Cooperazione, formazione e veicoli moderni per potenziare la sicurezza stradale

La relazione presenta alcuni fattori su cui si potrebbe intervenire per potenziare la sicurezza stradale in Italia. Prima di tutto, mettere in piedi un sistema di governance vero, istituire una “cabina di regia” che possa dare linee e indicazioni, superando i particolarismi. Bisognerebbe poi intervenire sulla formazione ed educazione alla guida, soprattutto diffondendo l'idea che l'educazione stradale è un elemento di educazione civica. Oggi non c'è questa percezione, ad esempio i cittadini si mettono sulla strada senza avere alcuna educazione di base rispetto a fenomeni come l'uso di alcool e droghe. Un altro punto importante è quello delle tecnologie all'interno dei veicoli: l'industria ha fatto progressi straordinari, ma sarebbe importante rendere obbligatorio qualche strumento di sicurezza in più. Infine, c'è il discorso delle risorse: bisognerebbe rendere pubbliche le risorse incassate dagli enti locali in seguito alle sanzioni stradali e dire quante di queste vengono poi spese effettivamente per la sicurezza stradale.
Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno