La formazione a distanza per la promozione della salute.

Pietro Dri illustra i vantaggi della formazione a distanza (FAD) nella promozione della salute, un settore in crescita in Italia, ma che è un altro strumento rispetto a quella residenziale e che finora è stato rivolto soprattutto ad un target secondario, gli operatori sanitari. Uno studio del 2005 ne dimostra la stessa efficacia a livello di conoscenza rispetto a quella classica, ma con la differenza che con la FAD la dimensione spazio-tempo è completamente cancellata, come dimostrato dal progetto ECCE . Dri sottolinea però che l'efficacia è legata al fatto che la formazione deve essere centrata sul caso, quindi non basata sul metodo pedagogico nozionistico, bensì sul coinvolgimento.
Dri illustra quindi i tre progetti realizzati dalla sua agenzia: FADTO, legato al fumo; FADVE sull'attività fisica; FAD Guadagnare salute, sui filoni fumo, attività fisica, alcol e alimentazione. I numeri, riguardanti i primi due, ne testimoniano rilevanza, efficacia, applicabilità pratica. L'ultimo progetto, organizzato con l'Istituto Superiore Sanità, nell'ambito di PInC (Programma nazionale di Informazione e Comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute), è partito da poco e prevede 4 attività per ogni filone, tra cui la parte interattiva centrata sul caso, in modo che il professionista riesce anche ad apprendere il modo di porsi rispetto al paziente.
I progetti per il futuro sono incentrati sulla FAD per i cittadini, considerando che ormai essi apprendono le informazioni non più dal medico ma dai nuovi media.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno