"Il progetto l’Impronta” a Scampia

Il coordinatore del progetto “Impronta” nel territorio di Scampia riporta nell’intervento le fasi di procedimento del progetto. La prima fase si è svolta sul territorio, si è voluto entrare in punta di piedi partecipando alle attività invece di imporne nuove. In seguito si è passati ad una fase laboratoriale, dove si sono concretizzate le attività coinvolgendo i ragazzi in progetti reali, rendendoli protagonisti. L’aspetto educativo era sempre presente insieme a quello territoriale, ma nella terza fase appunto, quella educativa, questo aspetto è stato più marcato realizzando percorsi sempre più mirati guardando le situazioni in modo olistico.

Un aspetto importante che ancora manca non solo in questo progetto, ma nelle politiche dell’educazione, è l’aspetto di monitoraggio e valutazione delle attività svolte. Sicuramente aiuta in questo il fatto di avere delle politiche coordinate e condivise insieme agli altri 30 centri cittadini. Il centro gioca quindi un ruolo strategico di raccordo con il territorio.

Per quanto riguarda questo percorso, lo stesso centro riconosce, che ancora oggi esistono delle difficoltà molto forti in questo territorio per quanto riguarda le giovani donne.

La capacità d’impatto sul territorio deve aumentare per poter consentire ai ragazzi di fare scelte di vita più normali rispetto a quelle che invece sarebbero destinati o costretti a fare se non gli si desse lo strumento del centro diurno.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno