Venture capital e Beni Culturali

Maurizio Curari propone un’indagine sulle opportunità di investimento nel mercato dei beni culturali, adottando l’ottica del venture capitalist informatico. Propone un nuovo modo di considerare l’impiego dell’ICT per i beni culturali, a partire da una concezione più estesa di patrimonio culturale in un’ottica di mercato di servizio per un contesto da definirsi come un ecosistema e da ripensare in termini di filiera. Curari propone un modello in cui l’innovazione digitale sia a servizio di integrazione ed interoperabilità tra i vari attori, osservando comunque la difficoltà per un venture capitalist a lavorare in un tale mercato, ancora troppo caratterizzato da approccio pubblico - burocratico e privo di competitività.

Nessun voto

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno