News

Un’amministrazione è trasparente quando…7 Regole da sottoscrivere

Oggi a FORUM PA ’09 è stato presentato il Manifesto sulla trasparenza dell’amministrazione pubblica.  
Nessuna nuova norma, ma 7 regole definite sulla base di norme già esistenti, dalla storica Legge n. 241 del 1990 alla recente legge n.15 del 2009, passando per il Codice dell’amministrazione digitale.

Tantissimi gli spunti in un dibattito che ha tirato le somme insoddisfacenti di un bilancio sulla trasparenza amministrativa, guardando alla Libertà di informazione anglosassone come parametro di riferimento.
Dopo l’analisi, una proposta concreta per le pubbliche amministrazioni, a partire dalla convinzione che la trasparenza amministrativa è un elemento fondante e nutriente delle società democratiche.

A seguire trovate la proposta di Gregoria Arena, ordinario di Diritto amministrativo all’Università di Trento e, in sintesi, le “7 regole per garantire la TRASPARENZA di un’amministrazione”, precedute dalla dichiarazione di principi, ritenuta fondamentale per l’applicazione concreta delle regole.

 

 

 

Le 7 regole per garantire la TRASPARENZA di un’amministrazione

“La trasparenza è un principio generale del nostro ordinamento, cui devono ispirarsi tutte le pubbliche amministrazioni. L’obiettivo è garantire il rispetto dei principi di imparzialità, efficienza e semplicità. La trasparenza consiste nell’accessibilità totale delle informazioni concernenti ogni aspetto dell’organizzazione e delle attività delle pubbliche amministrazioni, in modo da consentire il controllo dei cittadini sull’esercizio del potere amministrativo. Riguarda sia i rapporti fra gli uffici (trasparenza interna) sia i rapporti delle amministrazioni con i cittadini (trasparenza esterna). La trasparenza esterna si può realizzare sia in seguito all’esercizio del diritto di accesso (trasparenza su richiesta) sia in seguito a iniziative autonome delle Amministrazioni (trasparenza offerta).”

Informatica. Un’amministrazione è trasparente quando utilizza efficacemente le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, garantendo l’accesso ai dati e alle informazioni, l’interoperabilità dei sistemi e l’integrazione tra le diverse amministrazioni

Siti istituzionali. Un’amministrazione è trasparente quando il suo sito rispetta i principi di accessibilità, completezza di informazione, chiarezza, affidabilità, semplicità, omogeneità e interoperabilità.

Diritto di accesso. Un’amministrazione è trasparente quando adotta tutti i provvedimenti per garantire e rendere facile il diritto di accesso da parte del cittadino.

Eccezioni di accesso. Un’amministrazione è trasparente quando individua e aggiorna  periodicamente le categorie dei documenti sottratti all’accesso, comunicando i criteri della scelta.

Pubblicazione di atti a carattere generale. Un’amministrazione è trasparente quando pubblica nel proprio sito tutti gli atti che dispongono sulle proprie funzioni, obiettivi e procedimenti.

Dati per la valutazione. Un’amministrazione è trasparente quando assicura la totale accessibilità dei dati relativi ai servizi da essa forniti per consentirne la valutazione.

Programma per la trasparenza. Un’amministrazione è trasparente quando adotta un programma triennale per adeguare l’attività dell’Amministrazione ai principi di trasparenza.

