Intervista

La gestione del patrimonio immobiliare degli Enti Locali. Cosa cambia con l'articolo 58?

Articolo del dossier Patrimoni immobiliari

Il patrimonio degli Enti Locali diventa una risorsa strategica in una fase di difficoltà economica degli Enti Locali che si inserisce nel quadro più generale di una crisi di più ampie e globali proporzioni. L’art. 58 del Decreto legge 112/2008 (la cosiddetta “Manovra d’estate”) introduce importanti novità normative nella gestione dell' ingente patrimonio immobiliare in capo a Comuni, Province e Regioni.

Ma cosa cambia in concreto, quali sono i vantaggi, quali i rischi e quali le criticità per gli Enti Locali?  O, come spesso accade, non esiste un confine manicheo, una distinzione netta e assoluta, ma molto dipende dalla capacità della politica di operare scelte che vadano nella direzione di uno sviluppo progettuale e organico del territorio?

In occasione del primo dei tre incontri sul tema del Patrimonio Immobiliare degli Enti Locali, abbiamo raccolto le testimonianze di tre diversi attori del sistema:

Giordano Conti, sindaco della città di Cesena

il prof. Marco Dugato, professore di Diritto amministrativo e Diritto urbanistico dell’Università Iuav di Venezia che in un'interessante intervista ci chiariva, dal proprio punto di vista, i nodi cruciali del decreto;

Andrea Milana di Provincia Attiva s.p.a, la società pubblica che si occupa di programmazione e sviluppo territoriale per gli immobili di proprietà della provincia di Roma.

 

Your rating: Nessuno Average: 3 (1 vote)