Faccia a faccia con Marco Pannella

Stefano Rolando ospita Marco Pannella nei suoi “Colloqui a scena aperta”, insieme allo storico leader radicale Rolando ripercorre sessantacinque anni di storia politica italiana. Dagli esordi come liberale alla fondazione del Partito Radicale per giungere a La Rosa nel Pugno e alla contingenza attuale, Pannella stimolato dalle domande di Rolando approfondisce pratiche e ragioni che lo hanno condotto ad essere uno dei protagonisti della vita pubblica italiana dal dopoguerra ad oggi.
Your rating: Nessuno Average: 5 (2 votes)

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno

Commenti

E'il momento di Pannella e del noto scrittore Antonio G.D'Errico

Ho letto Segnali di distensione delle pregiate edizioni Anordest. Ho verificato la scrittura e lo stile di un autore originale, fuori dai luogi comuni, uno scrittore vero che descrive a colpo d'occhio le situazioni, lo stato d'animo e delle cose, un grande autore.Pannella stesso ha qualche dubbio, se Antonio G.D'Errico riuscirà nella Sua opera? Dice Umberto Eco, dopo che mise mano alla descrizione della vita di Pannella, decise di lasciar perdere... Infatti si intravede, tra le righe, una certa difficoltà solamente iniziale ed apparente di Antonio G. D'Errico che viene ampiamente vinta una volta che Pannella legge le prime 40 pagg . e chiama Antonio per fissare il secondo incontro. E'vero ci sono ore e ore di registrazione che hanno impegnato l'autore, credo per qualche mese ( tre al max ) per dare voce e forma alle conversazioni e ai dialoghi con Marco Pannella. Il Caso di Enzo Tortora, interpretato da Richy Tognazzi su Rai 1, circonciso in due pagine in Segnali di distensione dà l'idea dell'ingiustizia di un caso di malagiustizia, che addirittura porto' alla morte il famoso conduttore.Bisogna darne atto, che nel momento di difficoltà di guai giudiziari di Tortora, Pannella c'è stato fino alla fine ... E' il momento di Pannella e questo libro Segnali di distensione, esce in un momento storico ben definito e che trova piena condivisione tra la gente. Le prestigiose edizioni Anordest, specializzate in casi e biografie controcorrente. La concordia, Il Caso Orlandi e adesso una biografia controcorrente dell'On.le Marco Pannella, affidati alle mani esperte di ANtonio G.D'Errico fanno la differenza...
Il famoso scrittore Antonio G. D'Errico ha vinto due volte il Premio Pavese e Grinzane Pavese, con Testimoni d'AMore con commento critico di Mons,Bettazzi ( LDC editore) e Montalto fino all'ultimo respiro ( Laterza) nonchè lo Scerbanenco 2008, giuria dei lettori, con Il discepolo edizioni Frilli...
Un autore eccezionale che ha trovato la giusta dimensione nell'ambito editoriale, sofferta tanto ma meritata di sicuro...
Noi amici e fans dell'autore Antonio G.D'Errico, aspettiamo con gioia e ansia le prime presentazioni in librerie di prestigio, nonchè è giusto e doveroso vedere l'autore e Marco Pannella, naturalmente oltre a radio radicale e lanciamo un appello di riscontro , nelle televisioni al programma di Fazio ad es. Che Tempo Che fa... tra l'altro ci sono tanti ospiti e, non sarebbe di meno anzi aumenterebbe lo share se c'è Pannella e D'Errico. Noi fans siamo convinti di questo e chiediamo con un appello a Fazio di far partecipare Pannella e D'Errico in trasmissione, nonchè a dibattiti di settore e di genere politico, dove Segnali di distensione l'autore e il protagonista fanno la loro bella figura...
Anordest a breve avrà un grosso risvolto poichè fa parte a pieno titolo del gruppo de agostini,assieme ad aliberti new e compton. Un eccellente risultato auguri direttore Mario Tricarico, un bel risultato e crediamo tanta soddisfazione... facciamo decollare Segnali di distensione con questa nuova distribuzone allora-.

