Evento

Le Aree Interne e la Coesione Territoriale - ON LINE GLI ATTI

Sabato 15 dicembre si è svolto il seminario “Nuove strategie per la programmazione 2014-2020 della politica regionale: le aree interne”. Sono già disponibili i materiali e le presentazioni dei relatori.

 

Programma del Seminario

9,15 – 10,00

Apertura dei lavori

Perché un progetto aree interne
Fabrizio Barca, Ministro per la Coesione Territoriale

Intervengono

  • Piero Bevilacqua, Università di Roma La Sapienza
  • Franco Arminio, Scrittore

10,00 – 11,15

Di quali territori parliamo: una mappa delle aree interne

Introduce
Sabrina Lucatelli (DPS-UVAL)

Discutono

  • Giuseppe Dematteis, Politecnico di Torino
  • Elena Stanghellini, Università di Perugia
  • Sandro Cruciani,  Istat
  • Andrea Lamorgese, Banca d’Italia
  • Media la discussione: Enrico Giovannini, Presidente Istat

Dopo una presentazione di mappe alternative delle “aree interne” del Paese, delle metodologie utilizzate e dei loro principali trend demografici e caratteristiche socio-economiche, i partecipanti discuteranno le soluzione prospettate, i loro pregi, limiti e proporranno possibili aggiustamenti. 

11,15 – 12,45

Scenari tendenziali  

Economia e inclusione sociale nelle aree interne
Paola Bertolini, Università di Modena

Agricoltura e sviluppo dei territori rurali
Vittorio Sangiorgio, Coldiretti Giovani e Impresa

L’Italia dei borghi
Michele Esposto, Presidente borghi Srl

Valorizzazione del capitale umano nelle aree interne
Matilde Mancini –  Alessandra Tomai, Ministero del Lavoro

Energia rinnovabile e sviluppo locale: amici e nemici
Raffaele Trapasso, OCSE

Media la discussione: Antonio Calafati

Quale scenario tendenziale (economico, sociale e ambientale) ci aspettiamo senza un cambiamento di rotta delle azioni pubbliche per le aree interne? Quali le sfide dell’agricoltura e i suoi potenziali sviluppi? Come si sta proteggendo il patrimonio artistico-culturale? Quali le tendenze socio-economiche di queste aree e le sfide a breve e medio termine? Chi sono i nemici e gli amici del cambiamento? 

12,45 – 13,45

PAUSA PRANZO

13,45 – 15,15

Cosa può fare l’azione pubblica per raggiungere lo scenario desiderato?

Percorsi per la promozione dello sviluppo delle aree interne
Franco Mantino INEA

Il futuro della scuola nelle aree interne
Lucrezia Stellacci, Capo Dipartimento per l’Istruzione

La rete sanitaria sui territori: quale disegno per le aree interne?
Filippo Palumbo, Capo Dipartimento della programmazione e del servizio Sanitario Nazionale

Prevenzione e mitigazione del rischio sismico
Francesco Silvestri, Università di Napoli Federico II

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi
Mauro Agnoletti, Università degli Studi di Firenze

Media la discussione:  Sabina De Luca

Come assicurare che le aree interne possano dare un contributo nuovo alla ripresa dello sviluppo dell’Italia? Cosa deve cambiare perché questo scenario possa realizzarsi? Quali azioni promuovere? Come assicurare un monitoraggio e una valutazione in itinere di tali azioni, vincolandole ai risultati? Quali i cambiamenti necessari delle politiche settoriali, specie per scuola e salute? Quale il ruolo delle politiche comunitarie? Quali le migliori soluzioni di governance? 

15,15 – 16,30

Come organizzare il lavoro dei prossimi mesi sulla base delle esperienze esistenti?

Introduce
Rossella Rusca (DPS, DG PRUC)

Avvia e media la discussione: Anna Natali

Presentazione delle 5 idee più interessanti raccolte via Twitter

Come organizzare il lavoro nei prossimi mesi per decidere se lanciare  effettivamente la strategia? Come capitalizzare sulle esperienze in corso? Come incentivare i soggetti alla co-progettazione senza attivare una irragionevole corsa alle “candidature”? Come valorizzare progetti già in corso? Come fare il salto per passare da esperienze frammentate a esperienze di scala e sostenibili?

16,30 – 17,00

PAUSA CAFFÈ

17,00 – 17,30

Conclusioni coordinate dei Ministri:
Renato Balduzzi, Mario Catania, Elsa Fornero, Francesco Profumo e Fabrizio Barca

Your rating: Nessuno Average: 5 (1 vote)