Soluzioni e progetti a FORUM PA

Il Ministero dell'Ambiente a FORUM PA 2012

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha partecipato a FORUM PA 2012 con uno spazio espositivo in cui sono stati presentati agli utenti diverse iniziative, tra cui il Geoportale Nazionale, un progetto sviluppato per consentire l’accesso alla maggior parte delle informazioni cartografiche di carattere ambientale e territoriale disponibili ad oggi sul territorio nazionale.
Padiglione 8 stand 10A

La scheda di presentazione a cura del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Geoportale Nazionale.

2011-2012 – UN ANNO DI DIGITALE

Ad un anno dal FORUM PA 2011, il Geoportale Nazionale ha aggiornato i suoi database ed i suoi servizi alle tecnologie più innovative oggi a disposizione.

  • Terminata la copertura nazionale con dati interferometrici ENVISAT (Piano Straordinario di Telerilevamento Ambientale PST-A), che consentiranno lo studio dell’evoluzione della morfologia del territorio italiano nell’ultimo ventennio (2002-2010).
  • I dati SAR sono elaborati tramite tecnologia PSP-DifSAR: estrazione da immagini interferometriche di un insieme di punti georiferiti ai quali viene associata la velocità media di spostamento in mm/anno ed il loro spostamento relativo in mm. Monitoraggio di dettaglio di fenomeni geofisici quali, subsidenza, frane e faglie sismiche, oltre alla verifica della stabilità di costruzioni e palazzi.
  • Estensione del PST-A con COSMO-SkyMed, in grado di fornire informazioni del tutto innovative per lo studio ed il controllo dell’ambiente: Alta densità dei punti (migliaia/kmq), Risoluzione temporale di 16 gg, Risoluzione spaziale di 3x3 m. Sono stati acquisiti dati CSK su tre aree pilota per la messa appunto degli algoritmi utili alle elaborazioni PSP-DifSAR: Venezia, Bologna, Palermo, con l’obiettivo di fornire l’intero territorio italiano con dati CSK ad alta risoluzione a partire dal 2009.
  • Aggiornamento Web Services: i servizi standard Open Geospatial Consortium (OGC) sono stati aggiornati alla versione 1.3.0 per i WMS, alla versione 1.1.0 per i servizi WFS e alla  versione 1.1.2 per i WCS (Web Coverage Service). In particolare, per l’aggiornamento dei WMS sono state rispettate le linee guida Inspire sui servizi di visualizzazione, di conseguenza sono stati implementati tutti i metadati richiesti.

UNA BANCA DATI CARTOGRAFICA SEMPRE A TUA DISPOSIZIONE

La versione Mobile del Geoportale Nazionale è a disposizione per poter interrogare i dati cartografici in qualunque momento. Il crescente utilizzo dei sistemi di comunicazione di ultima generazione, che permettono di navigare in internet anche attraverso un cellulare o con un tablet, ha imposto una svolta informatizzata in tal senso.

Numerose le richieste arrivate al GN affinché il sito sia sempre a disposizione degli users che consultano, ad esempio, la cartografia durante un’escursione in mountain bike, e a maggior ragione degli enti, che hanno stilato con il MATTM un Protocollo d’Intesa, come la Protezione Civile, la Croce Rossa Italiana che in situazioni di emergenza devono essere messi in condizione di poter accedere ai dati per ottimizzare i tempi di intervento.   

La versione Mobile del Geoportale è stata studiata per facilitare la navigazione e la consultazione dei dati utilizzando una trasposizione semplificata del visualizzatore cartografico.
L’interrogabilità ed il caricamento degli strati cartografici resta invariato nell’adattamento Mobile che presenta il visualizzatore con un’interfaccia di comando semplice ed intuitiva.

Lo sviluppo per dispositivi mobili è stato studiato per consentirne la compatibilità con i seguenti software: iOS, Android, Windows Phone, Symbian OS e BlackBerry. La compatibilità hardware, invece, è garantita per l’iPhone, iPad, iPod, Samsung Galaxy, Samsung Galaxy Tab e molti altri device.

GENESI-DEC (Ground European Network for Earth Science Interoperations – Digital Earth Community)

E’ un progetto della Comunità Europea, condotto dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che coinvolge numerosi partner internazionali, tra cui il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, attraverso il Geoportale Nazionale. GENESI-DEC aspira alla creazione di una Terra Digitale, connessa virtualmente ad alcuni dei più grandi depositi di dati digitali ambientali, allo scopo di accentrare e mettere a disposizione in un unico luogo virtuale dati tecnologicamente avanzati (satellitari, aerei, in situ), spazialmente georiferiti e qualitativamente garantiti.

Generare informazioni, prodotti e conoscenza da impiegare per:

  • Sviluppo sostenibile economico e sociale
  • Protezione ambientale e gestione dei disastri
  • Rischio idrogeologico
  • Conservazione della natura e della biodiversità
  • Libero accesso a dati territoriali e servizi
  • Condivisione di dati e prodotti a livello mondiale
  • Sviluppo di applicazioni libere
  • Promozione nello sviluppo di Digital Earth Communities

Il Geoportale Nazionale, attraverso il progetto GENESI-DEC, estende il suo bacino di utenti in un campo internazionale, presentandosi come la più grande banca di dati territoriali e ambientali messi a disposizione attraverso i Web Map Services (WMS). In un’ottica di condivisione dei dati e servizi il Geoportale Nazionale, in  collaborazione con ESA-ESRIN, sta sviluppando un’applicazione che  consentirà agli utenti di generare da remoto Modelli Digitali del Terreno (DTM) a partire da dati topografici ad alta risoluzione LiDAR (dati xyz) in  possesso del Ministero dell’Ambiente, utilizzando un sistema di calcolo  parallelo su macchine ESRIN.

L’utente, interagendo singolarmente con entrambi i portali, avrà a  disposizione un’interfaccia grafica che gli consentirà di selezionare, in modo semplice ed intuitivo, le mattonelle xyz di interesse ed i parametri di  elaborazione specifici, al fine di ottenere un dato topografico di dettaglio da utilizzare liberamente nell’ambito dei propri studi di pianificazione e modellazione ambientale.

Partners internazionali: Geoportale Nazionale - MATTM, ESA - European Space Agency; JRC - Joint Research Centre of the European Commission (Belgio), IT Innovation Centre/University of Southampton (Regno Unito), Terradue (Italia) Telespazio (Italia), DLR (Germania), MARIS - Mariene Informatie Service (Paesi Bassi), INGV (Italia), Elasg Datamat (Italia).

DIDATTICA

Con la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) è possibile realizzare lezioni di carattere interattivo, rendendo più agevole lo svolgimento delle attività in quanto si consente di abbinare le immagini e video durante la spiegazione, permettendo di realizzare schemi e memorizzarli per un successivo utilizzo. La partecipazione alle lezioni dell’alunno, pertanto è più attiva, poiché può lavorare direttamente sui contenuti e modificarli al solo tocco di una mano o di un pennarello virtuale.

Utilizzando le svariate risorse grafiche della LIM l’impiego del GN si rispecchia nelle lezioni di:

  • Storia dell’arte, per individuare luoghi di particolare interesse storico-culturale;
  • Storia, per visualizzare luoghi “teatro di battaglia”;
  • Scienze della terra, per tutte le discipline che studiano gli eventi naturali e calamitosi;
  • Geografia per leggere la cartina tematica o identificare le aree geografiche di interesse.

 

Your rating: Nessuno Average: 5 (2 votes)