Your rating: Nessuno Average: 4.6 (27 votes)

Commenti

la trasparenza 2.0

Mi sembra fondamentale posizionare l'accesso, conquista giuridica fondamentale nel sistema italiano, in una visione "sistematica di trasparenza". Per citare Osimo:
"La trasparenza deve essere sistematica e universale, non deve essere sul tema x e non sul tema y. La PA non deve scegliere su cosa essere trasparente e non deve scegliere come pubblicare i dati. I dati devono essere presentati in formato riutilizzabile, in maniera che chiunque, non solo li possa leggere, ma li possa interpretare e possa diffondere sul web la propria interpretazione".
leggi l'intervista a David Osimo Let's Open the Public Administration
Si può immaginare una via italiana all'amministrazione aperta?

open data e senco civico

quale è la relazione tra open data e senso civico?
ne ha parlato nicola mattina agli stati generali dell'innovazione a catania.
slides e audio dell'intervento:

http://blog.nicolamattina.it/2010/03/gli-open-data-e-il-senso-civico/

opacità amministrativa

Da quasi 15 anni mi batto per rendere pubblica la lista degli immobili vincolati in FVG e degli atti (decreti) relativi (per i beni "mobili" è molto diverso e per ora non se ne parla).
I beni culturali, immobili dunque, diventano veramente "beni" solo se hanno un decreto (un tempo era del Ministro ora è del Direttore Regionale) che li riconosce come tali e, se di proprietà privata, solo se questo decreto è "notificato" al proprietario e "trascritto" presso la "Conservatoria del Pubblico Registro Immobiliare". Questi atti sono a tutti gli effetti pubblici essendo altrettanto "pubblico" l'interesse per la tutela e la conservazione dei Beni Culturali stessi, ma ...
"La messa in rete degli atti dai quali risultano individuabili i proprietari degli immobili tutelati potrebbe configurarsi - essendone permesso il libero accesso - come illegittima in relazionealla normativa sulla protezione dei dati personali (Dlgs n.196/03)" Firmato il Direttore Generale Bilancio e Programmazione del Ministero per i Beni Culturali, 24-2-2009.
Chi glielo dice che i nomi di tutti i proprietari di tutti gli immobili (e non solo di quelli vincolati), la loro data di nascita, il codice fiscale, il rapporto di parentela con altri "intestati" ecc. sono già e da sempre tutti "pubblici" presso il Catasto italiano?

Trasparenza o Opacità amministrativa

Tutte iniziative interessanti peccato che alcune ammnsitrazioni vadano per la loro strada.
E' il caso della scuola materna o D'infanzia che dir si voglia di San Cesareo che a quanto pare sta sperimentando una nuova formula di "Opacità Amministrativa".

"Graduatorie per l'accesso alla scuola d'Infanzia ? Ma mi faccia il piacere non si usa più pubblicarle..."

La trovo geniale, date una occhiata qui:

http://vivalatrasparenza.blogspot.com/

trasparenza amministrativa e trasparenza politica

trasparenza nell'amministrazione che serve anche a valorizzare il lavoro di chi garantisce la possibilità allo Stato (con tutte le sue diramazioni locali) di esistere e operare

la trasparenza per scardinare questo modo di fare politica nei salotti nelle stanze chiuse negli accordi segreti nell'interesse particolare

A proposito di trasparenza

Come dirigente in un ente locale (Provincia di Perugia) mi trovo spesso (direi quasi sempre) a tentare di espugnare muri di indifferenza, superficialità, ignoranza (nel senso di "non sapere"), apatia, ... dove vengono erette barriere di: "ma ci vuole una norma specifica che lo preveda" oppure "dobbiamo prima approvare un regolamento che ci tuteli" ...
eppure abbiamo norme, anche costituzionali, che ci tutelano e basterebbe meno abulia e più coraggio per percorrere le strade dell'innovazione. (SIGH!)

concordo è questa

concordo è questa l'impressione che si ha
comunque i salari da fame e la nomea di fannulloni che impera non aiutano l'impegno l'assunzione di responsabilità il coraggio e la volontà di andare avanti, oltre il consueto
ci vorrebbe più impegno nella valorizzazione della risorsa umana nell'apprezzamento del lavoro svolto stimoli motivazioni ecc
il problema vero nella PA è il management (dirigenti minidirigenti megadirigenti) è dalla testa che si deve iniziare la riforma

perchè ancora oggi (congiuntura economica particolarmente difficile) si continua a rottamarli con fior di quattrini ?