Dossier

Innovazione nel Nord Ovest: alla scoperta della governance di sistema

Lavorare insieme conviene, e consente di ottenere risultati che, singolarmente sarebbero difficili da raggiungere. Questo in estrema sintesi il significato della strategia di innovazione che ha guidato le tre regioni del Nord Ovest dal 2001 ad oggi. Ed è anche il tema attorno al quale è stato pensato ed articolato il FORUM DELL’INNOVAZIONE Nord Ovest (Genova 16 dicembre).

In questo dossier presentiamo alcuni esempi di come questo modo di lavorare e, soprattutto, organizzare il lavoro, può essere messo a frutto e ottenere risultati concreti.

Obiettivo della giornata di lavoro di Genova è, infatti, proprio quello di far emergere le eccellenze raggiunte da Liguria, Valle d’Aosta e Piemonte in vari ambiti, dalla semplificazione ai servizi on line, dalla sanità digitale alla dematerializzazione, fino ai progetti di abbattimento del digital divide, e ragionare con il Ministro e con i suoi diretti collaboratori per fare in modo che questa esperienza territoriale possa divenire “sapere condiviso” per essere replicato su scala nazionale.

Apre questo dossier un’intervista a Lucia Pasetti, responsabile dei sistemi informativi della regione Liguria, che presenta la logica di “sistema” contenuta nella convenzione tra le tre regioni del Nord Ovest e che guida tutti gli altri progetti presentati.

Buona lettura.

Per conoscere nel dettagliato l’evento del 16 dicembre a Genova e consultare tutte le esperienze presentate clicca qui.

 

Your rating: Nessuno Average: 4.5 (2 votes)

Commenti

LAVORARE INSIEME

La "mia" Regione ha a cuore tale delicato aspetto "relazionale". Ha avviato un master biennale in Bocconi, al quale venni selezionato a partecipare dalla stessa università, sostenendone la rilevante spesa. Master che ho concluso nell'ottobre scorso. Un'interessante esperienza che rischia di essere relegata ad un contesto virtuale senza effetti su quello lavorativo quotidiano. Occorre passare dall'enunciazione evocativa dei principi ad una concreta tensione al miglioramento. Anche attraverso una riconsiderazione dell'attuale criterio selettivo concorsuale del ruolo dirigenziale.