La reingegnerizzazione possibile: il fattore tempo

L’intervento intende indicare le motivazioni che rendono non più rinviabile un discorso sulla semplificazione e sulla qualità nella P.A., individuando gli strumenti per innestare politiche virtuose e indicando quali possano essere gli obiettivi utili ad un “salto nella qualità” per le strutture pubbliche. Filo conduttore sarà: il fattore tempo. In questo senso, sarà descritta, sinteticamente, l’esperienza in INPS sullo sviluppo dell’ICT, sull’introduzione dell’organizzazione per processi e sul progetto “Tempo reale”. L’esperienza in questione sarà filtrata attraverso quella che il relatore ritiene essere la metodologia vincente: la correlazione virtuosa tra assetti organizzativi, gestione delle Risorse Umane e sviluppo ICT. Lo sbocco strategico in direzione della qualità è : realizzare un efficienza di “sistema PA”. Non più solamente la ricerca di efficienza e qualità entro i confini delle singole Pa (cosa comunque non scontata), ma di ragionare in termini di sistema, l’unica possibilità che abbiamo per permettere al Paese di competere con successo sui mercati globali. Con questa logica, vanno progettati nuovi servizi che dovranno essere dunque forniti in maniera integrata (coinvolgendo anche il Terzo settore ed i privati) e dovranno indirizzarsi alle priorità del nostro tempo: mercato del lavoro, anziani, famiglie.

Nessun voto

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno