La formazione dei dipendenti pubblici tra riforma e manovra

Leonello Tronti introduce il convegno su “La formazione dei dipendenti pubblici tra riforma e manovra” lanciando lo spunto centrale di riflessione: la necessità di contemperare due spinte, da una parte la spinta al cambiamento imposta alla riforma, che richiede formazione e sviluppo di nuove competenze, dall’altra la spinta al contenimento dei costi, che si è esercitata in modo drastico con l’articolo 6 comma 13 del d.l. 78/2010 (manovra economica) che ha disposto un taglio del 50% rispetto al 2009 delle spese per la formazione dei dipendenti pubblici. Cosa stanno facendo le amministrazioni a livello centrale e locale per contemperare queste due spinte? Tronti si sofferma sulla Direttiva 10/2010 del Ministro per la PA e l’Innovazione, che ha cercato di definire meglio l’area della formazione soggetta al taglio e di interpretare positivamente la manovra, individuando come obiettivo il mantenimento e miglioramento delle attività formative pur con le minori risorse a disposizione. Per raggiungere questo obiettivo, sottolinea Tronti, il Dipartimento della Funzione Pubblica, la Scuola superiore di pubblica amministrazione, le altre Scuole delle amministrazioni e il Formez hanno quindi avviato un percorso di razionalizzazione e pianificazione dei fabbisogni e dell’offerta formativa. Tronti illustra questo percorso, in particolare la rivisitazione dei piani annuali di formazione del personale.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno