Innovare la Giustizia: un modello tra visione e realtà

Per Stefano Zan l’ammodernamento della Giustizia passa per la creazione di tensione all’interno della struttura, ovvero mettendo in movimento la volontà di cambiamento. Propone una applicazione del modello di Normann nella sua stretta relazione tra strategia e struttura, invitando a portare avanti un’attività di pianificazione orientata alla visione e al dato concreto nello stesso tempo. Nella giustizia, la visione è rappresentata dalla digitalizzazione completa, il dato concreto dai progetti già esistenti. In questo modello 4 sono le dimensioni rilevanti: sviluppo dell’apprendimento, creazione di forze trainanti, gestione degli ostacoli contrapposti dal sistema di potere, sviluppo delle risorse interne all’organizzazione. Dimensioni aggiuntive da governare sono la leadership, l’attenzione all’aspetto “glocal”, gli strumenti e le metodologie di lavoro.

Nessun voto

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno