Enzo Bianco

Vincenzo Bianco detto Enzo (Aidone, 24 Febbraio 1951) è un avvocato e politicho italiano, sindaco di Catania dall'11 giugno 2013.

Dal 1976 al 1979 guida la "Federazione Nazionale dei Giovani Repubblicani". Cresciuto alla scuola di Ugo La Malfa, Bruno Visentini e Giovanni Spadolini.

Esperto di finanza internazionale, ha lavorato dal 1976 al 1982 nel servizio studi del Crediop; dal 1983 al 1988 è stato amministratore delegato di una engineering company operante in America, Asia e Africa.

Nel 1988 viene eletto nel Consiglio Comunale di Catania, città di cui diventa sindaco nel luglio dello stesso anno per pochi mesi fino al 1989, una breve esperienza, ma che lo porterà a farsi una notorietà nazionale, grazie a una gestione della città che i media chiameranno "primavera catanese". Diviene vice presidente del Movimento Referendario guidato da Mario Segni.

Nel 1991 viene eletto deputato all'Assemblea Regionale Sicialiana. Nel 1992 approda alla Camera dei Deputati. Nel 1993 partecipa e vince le primarie organizzate dal movimento civico Patto per Catania promosso dallo storico movimento di società civile "CittàInsieme", diventando pochi mesi dopo nuovamente sindaco di Catania. Il 29 settembre 1993 lascia il PRI per fondare, con altri repubblicani dissidenti, Alleanza Democratica.

Nel 1995 viene eletto all'unanimità presidente dell'ANCI. Riconfermato nel 1999, diviene presidente dell'Agenzia Nazionale dei Segretari Comunali. Dal 1997 guida la delegazione italiana al Comitato delle Regioni dell'Unione Europea. Nel novembre del 1997 gli viene confermata col 67% dei voti la carica di sindaco di Catania. Nel novembre del 1998, forte della sua esperienza di sindaco, fonda con altri primi cittadini d'Italia e l'associazione verde Legambiente, il movimento Centocittà, che confluirà nel febbraio 1999 ne I Democratici.

Nel dicembre 1999 , viene nominato Ministro dell'Interno nel governo D'Alema II; sarà confermato più tardi nel governo Amato II.

Il 3 agosto 2001 viene eletto presidente del Comitato Parlamentare di controllo sui Servizi Segreti (Copaco). Alle elezioni del 2006, candidatosi in Sicilia, viene eletto senatore. Aderisce al gruppo dell'Ulivo, e diviene presidente della Commissione Affari Costituzionali.

Il 9 e 10 giugno 2013 viene rieletto per la quarta volta primo cittadino di Catania.