Un nuovo modello di privacy

L'uomo ha l'esigenza di "condividere" e per questo genera continuamente delle tracce che rappresentano le orme, le impronte che vengono lasciate in un contesto non solo analogico ma anche digitale. Queste tracce costituiscono per alcuni versi quella che viene chiamata "l'identità digitale", ossia la somma di tutti gli aspetti e di tutti i percorsi che segnano la vita digitale.

Il controllo che abbiamo sulle informazioni che generiamo è totalmente insufficiente, non avendo la sicurezza di dove vanno a finire le nostre informazioni.

Armando Leotta lancia l'idea di un nuovo modello di privacy, una banca dati unica "alphaprivacy"; l'obiettivo è un accesso unico (per gli utenti, per la PA e per le aziende che chiedono di poter utilizzare i dati) dove l'utente può verificare a chi ha dato il consenso, per cosa lo ha dato e quando può rimuoverlo: tutto online e in autonomia.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno