Articolo

Parole sue. La fase due illustrata dal Ministro Brunetta in conferenza stampa

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione, Renato Brunetta, presenta alla stampa il progetto "Non solo fannulloni" che apre la cosiddetta fase due della sua riforma della pubblica amministrazione. 100 progetti di eccellenza portati avanti da uffici e da dipendenti, funzionari e dirigenti pubblici, tutt'altro che fannulloni, pubblicati sul sito del Ministero per innescare un meccanismo al "rialzo" che spinga le eccellenze ad emergere e a farsi conoscere.

Leggi la news sui contenuti della conferenza stampa

Nessun voto

Commenti

La meritocrazia nella P.A.

In questi giorni si è tanto parlato di meritocrazia ,di idee nuove ma il vero problema è la resistenza dei tanti burocrati e passacarte che impediscono ,alle eccellenze, di potersi distinguere e far valere le proprie idee.
Da dipendente pubblico non posso accettare che chi non produce risultati sia comunque valorizzato perchè ciò sta a significare che fare bene non serve comunque a nulla demoralizzando chi ,con grande impegno, riesce lavorare bene e con profitto.
A tutt'oggi la mentalità di una certa classe dirigente ,purtroppo, è ancora immutata arrecando un danno enorme a ciò che si potrebbe fare e non viene fatto.
Due le leve che porterebbero un notevole risparmio e cioè lavorare sui processi e sui comportamenti di chi lavora tra le scartoffie utilizzando strumenti diversi e andando a colpire i rami secchi di tutti quei processi lavorativi talmente arzigogolati da creare sprechi enormi.
I Comuni,ad esempio, sanno lavorare individuando ,all'interno dei processi lavorativi, le falle del sistema?Sono in grado di stabilire ,ad esempio, se il processo ch eporta al rilascio della carta di identità è ottimizzato e funzionale alle esigenze del cittadino?Un dirigente si comporta in maniera tale da utilizzare tutti gli strumenti necessari ad eliminare passaggi burocratici inutili quale l'utilizzo e il dispendio di carta?
Basterebbero piccoli accorgimenti e migioreremmo la funzionalità dei nostri apparati in maniera esponenziale.