Le compagnie di assicurazione per la sicurezza stradale

Secondo i dati ANIA (Fondazione per la sicurezza stradale nata per volontà delle Compagnie di assicurazione) il numero di incidenti stradali in Italia è molto più alto di quello fornito dall'Istat (che può prendere in esame solo gli incidenti in cui intervengono forze di polizia). L'ANIA, stando alle cifre in suo possesso, segnala la necessità di ridurre, tra 2008 e 2010, in media dell'11,6 per cento l'anno le vittime di incidenti stradali, se si vuole raggiungere l'obiettivo di Lisbona (dimezzamento delle vittime entro il 2010). L'intervento di Guidoni si focalizza su alcune particolari criticità della sicurezza stradale in Italia: le due ruote, gli incidenti in area urbana e la manutenzione delle infrastrutture. Presenta poi alcuni progetti dell'ANIA, come il progetto "black point", che ha lo scopo di censire e monitorare i punti critici della circolazione e i punti a rischio d'incidente, dando voce a chi circola sulla strada e cercando, quindi, di prevenire situazioni di pericolo.
Nessun voto

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno