Controllo di gestione e razionalizzazione della spesa: l'importanza delle professionalità interne alla Pa

Com'è possibile misurare le politiche pubbliche? La risposta di Efisio Espa, illustrata nel primo dei suoi tre interventi, ruota intorno alle problematiche da risolvere per poter raggiungere questo risultato: innanzitutto la mancanza all'interno delle pubbliche amministrazioni di professionalità adatte ad effettuare la misurazione; poi la necessità di definire priorità nell'attività di misurazione, restringendo il campo di osservazione a un set limitato di indicatori. Parlando poi di come raggiungere standard di efficienza, la seconda relazione si concentra su uno dei limiti interni alla Pa (che ancora una volta riguarda il tema delle figure professionali), ovvero la carenza di risorse adatte agli obiettivi richiesti e la difficoltà di reperirle all'esterno. La gestione flessibile delle risorse a disposizione è un problema comune a molti dirigenti pubblici; del resto, anche dal lato dirigenziale, c'è la tendenza a creare figure generiche piuttosto che puntare su esperti di settore. Quindi, con riferimento alla discussione sui "fannulloni", Espa sottolinea che c'è sì bisogno di un'atmosfera di maggiore rigore, però c'è anche un'area grigia dentro cui è difficile collocare il fannullone, un'area grigia in cui rientrano la difficoltà a rintracciare competenze specifiche e la penalizzazione se ci si rivolge al mercato per trovarle. Infine, un discorso sui tempi della programmazione: in Italia la combinazione tra instabilità politica e continua emergenza finanziaria fa sì che l'orizzonte di programmazione venga sconvolto continuamente. A questo si aggiunge un monitoraggio ancora carente, che ostacola la possibilità di riprogrammare il bilancio alla luce dei risultati di attuazione delle politiche pubbliche rilevati in corso d'opera.

Your rating: Nessuno Average: 5 (2 votes)

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno