Protagonisti

La via italiana all'open data. Tra CAD, trasparenza e privacy

Esiste una via italiana all'open data? Mentre Tim Berners Lee al TED 2010 afferma che nel mondo è nato l’open data movement, iniziamo a progettarne lo sbarco in Italia. Cosa troviamo? Un Codice dell'Amministrazione Digitale non abbastanza esplicito, una normativa sulla trasparenza da rivedere e un concetto di privacy da far evolvere. C'è da lavorare, ma la strada non è affatto sbarrata. Ernesto Belisario, via skype, ci propone una tesi interpretativa del nostro ordinamento a favore dell'open data e un percorso di riforma delle norme interessate.

"La questione dell’open data va inquadrata in un’ottica normativa, perché (purtroppo o per fortuna) la PA italiana deve necessariamente muoversi in rispetto di regole. E le regole della PA italiana nell’anno del Signore 2010 sono assolutamente differenti da quelle dell’amministrazione americana in cui sono nati e si sono sviluppati i principi e i diritti open (diritti dei cittadini relativi alle informazioni del settore pubblico)".  Così Ernesto Belisario, avvocato ed esperto in diritto delle nuove tecnologie, apre una interessante chiacchierata via skype sul tema open data e ordinamento italiano

Vi riportiamo via video due punti fondamentali del ragionamento che apriamo al contributo e all’elaborazione di quanti vorranno intervenire:

  • la PA deve usare standard aperti nel rendere accessibili i dati perché questa è l’unica modalità compatibile con i principi del nostro ordinamento
  • la prospettiva dell’open data è pienamente attuabile previa modifica di tre elementi del nostro ordinamento giuridico

A seguire trovate la trascrizione libera della chiacchierata con Ernesto: un approfondimento sulle prospettive, gli elementi e le norme da modificare per avvicinare la nostra (complicata) amministrazione all’open government.

 


I limiti normativi alla trasparenza
. Oltre alla Riforma Brunetta e al CAD la questione va inquadrata attraverso due norme: la legge 241/90, legge generale sul procedimento amministrativo e il d. lgs 196/2003 in materia di riservatezza dei dati personali (ndr la celeberrima privacy). Entrambe le normative sono molto diverse dai corrispettivi americani e, in particolare, sottolineerei questo: nell’ordinamento americano la trasparenza amministrativa consiste in un vero e proprio diritto del cittadino ad accedere a qualunque informazione pubblica, a conoscerla. Nel nostro ordinamento, invece, la conoscibilità dell’informazione pubblica del cittadino è ricollegata ad un requisito: l’interesse. Significa che se io non ho un interesse specifico, qualificato, oltre a quello di essere semplice cittadino, non ho un diritto a conoscere una informazione che pure è pubblica. Quindi, nel nostro ordinamento c’è una sostanziale dicotomia, per cui non tutto quel che è pubblico è pubblicabile e conoscibile da tutti. E questo, da un punto di vista normativo, è un primo ostacolo.

Una notazione sui tempi. La direttiva Obama sull’open government indica alle amministrazioni il tempo per adeguarsi: 45 giorni! Se guardiamo alle norme che prevedono l’adeguamento al CAD basta considerare che per la predisposizione del piano di disaster recovery si assegna un tempo di 15 mesi.  Anche sulla questione tempi, probabilmente, le azioni normative riflettono lo iato notevole che c’è tra l’amministrazione digitale che vorremmo e l’amministrazione che ad oggi abbiamo.

Sono aperti i lavori di preparazione del Barcamp Innovatori PA 2010@FORUM PA 2010