Recensione di Valter Vecellio sul libro di Antonio G. D'Errico.

Amici e compagni radicali mi pregio di segnalarvi questa recensione, del libro: Segnali di distensione. Marco Pannella si racconta e ci commuove. Edizioni Anordest autore Antonio G. D'Errico. La recensione e' del direttore di tg2 Valter Vecellio su radicali italiani e ripresa da tellusfolio ed anche un quotidiano francese e non solo.
DOpo questo libro Antonio G. D'Errico dara'alle stampe per i tipi Anordest Roberto STraccia.Sogni Infranti, il giovane universitario di Moresco, scomparso il 14\12\2011 oltre il ponte e, trovato morto nelle acque di Bari il 16\01\2012, scritto con il padre Mario Straccia.
Antonio è anche biografo di musicisti, dopo Finardi Spostare l'orizzonte con Rizzoli Mimmo Cavallo Bastogi e adesso ha quasi ultimato anche la biografia dello scrivente Tony Cercola, percussautore con collaborazioni importantissime:Edoardo e Eugenio Bennato, Eugenio De Crescenza, Tullio De Piscopo, James Senese, Massimo Troisi, Enzo De Caro, Enzo GRAGNANIELLO, Tony Esposito, Rinzo e Marco Zurzolo e Pino Daniele...
Un libro che avra'di sicuro un bel successo. Dopo la tornata di tutta n'ata storia di Piazza Plebiscito dal 26 al 29 e 6 gg. al Palapartenpo fino al 6 e, il grande successo al Trianon il gg. 19 gennaio...
Pino Daniele nella sua rassegna stampa gia'ha confermato i miei amici succitati e naturalmente anche me al grande evento del 19 luglio a piazza plebiscito e, speriamo che per quella data sia ultimato tale capolavoro, ancora dal titolo non definito.

.Valter Vecellio
Segnali di distensione. Marco Pannella si racconta e si commuove
29-11-2012
Il titolo ti fa pensare: ma che titolo è? Cosa significa, che cosa ci si vuol dire, con quel “Segnali di distensione”? E ancora: va bene, Marco Pannella si racconta, ed è un bel racconto che si sviluppa e si dipana per quasi duecento pagine. Dice tante cose Marco, è fluviale, un Danubio e un Mississippi, ne ha viste tante, e ne ha fatte ancora di più, conosce tutti, e da tutti è conosciuto…Non c’è italiano che non gli debba qualche cosa, e non solo italiano. Un gigante. Ma la commozione è il sentimento che proviamo una volta letto questo suo “monologo”? Intendeva forse commuoverci, Marco? O piuttosto è l’ennesimo, instancabile suo tentativo di farci conoscere, capire, renderci consapevoli, mostrarci il volto di una realtà conoscibilissima, ma che per le nostre pigrizie, le nostre confortevoli certezze, i nostri pavloviani riflessi, tendiamo a non vedere?

Insomma, caro Antonio G. D’Errico che hai confezionato questo bel libro pubblicato da Edizioni Anordest (pagg.187, 15 euro), cosa hai voluto dire e dirci con questo titolo strano? Pannella, dici, “commuove quando parla di giovani generazioni che non cercano il confronto ma tendono all’aggressione verbale e non solo. Giovani che manifestano odio, scaturito da una cieca ottusità e di adesione alla dottrina che non ammette confronto. Commuove anche quando racconta di giovani che lo riconoscono per strada, che lo salutano e gli dicono: sei l’unico! Ma non lo prende come un complimento, si risente: perché gli unici, dice, vanno fatti fuori, no? Essendo gente comune, ogn’uno di noi è unico…”. Pannella, mi permetto di dire, rende consapevoli, è maieutico, una levatrice del pensiero e della ragione. Ma sì, forse ci sta anche la commozione…

