.
Di usufruire del beneficio relativo all’iscrizione del/i proprio/i figlio/i per il centro estivo di:
La P.F. Organizzazione ed amministrazione del personale a trattenere dalla propria busta paga l’importo di € 150,00 per il servizio di centro estivo usufruito dal/i proprio/i figlio/i.
Il/la sottoscritto/a_____________________________________dichiara, sotto la propria responsabilità e a conoscenza delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000, in caso di dichiarazioni mendaci:
1) di essere genitore di n.°_____figlio/i in età da 4 a 14 anni alla data della pubblicazione del presente bando.
3) di usufruire del Centro estivo dal:
Ø 1° al 31 Luglio 2010 o
Ø 1° al 31 Agosto 2010 o
Ø Giulio Verne per il/la figlio/a da 4 a 10 anni o
Con D.G.R. n°316 del 17/02/2010 si è provveduto ad approvare uno schema di convenzione tra la Regione Marche ed il Comune di Ancona che è stata sottoscritta dalle parti in data 09.03.2010.

Esigenze affrontate dal progetto
Il servizio svolto dalla Regione ha una finalità esclusivamente ricreativa, per cui il fringe benefit che scaturisce dal contributo per il centro estivo, non è soggetto a tassazione secondo quanto indicato dall’art. 51, comma 2, lettera f), del TUIR secondo il quale” non concorrono a formare il reddito l’utilizzazione delle opere e dei servizi di cui al comma 1 dell’art. 100 da parte dei dipendenti e dei soggetti indicati nell’art. 12”; inoltre il comma 1 dell’art. 100 del TUIR recita: “le spese relative a opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto”.
Con la risoluzione n° 34/E del 10/03/2004 l’Agenzia delle Entrate ha ribadito che la non concorrenza dal reddito di lavoro dipendente è connessa tra l’altro al verificarsi di servizi perseguibili a specifiche finalità di: educazione, istruzione, ricreazione assistenza sociale e sanitaria o culto.
Inoltre la risoluzione 34 ribadisce che “l’esclusione dalla tassazione opera anche nell’ipotesi in cui detti servizi siano messi a disposizione dei dipendenti tramite il ricorso a strutture esterne all’Ente” quindi tramite convenzioni.

Obiettivi del progetto
Fornire ai dipendenti della Regione Marche un servizio di conciliazione ubicato vicino alla sede di lavoro per migliorare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro nel periodo estivo.

Risultati attesi
Soddisfare il fabbisogno dei 31 dipendenti che hanno risposto al bando del centro estivo.

Risultati conseguiti
28 dipendenti hanno usufruito del servizio del centro estivo.

ASPETTI SPECIFICI

Partnership con altri soggetti, istituzionali o privati
Comune

Descrizione comunicazioni avviate
La comunicazione del Bando a tutti i dipendenti della Regione Marche è avvenuta tramite posta elettronica

Costo del progetto
€ 15.000,00

Modalità di finanziamento
Fondi regionali.

Professionalità coinvolte nel progetto e il ruolo svolto
Dirigenti e funzionari della Regione Marche e del Comune di Ancona.

Principali difficoltà affrontate nella realizzazione del progetto
Di carattere organizzativo.

Note
Il servizio del Cento estivo è stato utilizzato solo dai dipendenti residenti nella città di Ancona e Jesi in quanto la sede di detto servizio è nella città di Ancona e quindi difficile da utilizzare per i dipendenti pendolari.

 

Nessun voto

Contenuti del Dossier