Ricambio generazionale e innovazione: accettare la sfida delle autonomie locali

Nel mezzogiorno, in particolare in alcune realtà locali, quello che serve per innovare profondamente la macchina dell’amministrazione non è centellinare gli ingressi dei giovani, ma introdurre un flusso forte di nuove leve che garantisca il ricambio generazionale. Questa la conclusione dell’intervento di Giovanni Speranza, che esamina la situazione del Comune di Lamezia Terme, sottolineando le differenze esistenti tra gli enti locali del mezzogiorno e l’importanza di accettare fino in fondo la sfida che si è aperta con la riforma del Titolo V della Costituzione. Solo garantendo alle autonomie locali la possibiliità di determinarsi al meglio, per raggiungere i migliori livelli di qualità dei servizi erogati, può avviarsi un processo di responsabilizzazione della classe politica e di quella burocratica. Ogni amministrazione comunale, in base alla propria realtà e alle proprie esigenze, potrebbe costruire un percorso specifico, sulla base di un piano di ristrutturazione aziendale concordato con il governo. In quest’ottica, strumenti come il Progetto RIPAM potrebbero rivelarsi molto utili per raggiungere gli obiettivi prefissati, coniugando le esigenze di risparmio con quelle del ricambio generazionale, della trasparenza, dell’ottimizzazione delle risorse e del miglioramento del servizio offerto ai cittadini.
Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno

Commenti

yzEANgAqrpLDwL

How are you doing?, acyclovir 200 mg, 8DD, lamisil 250mg, xivzi, order diflucan, 8O,

OBHZhjNUBBor

How are you doing?, acyclovir 400 mg, %(((, terbinafine 250mg, :-P, buy diflucan, hijerl,

lLNpxjKFdUq

wWRLRG wbtiefbiajww, [url=http://vgyakxihkjdx.com/]vgyakxihkjdx[/url], [link=http://hfahfrchkdcf.com/]hfahfrchkdcf[/link], http://venordzfvwfm.com/