La forza della privacy. Possiamo fare almeno due esempi recenti che ci permettono di capire quanto sia forte l’impatto della normativa sulla privacy sulla questione della trasparenza e dell’accesso ai dati.  Il primo, lo ricorderemo tutti, è relativo alla diffusione dei dati sulle dichiarazioni dei redditi da parte dell’Agenzia delle Entrate, nella primavera del 2008. Cosa successe? Di fatto avevamo una PA che, se vogliamo, in applicazione del CAD prese l’elenco dei contribuenti (dato già pubblico dal momento che la normativa prevedeva che quegli elenchi fossero disponibili presso l’ Agenzia delle Entrate nonché presso ciascun Comune) e lo rese disponibile on line. Nel momento in cui quel dato fu messo per poche ore on line, ci fu un intervento abbastanza netto e deciso del Garante per la protezione dati personali, che sostanzialmente disse che non si trattava di un’azione rispettosa del Codice della privacy e, di conseguenza, quella informazione sparì dal web. Un esempio più recente è quello relativo alla cd “operazione trasparenza”. Mi riferisco alla querelle che si è sviluppata in rete rispetto al fatto che molti siti istituzionali rendono inaccessibili ai motori di ricerca, e quindi non indicizzabili, i dati relativi ai curricula e ai redditi del personale.  In questo caso non si può dire che si tratti di amministrazioni poco trasparenti quanto piuttosto di amministrazioni che rispettano le indicazioni del Garante.

Il CAD mette al centro il “dato”, ma… Tra la L. 241/90 e il d. lgsl 196/2003 si inserisce il Codice dell’Amministrazione Digitale, che, se vogliamo, ha dettato delle disposizioni “rivoluzionarie” in materia di disponibilità dei dati pubblici. Infatti, già nel 2005 il CAD all’art. 50 declinava un importante principio di disponibilità del dato affermando che tutti i dati pubblici devono essere formati, conservati, resi accessibili e disponibili con l’uso delle ICT. Sostanzialmente si passa da un’amministrazione fondata sul documento e sul cartaceo a una amministrazione fondata sul dato, in cui il ruolo centrale è l’informazione. Questo è importante perché l’informazione liberata dal supporto può facilmente rendersi pubblica, conoscibile e accessibile dal cittadino. Ma il limite del CAD è che non va a modificare la legge sulla trasparenza amministrativa né la legge sulla privacy e quindi, dopo questa osservazione di principio molto bella e importante, precisa “fatto salvo il rispetto della normativa in materia di riservatezza sui dati personali”. Nella riforma del CAD dovremmo partire proprio da qui per fare in modo che i principi dell’open government possano entrare nell’amministrazione digitale.

C'è una difficoltà oggettiva nello sperimentare la messa on line di dati in formato open. A mio modo di vedere, il problema principale non è normativo ma organizzativo. Abbiamo un gravissimo problema: le amministrazioni non sanno quali sono i dati che hanno e soltanto una minima parte di questi dati è digitalizzata.
Dal punto di vista normativo vorrei proporre una ipotesi interpretativa a favore dell’open data, a partire dalle norme che già abbiamo. L’art. 3 del CAD afferma che il cittadino deve avere riconosciuto il diritto ad usare le ICT nei rapporti con la PA. E’ ovvio che nessuna amministrazione può richiedere che il cittadino paghi per l’esercizio di un diritto. Pensiamo al diritto di accesso. Io sono un cittadino, devo accedere a un file, e ne ho diritto ai sensi della 241/90, dell’ art. 50 e ss del CAD e altre disposizioni normative. Se la PA dicesse: "ti rendo disponibile in modalità telematica l’accesso a questo file ma di fatto hai bisogno di un software proprietario e di acquistare una licenza per accedervi”, di fatto subordinerebbe l’esercizio di un mio diritto al pagamento di una somma a un soggetto terzo. Questo sarebbe un comportamento intollerabile e già oggi illegittimo da parte di una PA. Di conseguenza è ovvio che se affermiamo che il cittadino ha un diritto ad accedere ad una informazione il formato open è l’unico da adottare per riconoscere questo diritto.

Una amministrazione oggi potrebbe rendere disponibili i propri dati in formato open (fatte salve le norme sulla privacy)? La risposta è si. La lacuna normativa oggi è nella mancata imposizione di un obbligo per tutte le amministrazioni, ma nel nostro ordinamento (utilizzando il CAD e il decreto con cui è stata recepita la Direttiva europea in materia di riuso delle informazioni pubbliche) le amministrazioni possono farlo. E’ ovvio, il percorso di chi si farà pioniere sarà più difficile, scontrandosi per primo con ostacoli di tipo organizzativo, tecnico e normativo. Il problema sarà principalmente quello della compatibilità. In una operazione del genere sarebbe auspicabile una comunicazione preventiva al Garante, di modo che interpellato su un quesito specifico possa dare delle indicazioni utili ed apprezzabili da parte di tutte le altre amministrazioni. C’e da dire che l’approccio bottom up all’open data sconta la parzialità del dato, mentre la forza della filosofia dell’open data è proprio in un’ampia gamma di amministrazioni che rendono disponibili i propri dati a cittadini, imprese e altre amministrazioni a prescindere dalla loro collocazione geografica. 

