Espositori informano

Miglioramento Performance Giustizia: ieri il seminario "Servi all'Utenza e sportelli polifunzionali"

Comunicato Stampa. I risultati delle migliori pratiche presentati allo stand Miglioramento Performance Giustizia.

"L’adesione volontaria, consapevole, non obbligatoria è uno dei fattori di successo del progetto ‘Diffusione delle Best Practices negli Uffici giudiziari. Fino ad oggi sono stati presentati 604 progetti innovativi, la maggior parte di riorganizzazione dei processi di lavoro. A fine attività prevediamo di avere circa 1.200 progetti".

È quanto ha detto Giovanni Xilo, Capo del progetto Miglioramento Performance Giustizia, aprendo i lavori del secondo seminario organizzato da Dipartimento Funzione Pubblica e Ministero Giustizia nell’ambito del Forum PA 2012.

"Se, per assurdo, di queste buone pratiche si rivelasse valido anche solo il 10% - ha proseguito Xilo – avremmo oltre 100 buone pratiche da riproporre alla platea degli Ufici giudiziari, con effetti significativi su efficienza e trasparenza delle attività”.

Yvonne Pavignani, Dirigente del Tribunale di Modena, ha riferito su due iniziative: ‘L’ufficio del professionista delegato’ eSportello degli amministratori di sostegno’, che rappresentano due esempi di progetti di riorganizzazione dei servizi realizzati con la collaborazione con soggetti terzi esterni agli Uffici giudiziari. Il primo con la collaborazione ed anche il finanziamento degli Ordini professionali di avvocati e commercialisti; il secondo modulato in base alla domanda di servizi offerti ai cittadini con il supporto delle associazioni di volontariato sociale.

"Anche a fronte dell’aumento del ricorso alla figura del Delegato, che è cresciuto da 500 nel 2008 a quasi 1.000 nel 2011 – ha riferito Pavignani – si è riusciti ad ottenere un incremento della produttività in termini di quantità di fascicoli evasi. Lo Sportello dell’amministratore di sostegno ha permesso di rispondere alla crescente richiesta con una riduzione dei tempi di assegnazione da 4 mesi a 60 giorni”.

Il Tribunale di Milano ha realizzato lo Sportello del testimone, presentato al seminario dal Dirigente Piero Gamacchio. Si tratta di un progetto che ha agevolato moltissimo i cittadini che devono testimoniare nei processi civili e penali, che in una realtà vasta e complessa come quella di Milano hanno difficoltà ad orizzontarsi tra aule, modulistiche ed adempimenti burocratici.

“Partendo da un problema specifico si è arrivati ad una valutazione dell’organizzazione del lavoro – ha evidenziato Gamacchio – Per questo motivo il progetto ha un suo valore anche per tribunali più piccoli”.

Il terzo intervento del seminario è stato svolto dal Magistrato del Tribunale di Torre Annunziata, Claudio Marcopido, che ha presentato un nuovo sistema trasparente di selezione ed assegnazione degli incarichi di perito nei processi civili.

“In effetti gli uffici giudiziari stanno vivendo una stagione caratterizzata da risorse sempre più calanti",ha concluso Xilo, ricordando però che “i maggiori cambiamenti organizzativi molto raramente avvengono a risorse crescenti”.

Il prossimo e ultimo seminario allo stand Miglioramento Performance Giustizia sarà:

  • l’accountability, la trasparenza e le nuove forme di collaborazione e di relazione interistituzionale degli uffici con gli stakeholder.
Nessun voto