La rivalutazione della performance organizzativa.

Pietro Barrera si sofferma sulla cosiddetta performance organizzativa, un aspetto della legge sottovalutato, per cui ciò che conta è lo spirito di squadra. L'attuale enfasi assolutizzante sulla performance individuale è invece legata al fatto che si fa leva sulla competizione interna per favorire il risultato finale, l'unico che preoccupi realmente il cittadino, a cui non interessa invece la capacità individuale dei dipendenti e dei dirigenti. Da qui deriva l'attuale attenzione alle cosiddette fasce di merito.
La partita delle performance organizzativa non è facile perché richiede rigore e serietà, ma è una partita che vale la pena giocare, soprattutto perché è l'unico modo per valorizzare la collaborazione reciproca e costruire un circuito virtuoso tra responsabilità della politica, della dirigenza e di tutti i dipendenti, nonché per mettere al centro non la somma degli impegni individuali ma un vero progetto collettivo, il cosiddetto piano industriale.
Esistono in particolare due questioni decisive per cui questo strumento va considerato almeno a pari dignità rispetto alla performance individuale: la capacità di valorizzare ciò che di buono fanno tante PA, costruendo un sistema di valutazione che consideri le amministrazioni per categorie omogenee; la sfida che dovrebbe cambiare il paese, ossia il federalismo fiscale, per cui è necessario un modello di relazioni interne che si fondi su una maggiore consapevolezza condivisa dei traguardi da raggiungere, ossia un maggiore spirito di squadra.

Your rating: Nessuno Average: 5 (1 vote)

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno

Commenti

Sono Presidente dell'OIV

Sono Presidente dell'OIV nominato dal Sindaco del Comune di Ragusa.
Mi trovo pienamente d'accordo con il contenuto dell'articolo sulla perfoRmance organizzativa di Barrera.
Anzi gradirei conoscere,se possibile, eventuali esperienze maturate in quei Comuni che
hanno già adottato e sperimentato il Sistema di misurazione e valutazione della performance e quali difficoltà
hanno incontrato sulla performance organizzativa.
Sono convinto che il Sistema debba partire dalla performance organizzativa e che la partita si giochi proprio sulla performance dell'intero Ente e delle singole strutture, prima che sulla performance individuale.
Su questa sfida l'OIV del Comune di Ragusa intende procedere e fare ogni sforzo possibile per migliorare l'organizzazione.
Grazie per la vostra attenzione
dott. Michele Busacca
3487352396.