Per cercare di capire non c’è altro da fare che leggere il libro; che visivamente si presenta bene: caratteri tipografici che non spaccano gli occhi, ben rilegato non ti si sfascia in mano mentre lo sfogli…non sono cose da poco, anche l’“oggetto2 ha sua importanza. In copertina due belle fotografie di Marco; e anche all’interno: Pannella in tuta mimetica militare, quando con altri dirigenti e militanti radicali trascorse il Capodanno nelle trincee della Croaziaq invasa dalle truppe di Milosevic; il congresso radicale del 1992, quello che fissò come obiettivo trentamila iscritti (e l’obiettivo venne conseguito); al congresso del CORA ospitato da Vincenzo Muccioli nella comunità di San Patrignano; ai funerali di Piergiorgio Welby, e quando viene eletto segretario del Partito Radicale Demba Traoré; a casa sua, vicino Fontana di Trevi, e a colloquio con Roberto Saviano; con Emma Bonino e con Argentina Marchei, la notte del 2 dicembre 1970, quando alla Camera dei Deputati veniva approvata la legge sul divorzio (e andate a informarvi voi chi era e cosa ha rappresentato Argentina); con Enzo Tortora, imbavagliato con Emma a una tribuna elettorale, vestito da Babbo Natale, e a Bruxelles, mentre la gendarmeria lo trascina via, a colloquio con Giovanni Paolo II e con Giorgio Almirante…quante altre, di fotografie, se ne potevano scegliere; ma questa sola selezione vale tutti i quindici euro del prezzo del libro. Che ha molti altri pregi.

Valter Vecellio

Giornalista professionista, attualmente lavora in RAI. Dirige il giornale telematico «Notizie Radicali», è iscritto al Partito Radicale dal 1972, è stato componente del Comitato Nazionale, della Direzione, della Segreteria Nazionale.
Non so con quali capacità deduttive D’Errico sia riuscito a convincere Marco a dedicargli sedute su sedute, e a parlare davanti a un registratore di tutto; un Pannella in ottima forma, ed ecco il film con gli obiettivi e le ragioni delle battaglie politiche in corso; quello che è stato e perché; e quello che ci si augura possa essere…Un racconto che si sviluppa in otto capitoli, dove Marco parla di sé, e quindi di noi: quella pattuglia di “pazzi malinconici” che sessant’anni fa, a dispetto di ogni logica e buon senso, seppero sottrarsi alla tentazione di fare le cose “ragionevoli” e fecero le cose giuste. E’ grazie a quelle scelte, a quella ostinazione, a quella cultura per anni mortificata e negata, se oggi siamo quello che siamo…le lotte per la giustizia e l’amnistia, quelle di oggi e quelle di sempre; i referendum, l’analisi sul regime, la sua dimensione strutturalmente, tecnicamente criminale (e spesso criminale anche sotto il profilo del codice penale…).

Se puntigliosi si impugna la matita rossa e blu, si possono senz’altro trovare qua e là ingenuità e “stonature” stilistiche che strappano un sorriso. Ma, beninteso, è un cercare il pelo sull’uovo, quando l’uovo c’è, ed è bello grosso. E’ stato bravo D’Errico a “tradurre” in forma scritta le immaginiamo lunghe conversazioni con Marco, che come d’abitudine avrà, nel suo dire, aperto mille parentesi, tonde, quadre, graffe…No davvero: non dev’essere stato facile rendere leggibile, nella sua forma scritta il “parlato” pannelliano. D’Errico è riuscito nella sua impresa, e ci regala un libro che faremo bene a procurarci: anche chi con Marco ha una certa consuetudine, lo conosce e lo frequenta, e magari ascoltando un inizio di frase sa già dove e come la concluderà, farà bene a procurarselo e a dedicargli qualche ora. Ma, naturalmente, ci si augura che il libro sia letto soprattutto da non radicali: da quella “brava gente”, per rubare un’espressione di Pannella, che da trenta-quarant’anni subisce e patisce un regime fatto di menzogna e negazione della conoscenza. Leggendo questo libro-conversazione se ne ricava un’immagine di Pannella che certo corrisponde all’idea che di lui ci si è fatta; ma il libro contiene qualche piacevole e utile sorpresa anche per chi i radicali li frequenta e Marco lo conosce. E poi ringraziatelo D’Errico. Il suo libro è aria pulita dopo aver respirato a lungo porcherie e smog. Leggere per credere.

