Quali interventi per la sicurezza stradale: dati e valutazione dell’impatto

La relazione analizza il problema della sicurezza sulla rete autostradale e sottolinea che, a partire dal 2000, la mortalità si è ridotta di oltre il 40 per cento, nonostante il traffico sia aumentato e ci sia una pessima cultura della sicurezza. Nel settore autostradale, quindi, si riuscirà quasi sicuramente a raggiungere gli obiettivi fissati dalla UE di dimezzare entro il 2010 il numero di incidenti stradali e il numero di vittime. Nel settore autostradale si parla di tasso di incidentalità e mortalità, ovvero il numero di incidenti e di decessi rapportato al numero di km percorsi. Questo, sottolinea Schintu, è un vero indice di valutazione, che permette di valutare l’impatto degli interventi effettuati e, quindi, di scegliere dove destinare i fondi a disposizione. Cosa sta facendo AISCAT? Sta cercando di avviare alleanze inedite, ad esempio con psicologi che trattano problemi di tossicodipendenza. L’obiettivo è cercare soluzioni, approcci e linguaggi nuovi, che rispondano alle odierne esigenze: quindi non solo repressione e controllo attraverso le tecnologie, ma anche interventi che agiscano sulla cultura della sicurezza e sui comportamenti.
Your rating: Nessuno Average: 1 (1 vote)

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno