Articolo

e-government 2012: metodo Brunetta

Nel presentare il Piano e-government 2012, il Ministro Brunetta lancia un appello ai giornalisti, quasi una sfida: “Siate voi i controllori per conto dei cittadini”.  Adilà dei suoi contenuti, e-gov 2012 introduce un nuovo metodo: il controllo sociale diretto sull’avanzamento dei lavori del Governo, rispetto a obiettivi fissati, sotto-obiettivi declinati e tempi stabiliti in cronogrammi pubblici e aggiornati sul web.
Il punto è: la PA è affare dei cittadini, perché a loro è finalizzata e perché a loro chiede risorse per il suo funzionamento. La PA costa 4500 euro annui a ogni cittadino italiano, Brunetta sostiene che "le risorse per farne una Ferrari ci sono tutte". Il Piano ne potenzierà il motore, il metodo le metterà il turbo?
Ascoltiamo Brunetta.  

Your rating: Nessuno Average: 5 (1 vote)

Commenti

un esempio soltanto e persino banale

tutti verifichiamo annualmente il cartello delle compagnie di assicurazione per le polizze rca...le autorità che dovrebbero vigilare ( almeno 3 in vari settori).nel 2000 addirittura un'associazione di consumatori osò raccogliere adesioni( tessere) e documentazione e soldi pel ricorso al giudice di pace
ma non ha mai risposto ai solleciti!!
..cosa deve fare un cittadino oltre che denunciare?
simonetta dupuis

se sbaglia la pa alla fine tutto tace

giusto...una volta verificata una qualsiasi stortura dovrebbe scattare la sanzione o almeno il rimedio ...ma quando si tratta di pa tutto o quasi finisce nel silenzio.
la class action sembrava un passo avanti... ma come andrà a finire?