Espositori informano

FEDERSANITÀ ANCI A FORUM PA 2015

Comunicato stampa. Due gli appuntamenti importanti: l’Assemblea Nazionale e la Tavola Rotonda sull’approccio del progetto STOPandGO che vede l’Italia tra le apripista del procurement di servizi sanitari innovativi

Si è tenuta ieri a Roma, presso il Forum PA, l'Assemblea Nazionale di Federsanità ANCI. 

Il Presidente Angelo Lino Del Favero ha introdotto i lavori auspicando una coesione dei Direttori di tutte le Federazioni regionali in modo che Federsanità ANCI possa divenire il centro di offerta di servizi di qualità per ogni azienda sanitaria italiana. "Federsanità ANCI - ha detto tra l'altro Del Favero - sta svolgendo progetti con vari partner istituzionali, dal Ministero della Salute a quello dell'Ambiente, fino ai progetti europei, come STOPandGO, e continuerà nei prossimi anni su questa strada, dando il proprio contributo all'integrazione della politiche della salute con quelle sociali".

Nel corso della mattinata è stato inoltre affrontato il tema dell’innovazione dei modelli di cura. In particolare, grazie all’intervento di Lorenzo Terranova, Direttore del Centro Studi di Federsanità, è stata evidenziata la necessità di cambiamento nel sistema sanitario al fine di preservarne la sostenibilità, mentre il Direttore Generale Enrico Desideri ed il Direttore Sanitario Giuseppe Noto hanno fornito una riflessione dal punto di vista strategico ed organizzativo sui percorsi di innovazione da attuare.

Successivamente Angelo Rossi Mori, Coordinatore dei partner italiani, ha presentato ai direttori generali delle aziende sanitarie il progetto "StOPandGO", cofinanziato dalla Commissione europea nell'ambito delle politiche di sviluppo dell'Information and Communication Technology. Obiettivo principale del progetto è quello di mettere a punto specifiche comuni a tutti i paesi dell'Unione per la definizione di appalti pubblici innovativi in ambito sociosanitario.

Federsanità ANCI sta coordinando tre sperimentazioni concrete nelle Asl Roma D, Asp Catanzaro e con l'Arsan, l'Agenzia regionale sanitaria della Campania

La Asl Roma D sta per lanciare una "Open Market Consultation" con la quale sarà possibile acquisire le informazioni sulle migliori soluzioni tecniche offerte dalle aziende ICT nel settore dei servizi sociosanitari per gli anziani. "In questo modo - ha affermato il Direttore Generale Vincenzo Panella - potremo promuovere modelli assistenziali innovativi e incentivare il lavoro di rete tra medici, familiari e le altre figure di cura".

A Catanzaro, ha annunciato il Direttore del servizio informativo della locale Asp Giuseppe Romano, si sta lavorando all’acquisizione di servizi sanitari e sociali potenziati dalle tecnologie digitali per gli anziani in cura presso la Casa della salute. "Attraverso l’utilizzo appropriato delle tecnologie digitali non solo promuoveremo il coordinamento tra i setting assistenziali - ha commentato Romano - ma favoriremo la medicina di iniziativa ed il self-care del paziente, al fine di creare le condizioni ottimali per preservare l’autonomia dell’anziano e favorire l’invecchiamento attivo e in salute”.

La sperimentazione curata dall’ARSAN, illustrata dall’Ing. Mariangela Contenti, verrà realizzata in collaborazione con le aziende sanitarie campane e interesserà vari percorsi assistenziali. In via preliminare, le tre aree di applicazione riguarderanno le dimissioni protette, la teleassistenza domiciliare e l’empowerment e coaching per la gestione dei primi stadi delle cronicità. Le gare d’appalto verranno predisposte e gestite in collaborazione con SO.Re.Sa, centrale di committenza regionale. 

Nessun voto