Articolo

Telemaco: prosegue in Lombardia la telemedicina per piccoli comuni

Lego Crossdresser

by Alan

Il progetto Telemaco - TELEMedicina Ai piccoli Comuni della Regione Lombardia, continuerà ancora per tre mesi. La Regione Lombardia infatti ha accettato l'offerta di proseguimento dell'erogazione dei servizi sanitari già inseriti nel contratto Telemaco fino al 9 luglio 2008. Ma di cosa si tratta? Un esperimento regionale in ambito sanitario per contrastare i fenomeni di spopolamento e abbandono del territorio in atto in molti dei piccoli comuni lombardi.
 
Il progetto Telemaco è stato inserito nel contesto della Legge Regionale 11/2004, dal titolo  'Misure di sostegno a favore dei piccoli comuni della Lombardia', a titolo di intervento specifico nell'ambito sanitario. Finanziato da Ministero della Salute, Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie della Presidenza del Consiglio, nonché dalla stessa Regione Lombardia, si prefigge sostanzialmente due obiettivi, ovvero:
  • garantire assistenza sanitaria in loco alla popolazione residente affetta da patologie croniche, rispettando e garantendo i necessari livelli di qualità e disponibilità del servizio
  • consentire ai presidi ospedalieri più decentrati e ai MMG delle aree montane di disporre di consulenze con specialisti da centri di eccellenza sanitaria per l'emergenza e per patologie specifiche.

Quattro sono i servizi previsti ed erogati tramite il progetto:

  • teleconsulto specialistico al medico di famiglia
  • teleconsulto su immagini
  • telesorveglianza domiciliare
  • emergenza cardiologica


Stato di attuazione - Aprile 2008

La sperimentazione sul campo dei servizi del progetto Telemaco si è conclusa nel mese di aprile 2008, aprendo la fase di valutazione da parte di cittadini e operatori sanitari.
Sul sito del progetto è possibile trovare le tabelle sinottiche degli obiettivi di progetto per servizio e area geografica, il numero di medici di famiglia coinvolti e i risultati raggiunti. In linea di massima, si può sottolineare che il servizio assolutamente non implementato, e su cui si dovrà maggiormente lavorare,  è il Teleconsulto su immagini, che è anche il servizio attivato più recentemente (autunno 2007). Altri servizi attivati precedentemente, ad esempio la Telesorveglianza domiciliare – in particolare per quel che riguarda la Broncopneumopatia cronica ostruttiva – registrano un utilizzo decisamente più esteso, che arriva nella Asl di Varese a coprire il 100% degli obiettivi prefissati.

E' di oggi la comunicazione che la Regione Lombardia ha accettato l'offerta di erogazione   dei servizi sanitari già inseriti nel contratto Telemaco fino al 9 luglio p.v., data che ricorderemo per approfondire con una valutazione di più ampio respiro quanto il modello Telemaco sia sostenibile ed esportabile in altre Regioni, in un territorio nazionale dove i piccoli comuni sono la maggior parte.
Nessun voto