I sistemi di valutazione e l'ingannevole ideale di semplicità

Girolamo Pastorello sottolinea la necessità di non ripercorrere errori passati nella definizione dei criteri e degli strumenti di valutazione. Descrive quelli che vengono spesso utilizzati impropriamente come sistemi di valutazione e che sono piuttosto la trascrizione, priva di classificazioni, indicatori e scale di valutazione, dei giudizi del superiore. Pastorello offre una lezione sul tema della valutazione e ritiene che sia impossibile non valutare: si tratta di scegliere se farlo in maniera occulta o con trasparenza. Nel suo secondo intervento Pastorello chiarisce la dicotomia personale interno-esterno nel caso dell’Agenzia delle Entrate.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno