News

Insediata la Commissione per la valutazione nella PA

Si è insediata ieri pomeriggio la Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche istituita con un decreto del ministro per la Pubblica amministrazione e l'Innovazione, Renato Brunetta, che ha eletto quale suo presidente il prof. Antonio Martone.

Lo rende noto un comunicato del portavoce del dicastero in cui si rammenta che la Commissione ha il compito di indirizzare, coordinare e sovrintendere all'attuazione della riforma della pubblica amministrazione per garantire sia una efficace valutazione sia un adeguato livello di trasparenza delle amministrazioni.

''Il ministro Renato Brunetta - si legge nel comunicato - esprime la sua più viva soddisfazione per l'avvio dei lavori di questo importante organismo, felicitandosi in modo particolare con il professor Martone per il suo prestigioso incarico''.

Della Commissione fanno parte il prof. Luciano Hinna, l'ing. Pietro Micheli, il presidente di sezione del Consiglio di Stato Filippo Patroni Griffi e la professoressa Luisa Torchia.

Per saperne di più

Your rating: Nessuno Average: 3 (1 vote)

Commenti

Commissione centrale per la valutazione D. Lgs. n. 150/2009

Due ossevazioni: il costo relativo al 2009 (la commissione si insedia il 23.12.2009) mi sembra eccessivo (2 milioni di euro) e del tutto ingiustificato, oltre che, naturalmente, non motivato pubblicamente.
Stessa cosiderazione per il costo dell'anno successivo (2010): il bilancio di previsione di questa commissione deve essere reso immediatamente pubblico.
I componenti: si valuta la P.A., ma dove sono i suoi rappresentanti? Membri della commissione sono professori universitari che, contemporaneamente, fanno anche i consulenti. Solo chi ha lavorato all'interno delle strutture pubbliche ne conosce la natura e le problematiche. Per la verità, molto più interessante e meno costoso sarebbe stato chiamare un paio di dipendenti qualsiasi, uno delle amministrazioni centrali ed uno delle amministrazioni territoriali, per comprendere in cosa consiste effettivamente l'oggetto della valutazione ed evidenziare ad una prima lettura, senza necessità di superconsulenti, le realtà nascoste dietro le numerose dichiarazioni (on line o cartacee, cambia poco) che giungeranno a Roma. Ma questa é, naturalmente, una provocazione. Il costo (8 milioni di euro) un grosso problema per tutti noi. E