La vita di Marco Pannella in

La vita di Marco Pannella in un nuovo libro scritto dal noto autore, Antonio G.D'Errico, multipremiato al Pavese -Grinzane e Scerbanenco...Un autore eclettico che spazia da saggi biografici di cantautori: Eugenio Finardi, Mimmo Cavallo e Tony Cercola a breve, a leader politici al momento Marco Pannella, da romanzi di genere varia a noir di genere e, chissa' quanto ancora. Antonio G.D'Errico sorprende il lettore con continui colpi di scena, davvero unico, originale ed avvincente il suo stile e linguaggio, davvero diretti i dialoghi.Marco Pannella assume quindi, grazie all'arte dell'autore un aspetto nuovo e inedito " comune"...Tanti i risvolti e un consiglio : un libro da non perdere, pubblicato per la prestigiosa editrice Anordest di Villorba(TV).
Segnali di distensione. Marco Pannella si racconta e ci commuove
di Marco Pannella
ISBN: 9788896742631
Editore: Edizioni Anordest
Aggiungi alla mia libreriaCommentaAggiungi tagTorna indietro

È la prima volta che Marco Pannella si rende disponibile per una serie di incontri per raccontare i ricordi più intimi e personali della sua vita, e nel contempo parlare dei principali attori dell’attuale politica italiana: da Monti ad Alfano, da Bersani a Casini, al presidente Napolitano, ad altri. Sono ore ed ore di registrazione che alla fine danno un ritratto a tutto tondo di questo guru della vita politica e non solo italiana. È un ritratto sorprendente che ci spiazza e ci fa sentire molto più vicini all’uomo Pannella che, per la prima volta, non parla tramite slogan, frasi al limite della violenza, ma argomenta in maniera che finalmente ce lo fa sentire molto più vicino, più vero, più autentico. E ci fa pentire di tutte le volte che avremmo potuto sostenere le sue battaglie e non l’abbiamo fatto per quel suo atteggiamento da pacifista-violento. Riesce perfino a risultarci “simpatico” perché il grande merito di questo libro è quello di farlo sembrare uno di noi, finalmente un uomo con tutte le sue debolezze, le sue paure e i suoi dubbi. Il libro è firmato anche da Marco Pannella che contribuirà a presentarlo e a diffonderlo a tutti i suoi elettori.

L'autore Antonio G. D'Errico descrive: l'Uomo Marco Pannella.

Molto importante è la visibilita' e la presenza in libreria, ma soprattutto in televisione e nelle recensioni delle maggiori testate giornalistiche Nazionali ma anche internazionali, visto la portata e il calibro dell'Onorevole Marco Pannella. Di sicuro l'arte dello scrivere del famoso scrittore Antonio G.D'Errico, hanno fatto la differenza, non il solito saggio biografico da mattone, invece come gia'recensito da www.sapere.it e il mio libro si puo' notare un salto di qualità di un nuovo ed umano Marco Pannella "comune " tra persone comuni ... Un libro da non perdere assolutamente, già il titolo Segnali di distensione fa capire una tranquillità e serenita'di Marco Pannella davvero unica...
Confidiamo noi compagni radicali nella divulgazione del testo e dei lettori e, della capillarità dell'editore Anordest e, della disponibilita' dell'autore Antonio G.D'Errico, molto presente e pronto ad interviste e presentazioni di livello....