Articolo

Arriva OpenProf.com, la startup che aiuta gli studenti alle prese con la matematica

Avete mai avuto problemi a scuola con la matematica? Se la risposta è sì, allora potete entrare a far parte della community di OpenProf, se invece è no... anche. OpenProf infatti è una community che mette insieme insegnanti e studenti. I primi creano esercizi svolti di matematica e fisica e pubblicano annunci di ripetizioni, i secondi studiano gli esercizi, chiedono spiegazioni e commentano. L'idea è nata in Slovenia ma a Trento ha trovato terreno fertile per svilupparsi. In compagnia di Paolo, uno dei due fondatori, vi raccontiamo la storia di questa startup che unisce gli studenti di due nazioni diverse nel nome della matematica (e non solo).

 

Che cosa è OpenProf
OpenProf.com è una community web che riunisce insegnanti e studenti. Nasce con l'obiettivo di dare un aiuto concreto e immediato ai ragazzi alle prese con la matematica e la fisica (per ora), grazie a migliaia di esercizi svolti creati dai docenti e commentati passo dopo passo e ad annunci di ripetizioni in tutta Italia nelle principali materie. La vera innovazione però è costituita dalle playlist di studio, che permettono agli insegnanti di creare veri e propri libri di testo sul web in modo semplice e intuitivo. I due fondatori sono MatejPosinkovic, fisico e informatico sloveno e Paolo Callegari, architetto e designer di Trento. Completano la squadra Marco Lovisco, responsabile comunicazione in Italia e MatejGradišar, responsabile comunicazione in Slovenia.

L'idea: mettersi dalla parte delgi studenti
È in Slovenia che OpenProf muove i primi passi nel (lontano) 2010, grazie ad un'intuizione di Matej, alla ricerca di una soluzione per aiutare gli studenti alle prese con le materie considerate più ostiche: la matematica e la fisica. Matej pensa che il modo più semplice sia quello di mettersi "dalla parte degli studenti" per capire di cosa effettivamente abbiano bisogno quando chiedono aiuto al web. Le risposte sono state due: aiuto con gli esercizi ed, eventualmente, ripetizioni. Così dà vita ad OpenProf.com che in principio ha una struttura piuttosto semplice: annunci di ripetizioni ed esercizi scaricabili in pdf. Grazie ad un lavoro costante e a tanta perseveranza il progetto comincia a prendere forma e Matejdecide di fare un viaggio a Trento, terreno fertile per la crescita di startup innovative. Lì Matej incontra Paolo che abbraccia con entusiasmo l'idea. "Ciò che mi ha convinto - racconta Paolo - è stata l'idea di partecipare ad un progetto che potesse essere utile a qualcuno, basato su un obiettivo concreto: quello di aiutare gli studenti in modo pratico e semplice. Ovviamente, da ex studente ho intuito subito la potenzialità dell'idea".

I primi passi a Trento
"La parte più difficile nel creare una startup come OpenProf.com" - spiega Paolo - "É stato far capire ai potenziali collaboratori ciò che avevamo in mente": la cosa più difficile quando si dà avvio ad un'impresa innovativa. "Ci è stato di aiuto confrontarci con altri giovani startupper che abbiamo incontrato negli uffici di TechPeaks, acceleratore di startup di Trento. "É fondamentale il confronto - continua Paolo - è più facile ottenere consigli utili da chi, come te, condivide le stesse problematiche ed ha la stessa visione delle cose". L'aiuto più grande però OpenProf lo ottiene quando vince il bando Seed Money 2013 co-finanziato da Provincia autonoma di Trento e dall’Unione Europea e incassa 97.000 euro per sviluppare il progetto.

 

I primi tre insegnanti
"A questo punto non restava che cercare docenti disposti ad abbracciare il progetto dedicandogli tempo ed energia. Abbiamo contattato i docenti che già pubblicavano annunci di ripetizioni sul nostro sito - racconta Paolo - tra tutti loro ne abbiamo trovati solo tre che hanno aderito con entusiasmo". Tre docenti a cui col tempo se ne sono aggiunti oltre cento che collaborano per creare i contenuti per il sito, mentre sono più di un migliaio quelli che partecipano alla community per impartire ripetizioni. L'accordo di collaborazione è semplice: insieme si lavora e insieme si divide. I docenti infatti creano contenuti che rimangono sul sito a disposizione degli studenti. Ogni utile che il sito ricava viene diviso in parti uguali tra chi lavora nello staff di OpenProf e chi collabora ai contenuti.

E gli studenti?
Gli studenti iscritti oggi superano i 4.000. Partecipano all'attività del sito consultando gli esercizi, commentando per chiedere aiuto o chiarimenti, alcuni contattano i docenti per chiedere ripetizioni. "É un inizio" - dice Paolo - "L'obiettivo è quello di creare un vero e proprio scambio di idee con questi ragazzi, perché ascoltandoli possiamo crescere, creando contenuti sempre più adatti alle loro esigenze". 

Esercizi svolti e ripetizioni: perché?
"Abbiamo scelto questa formula - dice Paolo - perché sono le due soluzioni che uno studente cerca sul web quando ha problemi con la matematica". Una scelta di praticità quindi, in un panorama già affollato da siti che offrono ripetizioni o soluzioni a problemi di matematica. Ciò che distingue OpenProf.com dai competitor è la sistematicità dei suoi contenuti: se uno studente ha difficoltà con un argomento, non deve fare altro che cercarlo sul motore di ricerca del sito per trovare sintetiche nozioni teoriche e decine di esercizi svolti e commentati passo dopo passo. Anche le ripetizioni non sono lì per caso: sono rivolte a quegli studenti che, nonostante gli esercizi spiegati, hanno bisogno di un ulteriore approfondimento.

L'innovazione: le playlist di studio
La vera innovazione del sito però è costituita dalle playlist di studio, un sistema che permette ai docenti di creare in modo semplice (tramite un meccanismo drag and drop) dei veri e propri libri di matematica personalizzati, magari per preparare gli studenti a una prova specifica. "Stiamo lavorando moltissimo per rendere la creazione di questi libri più semplice possibile - spiega Paolo - a settembre contiamo di avere un meccanismo che permetta anche a chi è a digiuno di informatica di poter creare il proprio libro senza problemi. In Slovenia le playlist di OpenProf sono già una realtà - continua -, in Italia abbiamo preso contatto con alcuni docenti per testare sul campo il nostro sistema".

A che punto è OpenProf?
"Cresciamo giorno dopo giorno - spiega Paolo - lentamente, per gradi ma è una crescita costante". Aumentano infatti gli esercizi svolti e i materiali presenti sul sito (oltre 5.000 esercizi svolti), aumentano gli iscritti alla community (più di 1.400 docenti e oltre 4.000 studenti), aumenta il numero di visite (100.000 utenti nel mese di maggio). "Il vero test però - continua Paolo - sarà il lancio delle playlist di studio e la vendita degli abbonamenti per permettere agli studenti di avere accesso a contenuti esclusivi". Perché ogni progetto, per quanto utile e innovativo, alla fine deve sempre fare i conti con le dinamiche di mercato.

 

Nessun voto