Contribuite alla stesura del Manifesto Amministrare 2.0 (versione 1.0), da sviluppare a FORUM PA 2010

Adottando la prospettiva dell’open data, da dove partiamo?
Dobbiamo agire su una triplice linea di azione:

  • dobbiamo ripensare la trasparenza (la legge italiana è ormai vecchiotta, essendo stata concepita prima dell’avvento dell’informatica)
  • dobbiamo ripensare la privacy, riconoscendo che è un concetto in continua evoluzione e modificare la normativa di conseguenza
  • dobbiamo urgentemente modificare il CAD in questa ottica, rendendo ancora più cogenti le norme in materia di disponibilità, accessibilità e fruibilità dei dati pubblici (art. 50 e ss) incidendo in modo ancora più pregnante sui formati e sugli standard aperti, contemperando questo con le modifiche future a trasparenza e privacy.

 

Your rating: Nessuno Average: 4.5 (8 votes)

Commenti

Do not sublet your ex high hat you further torpedo you. 98852

The red symbol of Christian Louboutin

Specifically, the red high-heeled sneakers are direct supply of superiority complex for women. After hearing a plaint from a lady,?in the event you don know the red Christian Louboutin, that indicates your ignorance of fashion.?Certainly, the lady wanna for being vogue, then she could miss the red footwear. As a result, the female with red Christian Louboutin normally stands out in the crowd who are short of pesonality. Such a lady with high-spirited and vigorous, let many others be obsessed with her charming appearance. So, we conclud that a pair of red footwear, highlights a woman's whole method. >

Therefore, girls start to chase the red shoes. The gals with red shoes make their steps to get a trend symphony. [url=http://www.christianlouboutinreduction.com/christian-louboutin-2013-chaussons-c-32.html]christian louboutin chaussure[/url] Girl wearing high-heeled shoes sends out eye-catching charming. Needless to say, not all women can wear red Christian Louboutin. That brand is often a symbol of social courses. Only ranked on this class,you could give out your own inherent glamour. From Jordan queen to a Hollywood star, or in the fashionable on the royal, all ladies are crazy for owning a pair of red Christian Louboutin, which let the red footwear are popolar in twenty years.

Quite a few persons assume the red footwear of Christian Louboutin had been developed in 1992, when Mr. Louboutin uncovered the brand. Basically, which is nor accurate. At first, Mr. Louboutin did not get the concept that paint the sole of his sneakers with red. Certainly, when a time, he saw his assistant was painting her toes with red nail polish sometimes. The bright red colour stimulated his inspiration all of a sudden. He said excitely, hy not seek to paint the sole of sneakers with red, allow see the visual impact.?Thus, the primary pair of red Christian Louboutin were born.

Consequently, the red sole have became the symbol of Christian Louboutin brand. At the same time, Christian Louboutin is much more and even more well-liked [url=http://www.christianlouboutinreduction.com/christian-louboutin-2013-chaussons-c-32.html]christian louboutin chaussure[/url] within the maket of sneakers. Mr. Louboutin explained in an interview [url=http://www.christianlouboutinreduction.com/]christian louboutin livraison gratuite[/url] , he red Christian Louboutin just like the sneakers painted with lipstick, which let us wanna to kiss them unconsciously.?As though the red sneakers have some kind of magic,it makes a delicate woman flipped to them.

The red symbol is famed all across the planet promptly, Mr. Louboutin make name for himself. The royal noble and super stars increase for Christian Louboutin probably. Allow us to appear on the listing of shoppers of Christian Louboutin, they may be the Monaco princess and famous actress, for instance Cameron Diaz, Nicole Kidman, Sarah Jesscia Parker and Jennifer Lopez. Mr. Louboutin is made use of to express his ideas of layout in sharp contract. Slender substantial heels as well as the red soles would be the tags of CL brand. His experimental artwork style and design is exclusive while in the Shoes manufacturing.

