News

Sottosegretario Fazio: sì a Agenzia di valutazione per medici e ospedali

Sì a una "agenzia terza" che si occupi di valutare i medici, il loro operato, ma anche, nel complesso, la qualità delle strutture in cui operano i sanitari. È l'idea a cui sta pensando il sottosegretario al Welfare con delega alla Salute, Ferruccio Fazio.
"Al di là della parole infelice del ministro Brunetta (macellai, ndr)- spiega Fazio- il principio è corretto: è giusto che, come viene all'estero, ci siano controlli e valutazioni anche sui medici". Tuttavia per il sottosegretario "il curriculum non può dire molto. Credo- prosegue- che ci debbano essere sistemi di valutazione della qualità".

Ma Fazio va oltre: "Quello che bisogna valutare- dice- non è solo il singolo medico, ma la struttura dove opera nel suo complesso. Credo che sia importante la qualità di vita e il modo in cui il paziente viene accolto in ospedale". Ad occuparsi di ciò potrebbe essere "un ente terzo, una specie di agenzia per la valutazione".
Fonte: Agenzia Dire
Nessun voto

Commenti

Incrementare i controlli in sanità

Ben vengano dal governo tutte le proposte per rendere gli ospedali italiani più sicuri. Su www.ehealthlab.it c'è un articolo che parla di come i pazienti sempre più avvertano l'esigenza di sentirsi tutelati nei confronti dell'attuale sistema sanitario.
Operazioni sbagliate, errori nella somministrazione dei farmaci, diagnosi mancate: in dieci anni in Italia le denunce dei cittadini contro i medici e gli ospedali sono aumentate del 66%.
Per reggere l'urto delle richieste dei cittadini le Regioni stipulano polizze per la responsabilità civile in campo sanitario per un totale di circa 500 milioni di euro l'anno.
Dietro al boom ci sono vari motivi, spesso non classificabili come malasanità. C'è inoltre «una maggior consapevolezza dei propri diritti da parte dei malati» che li spingerebbe ad una conflittualità più marcata. E a richiedere maggior sicurezza