Espositori informano

La Sapienza al FORUM PA 2013 per promuovere innovazione e un nuovo concetto di città

Comunicato stampa. Anche quest’anno la Sapienza parteciperà al Forum Pa, che nell’edizione 2013 affronta il tema “Il Paese alla sfida della trasparenza”. L’Università sarà presente con il laboratorio mobile Smart Lab e con uno stand nella postazione 12B, presso il quale saranno presentate le ultime novità messe in campo dalla Sapienza per migliorare i propri servizi e si svolgeranno le attività seminariali.

Il laboratorio Smart Lab, che sarà posizionato all’esterno, nell’area retrostante il palazzo dei Congresso, è una piattaforma mobile, allestita all’interno di un furgone, per indagini e diagnosi ambientali; le apparecchiature montate nel laboratorio consentono di rilevare dati come la qualità dell’aria, i flussi di traffico, la presenza di reti di comunicazione e l’efficienza energetica, al fine di valutare gli effetti dell’impiego delle tecnologie avanzate nel contesto cittadino. Il laboratorio, realizzato dalla facoltà di Ingegneria civile e industriale della Sapienza, sarà visitabile durante tutto l’orario di apertura della fiera e proporrà al pubblico simulazioni di rilevamento dei parametri ambientali e tecnologici.

All’interno della fiera, presso la postazione della Sapienza, si terranno alcuni appuntamenti.

Durante il pomeriggio del 29 maggio si svolgeranno l’incontro "Un'università tecnologica per un'università più funzionale“ e la presentazione in anteprima del video "Se non differenzi ti fai male", realizzato per promuovere la raccolta differenziata all'interno della città universitaria.

Il 30 maggio, nel corso della mattina, si terrà il convegno "La collaborazione Dis - Sapienza promuove qualità e cultura della sicurezza", durante il quale è previsto un intervento di Bruno Valenzise della presidenza del Consiglio dei ministri. Nel pomeriggio sarà presentato il seminario "Smart cities: visioni di città ideale tra tecnologie Ict, necessità di riduzione delle emissioni serra e nuovi paradigmi" a cura di Franco Gugliermetti, della facoltà di Ingegneria civile e industriale. L’evento mira a delineare un modello di smart city italiano, rispettoso della vocazione turistica delle città d’arte e di quelle della fascia costiera. In particolare verranno approfondite le tematiche tecniche legate alla riduzione delle emissioni serra; saranno inoltre illustrate le strategie metodologiche di coinvolgimento dei cittadini e delle amministrazioni nell’elaborazione di progetti per la città; infine si mostrerà come le tecnologie informatiche e i data base open possano costituire il presupposto per la realizzazione dei servizi Ict.

L’ultimo appuntamento, nel pomeriggio nel 30 maggio, sarà con il seminario "Le attività del Diaee in ambito Smart cities", organizzato da Mario Marchetti della facoltà di ingegneria civile e industriale, nel corso del quale saranno presentati studi e progetti del dipartimento di Ingegneria astronautica, elettrica ed energetica, sviluppati nel corso degli ultimi anni, che hanno trovato applicazione all’interno di bandi di finanziamento nazionali e internazionali, tra i quali i beni culturali, l’efficienza energetica, la produzione di energie alternative, il telerilevamento ambientale, l’illuminotecnica avanzata, l’acustica e l’impatto ambientale di attività antropiche.

Info
Ufficio stampa e comunicazione
T (+39) 06 49910034 - 0035 
stampa@uniroma1.it - www.uniroma1.it 

Nessun voto