Past controversy, a pair of red sole shoes represent wealth and intelligence, especially the glamour of a girl! In front of the woman that is sporting the red sneakers, one particular guy always loses his sense by her elegance. No the stunning high-heeled red footwear, the slender feet of woman would be tough to move just one stage.

About writer: Candice offen goes to discover .And he is also an author like writing some thing about and .

To enact supplementary Aion Kinah. 47739

Women's Boat Adidas Ciero - Produce a Statement With this particular Well-liked Accessory

Mens boat Adidas Ciero will be the ultimate phrase in vogue, comfort and utility. The Adidas Ciero are at the outset developed for exercise on slippery boat decks. The primary organization to manufacture and commercialise the boat Adidas Ciero was Sperry Shoe Firm, and there exists an very fascinating tale behind the conceptualisation during the shoe and its mastermind Mr. Paul Sperry. Legend has it that Paul Sperry was hunting for a pair of Adidas Ciero that can give him fantastic grip across the slippery-wet painted wooden decks of his boat. Following an extended and prolonged search he could not uncover 1 and straight away[url=http://www.jeremyscottsaless.com/jeremy-scott-sandales-mall-57.html]jeremy scott sandales[/url] made a decision to set his useful working experience in producing Adidas Ciero to get the job done with by building a shoe that serves his cause. Even though he was at it Sperry observed sooner or later that his cocker spaniel could operate on ice without significantly effort. He instantly replicated the look more than the paw of his cocker spaniel on to that of one's shoe, and etched his title in background by creating the ever-popular and really sensible deck Adidas Ciero.

These mens boat Adidas Ciero through the Sperry Shoe Business along with the other versions which have now create into frequent are among the list of most admired forms in footwear throughout the globe. The Adidas Ciero carry the search and knowledge of an energetic don and allow the individual [url=http://www.jeremyscottsaless.com/jeremy-scott-adidas-pour-enfants-mall-63.html]jeremy scott adidas[/url] wearing it to attain the glimpse [url=http://www.jeremyscottsaless.com]jeremy scott chaussure[/url] of the relaxed but self-assured guy. The good factor about these Adidas Ciero is these are multi-purpose; they are often place on to realize grip on damp or dry surfaces or these are usually worn to a selection of social gatherings wherever the dress code is just not formal. The Adidas Ciero are great for sporting to barbeques or seaside events.

These mens boat Adidas Ciero stick to the classic American moccasins within their uncomplicated framework and hence are typically generated from one particular piece of leather-based that is certainly stitched across the upper facet from your shoe all-around a rubber sole. The leather-based utilized for these Adidas Ciero are persistently and completely handled with oil to provide them a tender, glistening and h2o repellent surface. Almost all of those Adidas Ciero can be found in a mixture of two or usually 3 tones of colours like black, red, brown, tan, beige, etc. Naturally the market is now flooded with variants of mens boat Adidas Ciero which may very well be made of canvas and normally also a blend of leather and canvas. Typically, these Adidas Ciero characteristic hand-stitched seams, laces which may be created of rawhide, and six lace holes produced of brass. On the other hand, the marketplace also sells slip-on deck Adidas Ciero that fluctuate appreciably with the regular laced designs.

The way in which these Adidas Ciero are constructed these are typically pretty significantly put on with virtually anything at all that's not fully formal. Jeans and shorts go surely effectively with mens boat Adidas Ciero and may well be accompanied with polo shirts, t-shirts, vests, or simply shirts informal or formal. There aren't any difficult and promptly policies about placing on socks with these Adidas Ciero, nevertheless, it could possibly be recommended that these Adidas Ciero be put on without the need of socks they appear neat like that. Naturally, like that the ft must be handled with medicated sprays every single time. Also, the Adidas Ciero should have to get washed now and yet again, and considering the fact that they may be waterproof executing this will be an issue of carrying them towards the sea or maybe a pool.

Various content articles is written by writer dainelchristan.The post right here about is additionally one of the very best write-up written by him.