Articolo

Smart city e diritto alla sicurezza: il Position Paper di Finmeccanica

Finmeccanica mette a disposizione il Position Paper con le riflessioni emerse dai lavori del laboratorio “Smart city e diritto alla sicurezza” che si è tenuto a SMART City Exhibition il 29 ottobre scorso. Tra gli spunti di riflessione emersi, la sfida di far cooperare più soggetti per una città sicura, la complessità della prevenzione e sicurezza del territorio, il ruolo delle tecnologie.

Temi centrali nella discussione sulle smart cities perché, come sottolinea Carlo Mochi Sismondi nell’introduzione: “Sicurezza e smart city è un binomio inscindibile. Non solo perché nessuna città può essere smart e nessuna comunità può essere intelligente se non garantisce ai suoi cittadini il diritto a vivere sereni, ma anche perché per tutelare il diritto alla sicurezza è necessario mettere in campo politiche e azioni che sono basate su concetti che sono a fondamento anche del paradigma della smart city”.

“Per prima cosa – prosegue Mochi Sismondi -per avere una città sicura è necessario avere una visione olistica dell’ambiente urbano. Il livello di sicurezza non può infatti che misurarsi nel segmento più debole e l’approccio sistemico è l’unico possibile.  Si deve poi pensare a azioni e politiche basate sull’integrazione degli attori e delle tecnologie: non si può che agire in sinergia con una grande attenzione alla partecipazione dei cittadini e delle loro associazioni, dei vari livelli di governo, delle diverse amministrazioni e forze dell’ordine preposte. Allo stesso modo non c’è un mezzo che sia il Santo Graal della sicurezza: è necessario agire su molti fronti e con molti diversi strumenti. La sicurezza è poi presupposto per la coesione sociale, per la crescita della comunità, per la partecipazione democratica e a sua volta presuppone la trasparenza e la condivisione delle scelte. Ma questo approccio di “open government” è anche quello della città aperta”.

“In tutti questi aspetti – conclude Mochi Sismondi - le tecnologie possono essere fattori abilitanti fondamentali se sono usate con intelligenza e lungimiranza, se non si attribuisce loro poteri magici, se sono al servizio delle politiche. Ma appunto è questo il principio guida di qualsiasi smart city che usa l’innovazione per migliorare la qualità della vita dei cittadini, per accrescere il loro benessere equo e sostenibile, per favorire la nascita e il consolidamento di una comunità”.

Il Report è frutto del lavoro e delle osservazioni di: Marco Agostini, Danilo Bianco, Romeo Broglia, Andrea Ceffa, Fabio De Luigi, Sandro Mazzotti, Alessandra Melchioni, Carlo Mochi Sismondi, Martina Monti, Flavio Moro, Giorgio Pighi, Fabio Poggi, Francesco Valdevies

 

Scarica il Position Paper

 

Nessun voto