Servizio Per la cooperazione Internazionale di Polizia V divisione S.I.RE.N.E.

Il progetto SIRPIT per la verifica delle impronte digitali e delle fotografie, presentato dal Direttore del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, Enrico Maria Falcone, si inserisce nell’ambito dell’indagine conoscitiva sullo spazio Schengen nella nuova costruzione europea. L’Italia ha una connessione tra il S.I.RE.N.E. (Supplementary Information Request National Entries) e l’AFIS (Casellario centrale d’identità) al fine di garantire un corretto uso della procedura SIRPIT. In pratica il software consente di scambiare le impronte in formato elettronico tra i Paesi UE, senza perdita di qualità e implementando i dati con quelli supplementari, tipici delle organizzazioni di cooperazione internazionale. Allo stesso modo le impronte ricevute in standard ANSI/NIST possono essere trasformate, con garantita qualità, negli standard di frequente utilizzo per l’acquisizione di immagini per una successiva comparazione da parte degli esperti.

Nessun voto

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno